Dicembre 9, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Perché il Giappone rimane il più grande investitore negli Stati Uniti

All’inizio di quest’anno, le auto Mazda sono uscite da una linea di produzione americana per la prima volta in un decennio. Il nuovo stabilimento di Mazda Motor vicino a Huntsville, in Alabama, un progetto congiunto con la consociata casa automobilistica giapponese Toyota, ha iniziato a produrre un SUV progettato per il mercato statunitense.

L’inversione di marcia di Mazda, anni dopo che ha interrotto i legami con il partner di lunga data Ford e ha abbandonato la produzione statunitense, mostra quanto l’azienda faccia affidamento sulle vendite negli Stati Uniti. Il Nord America è diventato il suo più grande centro di profitto al di fuori del Giappone, crescendo fino a rappresentare il 30% delle vendite del gruppo anche se la quota del Giappone si è ridotta.

Mazda e Toyota possiedono e gestiscono congiuntamente la struttura in Alabama e insieme hanno investito 2,3 miliardi di dollari nel progetto. Nessuno dei due può permettersi che fallisca.

“La nostra crescita futura risiede negli Stati Uniti”, afferma Masashi Aihara, un veterano Mazda che ora è presidente della joint venture Mazda-Toyota. “Le nostre fortune stanno cavalcando su questa ripresa della produzione statunitense”.

Il Giappone è stato il più grande investitore straniero negli Stati Uniti per tre anni consecutivi, poiché le aziende inseguono la crescita nel paese più ricco del mondo. Ma il mercato presenta anche sfide, in particolare l’aumento dei costi e le differenze culturali, che potrebbero indurre alcuni potenziali investitori a pensarci due volte.

L’investimento diretto cumulativo del Giappone negli Stati Uniti ha raggiunto 721 miliardi di dollari l’anno scorso, il 14% del totale di 4,98 trilioni di dollari, secondo i dati del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Le filiali americane e le affiliate di società giapponesi hanno esportato beni per un valore di 75,3 miliardi di dollari nel 2020, ben prima dei 47,5 miliardi di dollari della Germania, seconda classificata. La loro spesa in ricerca e sviluppo è stata di 12 miliardi di dollari, un secondo vicino ai 12,7 miliardi di dollari della Germania, e hanno impiegato circa 930.000 lavoratori, secondi solo alle aziende britanniche.

Circa la metà degli investimenti del Giappone è stata nella produzione. Oltre all’industria automobilistica, c’è stata una nuova spesa in prodotti alimentari e farmaceutici, attingendo alla forte domanda statunitense. Fujifilm l’anno scorso ha annunciato piani per un impianto di produzione di farmaci da 200 miliardi di yen (1,4 miliardi di dollari) negli Stati Uniti.

READ  Gli stati dell'AIE concordano sul rilascio coordinato del petrolio ma non sui volumi: Giappone

Nel settore dei servizi, nel frattempo, il gruppo di vendita al dettaglio Seven & i Holdings ha acquisito la catena di minimarket di stazioni di servizio Speedway per $ 21 miliardi nel 2021. Ora si aspetta che i suoi minimarket all’estero superino le loro controparti nazionali in termini di profitto operativo quest’anno fiscale.

“Il Nord America sta diventando il principale motore della nostra attività”, afferma Ryuichi Isaka, presidente di Seven & i.


aziende giapponesi operanti all’estero si sono generalmente concentrati su Cina, Sud-est asiatico ed Europa insieme agli Stati Uniti. L’aumento degli investimenti in America arriva tra le preoccupazioni per la Cina, che dovrebbe rivaleggiare in dimensioni con il mercato statunitense ma è afflitta da crescenti rischi politici.

Questi includono le tariffe punitive imposte da Washington alle importazioni cinesi, insieme alla crescente interferenza del governo cinese nel settore privato. La posizione di investimento diretto del Giappone in Cina è cresciuta solo del 26% tra il 2015 e il 2021, rispetto al 50% negli Stati Uniti, secondo i dati della Bank of Japan.

“Dati i rischi aziendali, non possiamo davvero dare gas alle nostre operazioni in Cina”, afferma un dirigente di una casa automobilistica giapponese.

La spinta dell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden a portare a casa la produzione e le catene di approvvigionamento ha reso difficile per le aziende giapponesi importare parti e materiali dalla Cina negli Stati Uniti come hanno fatto in passato. Le aziende che desiderano espandersi negli Stati Uniti devono investire di più per creare reti di approvvigionamento e produzione locali.

READ  Il Primo Ministro del Giappone ha interrotto la campagna mentre la mia Corea conduceva un test missilistico

Questa spesa non garantisce il successo. La concorrenza si sta intensificando non solo dai giocatori locali, ma anche dai rivali europei e sudcoreani.

E gli Stati Uniti non offrono necessariamente i migliori ritorni sull’investimento tanto per cominciare.

I margini di profitto sugli investimenti diretti delle società giapponesi sono rimasti saldamente a doppia cifra in Cina, con il sud-est asiatico generalmente non troppo indietro di circa il 10%. Ma sono stati a lungo al di sotto del 10% negli Stati Uniti, scendendo a meno del 5% dal 2020.

Un fattore sono i costi elevati: in un sondaggio dello scorso anno condotto dalla Japan External Trade Organization (Jetro), un ente di promozione commerciale sostenuto dal governo giapponese, più della metà delle aziende giapponesi che operano negli Stati Uniti ha citato l’aumento dei salari come una sfida, con quasi il molti indicano un aumento dei costi logistici e di approvvigionamento.


Un’ulteriore difficoltà è la più ampia gamma di salari negli Stati Uniti rispetto al Giappone, dove la deflazione ha attanagliato l’economia per tre decenni.

La retribuzione dei dipendenti tende a variare poco in base alle strutture salariali basate sull’anzianità che le aziende giapponesi utilizzano tipicamente e gli sforzi per introdurre una retribuzione basata sul merito hanno finora fatto poco per cambiarlo. Ma negli Stati Uniti può essere difficile attrarre talenti eccezionali senza una paga eccezionale.

Il gruppo industriale Hitachi, ad esempio, che sta cercando di ricoprire ingegneria e altre posizioni presso il suo centro di tecnologia digitale in California con l’aiuto di un database globale dei dipendenti, afferma che “non è facile” condividere il personale tra Giappone e Stati Uniti a causa delle differenze nei sistemi di remunerazione tra i due paesi.

READ  Luca collabora con Xen Capital di Singapore per lanciare la piattaforma giapponese

Questo vale anche per il management, portando a situazioni come il capo della 7-Eleven con sede negli Stati Uniti che guadagna circa 20 volte tanto quanto il capo di Seven & i, il suo genitore giapponese.

Gli scarsi ritorni su fusioni e acquisizioni, soprattutto nei settori finanziario e delle telecomunicazioni, pesano anche sulla redditività complessiva di FDI. Quando le aziende giapponesi acquistano attività negli Stati Uniti, spesso lottano con l’integrazione, superando le differenze di lingua, cultura e clima aziendale per allineare la gestione locale con la casa madre giapponese. Le crescenti divisioni politiche degli Stati Uniti possono essere particolarmente difficili da superare.

Aborti. Poiché gli stati conservatori vietano la procedura, le aziende devono affrontare la questione di come sostenere i propri lavoratori. Ma le aziende giapponesi sono in gran parte estranee al background culturale cristiano del dibattito e trovano difficile unire dipendenti con opinioni diverse. UN elenco compilato dalla Yale University di quasi 140 aziende che offrono supporto relativo all’aborto, include alcune dal Giappone.

La cauta cultura imprenditoriale del Giappone si aggiunge a tali difficoltà. Storicamente, le aziende hanno avuto la tendenza ad entrare nel mercato statunitense solo dopo che i loro prodotti e servizi sono stati stabiliti in Giappone, ma le dimensioni e l’agilità non vanno necessariamente di pari passo.

Alcuni osservatori pensano che fare le cose al contrario potrebbe fornire rendimenti più elevati. Ralph Inforzato, consulente speciale di Jetro Chicago, sostiene che gli imprenditori giapponesi dovrebbero rivolgersi agli Stati Uniti prima piuttosto che dopo. “Nel 2022, le aziende giapponesi, in particolare le start-up tecnologiche, dovrebbero prendere in considerazione l’idea di aumentare rapidamente i loro modelli di business prima negli Stati Uniti e poi in Giappone”, afferma.