Luglio 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

“The Pink Cloud” vende in Francia, Germania, Giappone

“The Pink Cloud”, un dramma femminista in quarantena e film di punta della nuova generazione di cineaste brasiliane, ha chiuso altri tre importanti territori per la sede parigina MPM Premiumsuggellando accordi di licenza in Francia (Universiné), Giappone (Senlis) e Germania (Lighthouse).

Con MPM Premium attualmente in discussione per Regno Unito, Australia e America Latina, la società di vendita con sede a Parigi si sta avvicinando sempre più al tutto esaurito in tutti i principali territori del mondo.

I territori già assicurati includono Brasile (O2), Nord America (Blue Fox), Taiwan (Digi Sky Entertainment), Cina (Beijing Hugoeast), Corea (K Entertainment) e Russia (World Vision).

Senlis metterà in scena un’uscita nelle sale nel 2023 per “The Pink Cloud”. È stato doppiato e uscirà in Germania e Austria) il 22 luglio. La francese Universciné (Francia) ha lanciato il film come uscita VoD premium, con una promozione specifica per quelli che Universciné chiama i suoi titoli “esclusivi”.

Scritto anche da Gerbase, “The Pink Cloud” mostra due aspetti principali della new wave femminile brasiliana. Uno è l’appropriazione del genere, qui un thriller post-apocalisse per raccontare una storia incentrata sul personaggio, poiché la protagonista Giovana è costretta dalla nube tossica titolare a vivere anni di isolamento con Iago, che ha incontrato solo la notte prima dell’arrivo della nube.

L’altra è una chiara voce femminista vista come Giovana si rifiuta di vivere la vita che la società si aspetta da lei, ponendo fine alla sua relazione con Iago, creando la propria vita fantastica e ribellandosi sempre di più al lockdown.

Scritto nel 2017 e girato nel 2019 prima che il COVID-19 colpisse, “The Pink Cloud” è stato anche preso come una visione premonitrice delle dinamiche relazionali del blocco. Il “pezzo da camera brasiliano inchioda la vita del lockdown con una precisione dolorosa e accidentale”, Varietà ha scritto nella sua recensione positiva.

“Questo film utilizza il motivo fantasioso delle ‘nuvole rosa’, ma è ricco di suggerimenti per ripensare una realtà che è completamente cambiata e le emozioni che affrontiamo di fronte ad essa”, ha affermato Ayano Ikeda di Senlis, che ha aggiunto: “Ci fa anche pensare alla vita della nuova generazione dopo la pandemia. Crediamo che, come un’altra storia di noi stessi, toccherà il cuore del pubblico giapponese “.

READ  Art Islands of Japan: il lavoro di Tadao Ando a Naoshima

In particolare, mentre molti accordi di vendita “Pink Cloud” coinvolgono un elemento teatrale, anche il gioco VOD è significativo in molti.

“Nel contesto della diminuzione delle presenze nelle sale, e con l’argomento così tempestivo, abbiamo optato per questo tipo di distribuzione vivace con la stampa che copriva sempre più esclusive”, ha detto Quentin Worthington di MPM Premium a proposito dell’uscita di Universciné.

MPM Premium ha presentato “The Pink Cloud” al mercato internazionale come work-in-progress al Ventana Sur del 2020, dove è stato proiettato insieme ad altri due titoli importanti di giovani cineaste brasiliane: “Fogaréu” di Flavia Neves, una bruciante rappresentazione realista magica della provinciale Brasile; e “The Joy of Things” di Thais Fujinaga, un ritratto indagatore della maternità sotto pressione. Entrambi hanno giocato la principale competizione Primer Corte del mercato.

Un player Panorama della Berlinale 2022, acquisito anche da MPM Premium, “Fogaréu” riceverà una proiezione sul mercato fisico a Cannes il 22 maggio. Sarà reso disponibile 24 ore dopo come titolo Catch Up online.

La nuvola rosa
CREDITO: MPM PREMIUM