Settembre 24, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Seoul Shinzo Abe Yasukuni visita il controverso signore della guerra giapponese Seoul Shinzo Abe

Il ministro della Difesa giapponese ha visitato venerdì un tempio a Tokyo per pregare per le vittime della guerra, pochi giorni prima del 76° anniversario della sconfitta della seconda guerra mondiale, come segno dell’occupazione della Cina in tempo di guerra.

Le vittime delle operazioni giapponesi nella prima metà del XX secolo, in particolare i coreani e la Cina, vedono il tempio come un simbolo del militarismo giapponese, poiché solleva circa 2,5 milioni di criminali di guerra morti in guerra.

“È naturale in ogni Paese rendere omaggio agli spiriti di coloro che sono morti in guerra”, ha affermato il ministro della Difesa Nobuo Kishi, fratello minore dell’ex primo ministro Shinzo Abe.

“Ho espresso il mio rispetto e reso omaggio a coloro che hanno combattuto per il Paese e hanno perso la vita nella battaglia finale”, ha detto Kishi dopo la preghiera. “Ho rinnovato la mia promessa di abbandono della guerra e la mia risoluzione per proteggere la vita delle persone e il sostentamento pacifico”.

Nel dicembre 2016, è diventato il primo ministro della Difesa a visitare Yasukuni dopo il sostenitore di Abe Tommy Inada.

Abe è stato lontano dal tempio per sette anni dopo che la visita del 2013 aveva fatto arrabbiare Cina e Corea, ma ha continuato a visitarla da quando si è dimesso da primo ministro lo scorso anno.

Durante la festa di primavera di Yasukuni ad aprile, il primo ministro Yoshihide Suka ha donato un ornamento religioso, ma ha evitato di andare al tempio.

Il ministro dell’economia e delle finanze Yasutoshi Nishimura, responsabile delle attività epidemiche, ha visitato il tempio separatamente venerdì.

READ  Starbucks funziona di notte? Gli articoli della catena inizieranno a essere scontati prima dell'orario di chiusura in Giappone

Kishi e Nishimura hanno detto di aver scelto di visitare il tempio per evitare la folla e per offrire preghiere tranquille prima delle celebrazioni per l’anniversario del 15 agosto.

La Corea del Sud e la Cina hanno criticato le offerte o le visite al tempio dei leader giapponesi, esortandoli a confrontarsi e riflettere sull’occupazione giapponese in tempo di guerra.

Molti sudcoreani nutrono un forte odio per il Giappone per il dominio coloniale del 1910-45 sulla penisola coreana. Le relazioni tra Giappone e Tokyo sono precipitate negli ultimi anni a causa dei risarcimenti per i lavori forzati durante la guerra di Corea e degli abusi sessuali delle cosiddette “donne di conforto” da parte dell’esercito giapponese.

Il ministero degli Esteri della Corea del Sud ha convocato un vice ambasciatore presso l’ambasciata giapponese a Seoul per protestare contro la visita di Kishi. Il ministero della Difesa di Seoul ha rilasciato una dichiarazione in cui esprime la visita di Kishi come “dispiacevole” e la sua “seria preoccupazione e rammarico”.

___

Kim Dong-hyung, uno scrittore dell’Associated Press a Seoul, Corea del Sud, ha contribuito al rapporto.