Agosto 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Riforma introvabile in un Giappone in contrazione

Autore: Comitato Editoriale, ANU

Il Giappone si sta restringendo e invecchiando. La popolazione è diminuita di 618.000 l’anno scorso e la società giapponese è la più antica del mondo con quasi il 30 per cento della popolazione di età superiore ai 65 anni. In 15 anni quella quota sarà di un terzo. I centenari sono 80.000 e il numero è in crescita.

Ogni persona in età lavorativa dovrà sostenere di più nella società poiché la longevità e un basso tasso di natalità continuano a invecchiare in Giappone. L’aumento del tasso di dipendenza significa che la crescita della produttività diventerà ancora più importante per sostenere il tenore di vita della popolazione.

La società giapponese affronta questa sfida con un debito pubblico da far venire l’acquolina in bocca del 270% del PIL – il più alto mai registrato per qualsiasi paese – rispetto al 137% degli Stati Uniti o al 48% dell’Australia, per esempio. Il debito pubblico continua ad aumentare con la “democrazia d’argento” del Giappone che rende difficile ridurre l’aumento dei costi dell’assistenza sanitaria, dell’assistenza agli anziani e delle pensioni. La spesa per la difesa è in aumento e non ci sono piani in vista per ridurre il debito pubblico.

Prima del COVID-19 il Giappone iniziava a sbloccare l’immigrazione, gradualmente. Anche se riprendesse quando il Giappone aprirà i suoi confini, non farebbe quasi alcuna differenza.

Il mantenimento del tenore di vita in Giappone dipenderà dalla rapida crescita della produttività.

I due primi ministri che sono riusciti a rimanere in carica per più di un anno dall’inizio del secolo – Junichiro Koizumi e Shinzo Abe – hanno fatto qualche progresso sulle riforme, ma una società stanca delle riforme significava che i progressi erano limitati. I due passi avanti rispetto alla privatizzazione e alla deregolamentazione di Koizumi nei primi anni 2000 sono stati raggiunti da un passo indietro dopo che ha lasciato l’incarico.

READ  Morto a 91 anni il fumettista giapponese Sunbe Sato

L’ambizioso pacchetto di riforme sull’Abenomics di Abe non è riuscito a sfruttare le riforme strutturali o dal lato dell’offerta che avrebbero aumentato la produttività. Invece le frecce che hanno sparato sono state politiche più facili dal lato della domanda con il governo che spende di più e la Banca del Giappone che tiene l’economia inondata di contanti. Alcuni progressi sono stati compiuti con la riforma del governo societario, la graduale liberalizzazione dell’agricoltura protetta e l’aumento del tasso di partecipazione femminile alla forza lavoro, ma tutto da una base molto bassa.

Entrano in scena il primo ministro ‘populista’ Fumio Kishida e il suo ‘nuovo capitalismo’ che è stato rivelato all’inizio di quest’anno.

Come sostiene Richard Katz nel primo dei saggi principali di questa settimana, ciò che Kishida ha prodotto era ‘pieno di retorica sul raggiungimento di un “ciclo virtuoso di crescita e distribuzione”, ma molto debole su qualsiasi misura sostanziale per raggiungerlo. È altrettanto debole per quanto riguarda le misure volte a promuovere gli obiettivi di miglioramento della crescita».

I compromessi politici hanno lasciato a Kishida “nient’altro che un rimaneggiamento delle misure fallite stabilite da predecessori come Abe”. Ai riformatori è stato detto di aspettare fino alle elezioni della Camera alta previste tra due settimane. È anche la linea temporale ampiamente diffusa per aprire di nuovo il Giappone ai turisti. La popolarità di Kishida rimane alta per aver tenuto chiusi i confini del Giappone per placare gli elettori anziani cauti e avversi al rischio.

La buona notizia è che c’è poco frutto con il Giappone molto indietro nella digitalizzazione. Naohiro Yashiro spiega nel nostro secondo lungometraggio di questa settimana che “un migliore utilizzo dell’economia digitale è necessario per superare la carenza di forza lavoro causata da una popolazione in età lavorativa in rapido declino”. La digitalizzazione sosterrà la crescita della produttività. Fortunatamente, sostiene Yashiro, “lo slancio per la riforma digitale è sopravvissuto alla recente transizione della leadership”. Ma “il successo della digitalizzazione si basa sulla forte leadership di Kishida nel persuadere i giapponesi a costruire una società digitale” ed è qui che gli sforzi potrebbero finire.

READ  Il governo giapponese adotta il disegno di legge per le auto senza conducente a determinate condizioni

Proveniente dalla fazione Kochikai del Partito Liberal Democratico al governo che ha tradizionalmente avuto politiche estere moderate e liberali, Kishida ha continuato la tendenza avviata da Abe e dall’ex primo ministro Yoshihide Suga di fortificare l’economia giapponese nel suo impegno con la Cina. Le nuove leggi di “sicurezza economica” denominate in modo ingannevole mettono la sicurezza nazionale prima dell’economia e le trattano come sostituti, non come complementi.

Come spiega Toshiya Takahashi nel nostro terzo lungometraggio, la nuova legge “consente al governo nazionale di intervenire nei rapporti tra società giapponesi e società straniere” attraverso catene di approvvigionamento, infrastrutture di base, tecnologia leader e pubblicazione di brevetti per tecnologie sensibili. Takahashi sostiene che “la nuova politica di sicurezza avrà effetti incerti sulla sicurezza e sugli affari giapponesi”. Queste misure di “sicurezza economica” sono iniziate nel 2019 quando il governo giapponese ha implementato controlli sulle esportazioni contro la Corea del Sud in modo fortemente politicizzato.

In risposta alle interruzioni della catena di approvvigionamento dovute al blocco del COVID-19, il governo giapponese ha utilizzato sussidi nel 2020 “intesi a incoraggiare l'”onshoring”, o l’ubicazione di impianti di produzione in Giappone, di prodotti high-tech per prepararsi ai rischi di interruzione delle importazioni”. Sono stati chiamati sussidi per 2,3 miliardi di dollari alla produzione onshore e 220 milioni di dollari per espandere le catene di approvvigionamento nel sud-est asiatico e nell’Asia meridionale ‘Uscita dalla Cina‘sussidi alla stampa. Il welfare aziendale ha aiutato le aziende già a spostare la produzione fuori dalla Cina alla ricerca di salari più bassi e quell’anno è volato di fronte a 12 miliardi di dollari di investimenti giapponesi in Cina volti a affari a più alto valore aggiunto.

READ  Il gusto per il curry gratuito lascia i membri delle forze di difesa giapponesi in salamoia | Giappone

Il Giappone non ha ancora abbracciato il puro protezionismo, ma è difficile distinguere alcune delle politiche di “sicurezza economica” o “nuovo capitalismo” da costose politiche industriali. E non c’è alcun segno di una politica commerciale ambiziosa. Mentre l’economia globale cerca di riprendersi dalla recessione indotta dalla pandemia, il Giappone, la terza economia più grande del mondo, può svolgere un ruolo importante nel mantenere aperti i mercati globali e aiutare a evitare che la concorrenza strategica USA-Cina danneggi il multilateralismo. Ma nessun ministro giapponese si è preso la briga di unirsi agli altri 120 ministri alla riunione dell’OMC che ha prodotto un pacchetto rivoluzionario di Ginevra la scorsa settimana.

Quello che serve è collegare l’imperativo della riforma interna con un commercio, una politica estera e una diplomazia proattivi, non difensivi. Il Giappone non può permettersi sussidi e politiche industriali basate sulla scelta di vincitori nazionali. La riforma economica sarà più facile se l’economia non si ritirerà dalla grande economia cinese. Speriamo che Kishida riesca a far crescere del capitale politico dopo le elezioni della camera alta e che sappia come usarlo.

Il comitato editoriale dell’EAF si trova presso la Crawford School of Public Policy, College of Asia and the Pacific, The Australian National University.