Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Renesas sospende gli impianti di semiconduttori in Giappone dopo il terremoto

TOKYO – Renesas Electronics Corp., produttore chiave di semiconduttori per l’industria automobilistica globale, ha sospeso le operazioni in tre stabilimenti in Giappone dopo che un grave terremoto ha colpito il nord-est del Paese, innescando uno tsunami, causando blackout e ringhiando nei trasporti.

Renesas ha detto che tutti e tre gli stabilimenti, gli stabilimenti di Naka, Takasaki e Yonezawa, si trovano vicino alla zona del terremoto, che era centrata al largo della costa del Pacifico dalla città di Sendai. Il temblor di magnitudo 7,4 ha scosso città fino a Tokyo quando ha colpito poco dopo le 23:30 del 16 marzo.

Qualsiasi interruzione a lungo termine della produzione Renesas potrebbe allargare un’industria automobilistica globale già scossa da una carenza mondiale di semiconduttori che ha martellato la produzione e le vendite. Tutti e tre gli stabilimenti interessati producono chip utilizzati nel settore automobilistico.

Il sisma ha colpito nella stessa area dell’epicentro della massiccia catastrofe terremoto-tsunami di magnitudo 9,0 che ha scosso il paese quasi esattamente 11 anni fa, l’11 marzo 2011. Quel terremoto ha ucciso più di 19.000 persone e ha messo offline l’impianto Naka di Renesas per mesi.

Nell’ultimo disastro naturale, Renesas ha dichiarato il 17 marzo che l’elettricità è stata ripristinata nei due impianti che hanno perso energia durante la notte. L’azienda sta attualmente valutando l’impatto su apparecchiature e prodotti, nonché sulla sicurezza delle strutture e sulle condizioni delle camere bianche.

Renesas ha affermato di non poter dire quando la produzione potrebbe riprendere negli stabilimenti Naka e Takasaki. La società ha affermato di aver parzialmente ripreso la produzione di alcune linee di prova nel suo stabilimento di Yonezawa.

READ  Figurine Skating-Shoma ha vinto l'inizio del Japan Open

Gli stabilimenti di Naka e Yonezawa producono microcontrollori per uso automobilistico e industriale. Lo stabilimento di Takasaki produce i cosiddetti chip PMOS utilizzati nella conversione delle correnti elettriche AC-DC.

Gli impianti si spengono automaticamente in caso di interruzione dell’alimentazione durante la notte. Anche se non ci sono danni, ci vorranno diversi giorni per riavviare completamente le strutture, ha affermato un portavoce di Renesas.

Solo un dipendente è rimasto ferito, con un lieve livido.

Honda Motor Co. e Nissan Motor Co. ha detto che i loro impianti stavano funzionando normalmente la mattina dopo il terremoto. Toyota ha dichiarato di aver sospeso le operazioni di turno mattutino in due stabilimenti di assemblaggio vicino alla zona del terremoto per condurre ispezioni di sicurezza e decidere in seguito quando riprendere.

Il terremoto durante la notte ha ucciso tre persone e ferito 170, ha riferito l’emittente pubblica giapponese NHK. Ha innescato un piccolo tsunami e ha persino fatto deragliare il famoso treno proiettile giapponese. I blackout hanno colpito la rete elettrica fino a Tokyo, dove gli edifici hanno tremato e i treni sono stati fermati.