Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Verso le energie rinnovabili, il Giappone scommette sull’idrogeno

Tokyo – Un giro di prova della Toyota Mirai a idrogeno nel distretto di Odaiba a Tokyo assomiglia a qualsiasi altra berlina di lusso. Ma sette anni dopo il lancio di Mirai, i veicoli a idrogeno sono ancora attraenti in Giappone.

Oggi ci sono solo circa 4.000 auto a idrogeno nel paese, che è solo il 10% degli obiettivi del governo.

A poche miglia di distanza c’è una stazione di servizio a idrogeno, e il solito rumore e odore di una normale stazione di servizio non è evidente. Serbatoi di idrogeno liquido sono abilmente nascosti dietro le mura della stazione; Pump Island è gestita da un assistente che indossa una giacca rossa sportiva. Ci vogliono solo tre minuti per riempire il serbatoio con 5,6 chilogrammi di gas compresso.

Schermata-2021-10-29- at-13-22-02.png
Il Giappone sta investendo nell’idrogeno come valida fonte di energia rinnovabile.

Notizie CBS


“Questa è la nostra eccitante stazione”, ha detto a CBS News Taganori Okada, assistente direttore generale dell’assistente alle pubbliche relazioni di Ivatani Corporation. “Otteniamo una media di 40 o 50 clienti al giorno”.

La maggior parte delle persone deve tenere i propri serbatoi al sicuro al piano di sopra, mi dice un altro dipendente. Ci sono solo circa 160 stazioni di rifornimento di idrogeno in Giappone, concentrate in tre grandi città del paese. In confronto, ci sono circa 30.000 distributori di benzina in tutto il paese. Una volta ogni tre mesi, un automobilista rimane bloccato, il serbatoio è vuoto e devono essere rimorchiati. Con solo pochi modelli di veicoli tra cui scegliere e tutti con prezzi elevati, la mancanza di infrastrutture di rifornimento ha paralizzato i consumatori.

Ma a livello nazionale, nessun paese al mondo parla molto dell’idrogeno come fonte di energia.

Keith Vipke, project manager per il progetto Fuel Cell and Hydrogen Technologies presso il National Renewable Energy Laboratory di Golden, in Colorado, ha dichiarato: “Penso che il modo in cui descrivo l’impegno del Giappone nei confronti dell’idrogeno … sia incrollabile. Il Giappone ha una lunga, lunga – impegno permanente per l’idrogeno.”

Il Giappone povero di risorse ha iniziato la ricerca sull’idrogeno dopo la crisi energetica degli anni ’70. L’incidente nucleare di Fukushima del 2011 e il generale sentimento antinucleare hanno stimolato l’interesse per l’idrogeno e altre energie pulite.

La scorsa settimana, il Il governo ha pubblicato la sua tabella di marcia per la neutralità del carbonio, Raddoppiare la quota di rinnovabili che forniscono elettricità al 38% entro il 2030, con fornitura nucleare di circa un quinto; Il suo obiettivo di combustibile idrogeno-ammoniaca è stato fissato all’1%.

Il Giappone pone molte sfide all’idrogeno. In pompa magna, l’anno scorso il Giappone ha aperto uno dei più grandi impianti di “idrogeno verde” del mondo vicino al luogo dell’incidente nucleare di Fukushima. Nel 2019, Suiso ha lanciato il primo vettore di idrogeno liquido al mondo, la “Frontiera dell’idrogeno”. Ci sono autobus urbani a idrogeno a Tokyo. Quest’anno la fiamma olimpica di Tokyo è stata accesa dall’idrogeno.

Secondo VPK, ci vorranno 40 anni per rendere l’energia solare commercialmente sostenibile e ci vorranno altri 10 anni per fare lo stesso salto e rendere l’idrogeno una risorsa praticabile.

E non tutto l’idrogeno è uguale.

“La cosa importante da notare qui è che l’idrogeno è pulito come viene prodotto”, ha detto a CBS News Monica Nagashima, manager giapponese di InfluenceMap.

Sebbene il carburante stesso non emetta carbonio, la maggior parte dell’idrogeno prodotto oggi è prodotto utilizzando combustibili fossili. “Green Hydrogen” – mira a commercializzare progetti che producono idrogeno da materiali rinnovabili.

I sogni dell’idrogeno del Giappone non sono guidati dalla scarsità di risorse e dagli obiettivi climatici, ha affermato Nagashima.

“Il Giappone ha perso la sua competitività con altri paesi nella produzione di pannelli solari o turbine eoliche e l’idrogeno è considerato un leader mondiale”, ha affermato Nagashima.

Sebbene VPK non abbia ancora scontato le auto a celle a combustibile a idrogeno – più di 11.000 californiani hanno meno distributori di benzina rispetto al Giappone – ha affermato che l’idrogeno è più adatto a settori come l’industria pesante e gli autocarri.

“I camion pesanti a 18 ruote trasportano 80.000 libbre sulla strada in Colorado, scalando montagne sopra i 12.000 piedi con una qualità del 6%, ad esempio, volendo tornare indietro da New York a Los Angeles – uno dietro l’autista, uno che dorme, uno guida”, ha detto. “Puoi farlo con l’idrogeno.”

Previsto dal Global Hydrogen Council L’idrogeno può fornire il 18% dell’energia globale Necessario entro il 2050

“Una cosa che esce fuori questione è che, a lungo termine, l’idrogeno giocherà un ruolo molto importante nel trasporto pesante”, ha detto. I processi industriali come la produzione dell’acciaio “si decarbonizzano tutti producendo idrogeno verde”.

READ  Nuoto-Sei nuotatori polacchi sono stati rimandati a casa dal Giappone dopo un errore amministrativo