Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Toyota, importante fornitore di chip, taglierà la produzione a causa del terremoto in Giappone

Il finestrino di un concessionario di automobili è rotto a seguito di un forte terremoto a Koriyama, nella prefettura di Fukushima, in Giappone, in questa foto scattata da Kyodo il 17 marzo 2022.

Kyodo | tramite Reuters

DETROIT – Un forte terremoto questa settimana in Giappone sta causando ulteriori problemi alla già limitata filiera automobilistica globale, che continua a gestire i problemi causati dalla pandemia di coronavirus e dalla Russia invasione in corso dell’Ucraina.

Mentre le aziende monitorano e valutano i potenziali impatti residui del terremoto di magnitudo 7,4 di mercoledì sulle loro catene di approvvigionamento, le aziende automobilistiche hanno subito l’impatto più immediato Motore Toyota e Renesa Elettronicauno dei principali fornitori di chip semiconduttori per l’industria automobilistica.

La società di ricerca LMC Automotive prevede che il terremoto porterà a una riduzione della produzione di veicoli quest’anno tra 25.000 e 35.000 auto e camion, aggiungendo alle aspettative già diminuite a causa della continua carenza di chip semiconduttori e della guerra in Ucraina.

“Questo è solo un altro livello in cima a un sistema già fragile in cui stiamo assistendo a molta pressione sul lato manifatturiero del business”, ha affermato Jeff Schuster, presidente di LMC per le Americhe. “È certamente qualcosa di cui l’industria non aveva bisogno a questo punto”.

La Toyota venerdì ha dichiarato che sospenderà le operazioni in più della metà dei suoi stabilimenti in tutto il Giappone. La più grande casa automobilistica del mondo per volume ha affermato che 18 linee di produzione in 11 stabilimenti (su 28 linee in 14 stabilimenti) sarebbero interrotte per tre giorni la prossima settimana a causa dei problemi di approvvigionamento causati dal terremoto.

READ  Make It Eight Judo Gold: Aaron Wolf e Shori Hamada continuano la serie hot del Giappone al Nippon Pudokan

“A causa della carenza di parti derivante dai fornitori colpiti dai terremoti, verranno apportati ulteriori adeguamenti alle operazioni di produzione in alcuni stabilimenti in Giappone”, ha affermato Toyota in una nota.

Le chiusure sono state annunciate il giorno dopo che Toyota ha ridotto la produzione di 150.000 unità da aprile a giugno a causa della crescente incertezza della catena di approvvigionamento.

Da più di un anno, l’industria automobilistica globale ha a che fare con una carenza globale di chip semiconduttori causato dalla chiusura degli impianti all’inizio della pandemia di coronavirus. I chip sono il problema più importante tra i problemi della catena di approvvigionamento globale causati dalla pandemia, l’aumento dei costi, l’inflazione e L’invasione russa dell’Ucraina.

“La linea principale di questo è un altro impatto su un sistema già vincolato”, ha affermato Stephanie Brinley, principale analista automobilistico di S&P Global Mobility, ex IHS Markit. “Sembra essere un impatto a breve termine… ma non è solo che l’industria non deve occuparsene in questo momento”.

Secondo la società, Renesas, che secondo quanto riferito produce quasi un terzo dei chip per microcontrollori utilizzati nelle automobili a livello globale, gestisce tre stabilimenti vicino all’epicentro del terremoto nel nord-est del Giappone.

Il fornitore di semiconduttori con sede a Tokyo ha dichiarato che sta tentando di riavviare gli impianti e riportarli ai volumi di produzione pre-terremoto entro mercoledì, incluso uno già domenica.

L’importanza di Renesas nella catena di fornitura globale dei semiconduttori automobilistici è stata evidenziata lo scorso anno a seguito di un incendio in uno degli stabilimenti causato da case automobilistiche come Ford Motor di ridurre significativamente la produzione negli stabilimenti, tra cui molti in Nord America.

READ  I produttori di elettronica giapponesi probabilmente offriranno un aumento di stipendio di 1.500

I team Ford “hanno monitorato la situazione molto da vicino e hanno lavorato attivamente per determinare quale, se del caso, l’impatto potrebbe avere sulle nostre operazioni”, ha affermato venerdì un portavoce dell’azienda. Motori generali rilasciato una dichiarazione simile.

Piccola casa automobilistica giapponese Subaru venerdì ha dichiarato che avrebbe sospeso la produzione venerdì e lunedì in due stabilimenti di assemblaggio di automobili e un impianto di motori e trasmissioni a causa del terremoto.

“Subaru Corporation sospenderà temporaneamente la produzione nei suoi impianti di produzione di automobili a causa delle interruzioni nella fornitura di alcune parti, poiché le operazioni delle fabbriche dei fornitori di quelle parti sono state colpite dal terremoto”, ha affermato Subaru in una nota.

Portavoce delle case automobilistiche giapponesi Motore Honda e Motore Nissan ha affermato che ci sono stati pochi o nessun impatto sulle loro operazioni a causa del terremoto. Un portavoce della Honda ha affermato che la società ha sospeso il turno di notte in uno stabilimento giapponese quando si è verificato il terremoto.