Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Spiegatore: perché i russi non hanno gareggiato sotto la loro bandiera a Pechino?

PECHINO: Gli atleti russi che gareggeranno alle Olimpiadi di Pechino questo mese gareggeranno senza bandiera e inno nazionale a causa di un divieto di doping.

Ecco perché sono stati imposti divieti agli sport russi e cosa significano per gli atleti di campagna.

Perché ci sono sanzioni contro la Russia?

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) nel dicembre 2019 ha imposto sanzioni all’agenzia nazionale antidoping russa, Rusada. Queste azioni hanno avuto un effetto continuo sul gioco russo sulla scena mondiale.

La WADA ha affermato che i funzionari russi hanno “gestito i dati da un laboratorio di Mosca” in modo spudorato e illegale.

Nel novembre 2015, in seguito alla scoperta di prove di doping di massa nell’atletica leggera russa, l’agenzia è stata dichiarata “incompatibile” dalla WADA nel novembre 2015.

Le sanzioni della WADA, tra le altre cose, hanno impedito alla Russia di sventolare la sua bandiera in occasione di importanti eventi sportivi per quattro anni. Le sanzioni sono state dimezzate dopo l’appello della Russia.

Cosa ha fatto la Russia al riguardo?

Rusada ha impugnato la decisione del Tribunale Arbitrale (CAS) per gli sport di Lawson.

A dicembre 2020 il TAS – la Corte suprema del gioco – si è pronunciato a favore dell’irrogazione parziale delle sanzioni, ma le ha dimezzate per due anni. Il divieto scadrà il 16 dicembre 2022.

Le restrizioni impediscono alla Russia di ospitare, fare offerte o concedere diritti di hosting per i principali eventi sportivi internazionali, comprese le Olimpiadi e i Campionati del mondo.

Vietano lo sventolare della bandiera del paese e l’esecuzione del suo inno in tali eventi.

Cosa significa questo per gli atleti russi a Pechino?

READ  Il Giappone osserva nuove normative sui provider di sistemi operativi per smartphone

La delegazione russa a Pechino, composta da 212 atleti, non ha potuto esporre la bandiera tricolore del Paese né gli emblemi o gli stemmi nazionali.

Invece di rappresentare la Russia, gli atleti competono come rappresentanti del Comitato olimpico russo con l’acronimo “ROC”.

Le loro divise portano il logo del Comitato Olimpico Russo – invece della bandiera russa, ci sono tre fiamme nei colori della bandiera nazionale, con anelli olimpici sotto di loro.

I campioni olimpici russi presenteranno le loro medaglie d’oro al concerto per pianoforte n. 1 di Pyotr Tchaikovsky, scelto per sostituire l’inno nazionale.

Cosa significa questo per le autorità russe?

Le sanzioni impediscono inoltre ai funzionari del governo russo di partecipare o partecipare alle Olimpiadi. Tuttavia, ci sono eccezioni a questa regola.

Gli alti funzionari invitati dal presidente del paese ospitante possono comunque partecipare. Il presidente russo Vladimir Putin, invitato dal presidente cinese Xi Jinping ai Giochi di Pechino, colmerà il vuoto lasciato da diversi dignitari stranieri che boicotteranno la cerimonia di apertura del 4 febbraio.

Come hanno gareggiato i russi alle Olimpiadi precedenti?

I russi che gareggeranno a Pechino saranno soggetti alle stesse restrizioni dei loro compagni di squadra che hanno gareggiato alle Olimpiadi estive di Tokyo lo scorso anno.

La bandiera russa è stata sventolata anche ai Giochi invernali di Pyongyang del 2018 in Corea del Sud come punizione per il doping sponsorizzato dal governo ai Giochi di Sochi del 2014.

Molti russi sono stati banditi dai Giochi estivi di Rio 2016, che, in risposta a un rapporto imposto dalla WADA, hanno scoperto che c’era un doping sistematico in un gran numero di campi olimpici.

READ  La crescita della produzione industriale del Giappone fornisce un po' di sollievo all'economia fragile

La Russia riconosce alcune carenze nell’applicazione delle regole antidoping, ma si rifiuta di eseguire un programma antidoping sponsorizzato dal governo.

(Rapporto di Gabriel Tetrad-Farber; Montaggio di Ken Ferris)


Foto d’archivio: motoscafi russi sono stati avvistati all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca, in Russia, il 26 gennaio 2022, poco prima della partenza per le Olimpiadi invernali di Pechino 2022. REUTERS / Maxim Shemetov

Foto d'archivio: Gli atleti russi compaiono prima delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022 il 26 gennaio 2022 all'aeroporto Sheremetyevo di Mosca, Russia.  REUTERS / Maxim Shemetov
Foto d’archivio: Gli atleti russi compaiono prima delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022 il 26 gennaio 2022 all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca, Russia. REUTERS / Maxim Shemetov

(C) Brevetto Thomson Reuters 2022. Fare clic per le restrizioni –
https://agency.migration.com/en/copyright.html