Ottobre 2, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Segno di rimbalzo VLCC mentre MOL effettua l’ordine per le prime navi cisterna GNL del Giappone

MOL ha ordinato due VLCC quando sono comparsi i segni di un rimbalzo del segmento (foto del file MOL)

Pubblicato 25 ago 2022 14:53 da

L’esecutivo marittimo

Il mercato delle navi cisterna e in particolare il segmento VLCC sta mostrando segni del previsto rimbalzo da un minimo ciclico poiché la giapponese Mitsui OSK Lines (MOL) ha piazzato il suo primo nuovo ordine di costruzione navale per VLCC. L’ordine è arrivato come parte di un più ampio investimento di MOL in navi alimentate a GNL per guidare i suoi sforzi per attuare il suo piano di decarbonizzazione a lungo termine per la flotta.


La costruzione navale di nuove petroliere e in particolare di VLCC è rimasta a livelli bassi a causa del calo a lungo termine dei mercati petroliferi e della riluttanza degli armatori a investire in nuovo tonnellaggio. A metà anno, Clarkson ha riferito che il portafoglio ordini per le petroliere aveva raggiunto il minimo di 25 anni. Insieme hanno riportato che gli ordini per petrolio greggio e navi cisterna si attestavano a soli 35 milioni di tonnellate di peso corporeo.


Gli analisti hanno cercato segnali di svolta del mercato mentre gli armatori parlavano delle aspettative che il segmento avrebbe risposto agli aumenti dei prezzi del petrolio. John Fredriksen ad esempio ha giustificato la prevista fusione di Frontline ed Euronav parlando di come si sarebbero posizionate per l’attesa svolta nel mercato con la più grande flotta di superpetroliere.


Oggi, Frontline ha riportato risultati di metà anno con oltre $ 300 milioni di ricavi per la prima metà dell’anno e $ 47 milioni di utile netto per il secondo trimestre. Hanno citato il miglioramento dei tassi spot mentre prevedevano che i tassi giornalieri nel terzo trimestre avrebbero superato per la prima volta in diversi trimestri i tassi di pareggio di cassa giornalieri medi stimati.


“Negli ultimi trimestri abbiamo indicato quella che riteniamo sarà una ripresa ciclica per le petroliere, e questa visione è stata ulteriormente rafforzata solo durante la prima metà dell’anno”, ha commentato Lars Barstad, amministratore delegato di Frontline. “L’offerta e la domanda di petrolio e trasporto di prodotti si sono gradualmente inasprite mentre il mondo si riprendeva dalla pandemia di COVID-19 e sembra che sia stato trovato un punto cruciale. Con il portafoglio ordini più basso come percentuale della flotta visto negli ultimi decenni e la normalizzazione della domanda e dell’offerta di petrolio, riteniamo che questo sia di buon auspicio per gli anni a venire”.


Frontline è stata tra le poche aziende a prendere in consegna nuovi VLCC nel 2022. Durante il secondo trimestre, Hyundai Heavy Industries ha consegnato sia Front Alta che Front Tweed, entrambi VLCC da 300.000 dwt a Frontline. Hanno quattro VLCC aggiuntivi in ​​costruzione anche in Corea del Sud in fase di consegna.


MOL si è aggiunta al libro degli ordini annunciando oggi che costruirà due nuovi VLCC. Le petroliere, ciascuna di circa 1.114 piedi di lunghezza e 309.000 tpl, saranno costruite da Dalian COSCO KHI Ship Engineering Co., la joint venture tra Kawasaki Heavy Industries e China COSCO Shipping Corporation. Oltre ad essere un ordine raro per i VLCC, saranno anche degni di nota come il primo VLCC alimentato a GNL ordinato da un operatore di navi cisterna giapponese. La consegna è prevista nel 2025 e nel 2026.


L’ordine fa anche parte del piano di MOL di adottare energie alternative pulite mentre si avvicina a zero emissioni nette di gas serra. Il piano prevede di espandere la sua flotta di navi alimentate a GNL a circa 90 entro il 2030. Oltre ai due VLCC, MOL ha anche annunciato l’ordine di quattro bulker Capesize di classe DWT da 210.000 DWT. Saranno costruiti da CSSC Qingdao Beihai Shipbuilding Co., i primi ordini di MOL con questo cantiere cinese, e dovrebbero essere consegnati nel 2025 e nel 2026. MOL riferisce che con questi ordini ha in costruzione 16 navi oceaniche alimentate a GNL, tra cui questi bulker e VLCC oltre a portaerei, bulkers e sei navi costiere che sono traghetti, rimorchiatori e una nave da carico costiera.


Gli analisti sono stati incoraggiati dalla notizia dell’ordine VLCC di MOL come un altro segno che gli armatori si stanno preparando per un ciclo di crescita nel settore.

READ  nLDK costruisce una "casa commestibile" che cresce accanto al suo orto in Giappone