Luglio 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Spingere per legami militari più forti con il Giappone; Il settore dell’assistenza all’infanzia del NSW riceverà un aumento di $ 5 miliardi; Il settore edile del Victoria sostiene la revisione dell’imposta di bollo

Il mercato azionario australiano è sceso fino al 5% questa mattina, in calo di oltre 349 punti a un minimo di 6582,70 con ogni azione sull’ASX200 invariata o inferiore.

Segue il benchmark S&P 500 di Wall Street che entra ufficialmente in un mercato ribassista dopo che numeri di inflazione peggiori del previsto hanno sollevato la prospettiva di aumenti aggressivi dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense.

I titoli tecnologici hanno guidato i ribassi con il proprietario di Afterpay Block in calo di oltre il 18% e Appen il secondo con le peggiori performance, in calo del 13,4%. Anche Zip Co è scesa del 12%.

L’ASX è un mare di rosso martedì mattina.Credito:Louie Douvis

Anche il dollaro australiano è sceso bruscamente, perdendo l’1,9% a 69,24 centesimi di dollaro USA alle 6:40 AEST.

I timori per una possibile recessione stanno martellando i mercati globali e l’S&P 500 di Wall Street è caduto in un mercato ribassista dopo essere sprofondato di oltre il 20% al di sotto del record stabilito all’inizio di quest’anno.

Un rapporto della scorsa settimana secondo cui l’inflazione stava peggiorando, non migliorando, come molti avevano sperato, ha mandato un brivido attraverso i mercati che è continuato fino a questa settimana. L’S&P 500 è sceso del 3,9%, portandolo di oltre il 20% al di sotto del livello record stabilito a gennaio. Il Dow Jones Industrial Average ha perso il 2,8% e il composito Nasdaq è crollato del 4,7%.

Al centro dell’attenzione di Wall Street c’era ancora una volta la Federal Reserve, che sta lottando per tenere sotto controllo l’inflazione. Il suo metodo principale è aumentare i tassi di interesse per rallentare l’economia, uno strumento contundente che rischia una recessione se usato in modo troppo aggressivo.

READ  Le compagnie ferroviarie stanno intensificando le operazioni contro gli attacchi ai treni

Con la Fed apparentemente bloccata nel dover diventare più aggressiva, i prezzi sono crollati per qualsiasi cosa, dalle obbligazioni ai bitcoin, da New York alla Nuova Zelanda, con i cali più forti che hanno colpito i maggiori vincitori della precedente era dei tassi bassi.

“La cosa migliore che le persone possono fare è non farsi prendere dal panico e non vendere in fondo”, ha affermato Randy Frederick, amministratore delegato di trading e derivati ​​presso lo Schwab Center for Financial Research, “e probabilmente non siamo in fondo”.

Con AP.

Leggi di più qui.