Dicembre 9, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Perché il Giappone è praticamente solo nel mantenere i tassi di interesse estremamente bassi

“Per abbassare l’inflazione in Giappone, dovresti rallentare la domanda piuttosto bruscamente, ed è difficile perché la domanda era già in qualche modo debole rispetto ad altre economie”, ha affermato Stefan Angrick, economista senior di Moody’s Analytics in Giappone.

Mentre le pressioni inflazionistiche negli Stati Uniti sono state ampiamente distribuite, in Giappone hanno colpito principalmente beni essenziali come cibo ed energia, per i quali la domanda è soddisfatta in gran parte attraverso le importazioni.

L’inflazione in Giappone (esclusi i prezzi volatili dei prodotti alimentari freschi) ha raggiunto il 3%, il governo ha riferito venerdì, il più alto dal 1991, escludendo un breve picco correlato a un aumento delle tasse nel 2014. Ma spogliati di cibo ed energia, i prezzi giapponesi a settembre erano solo dell’1,8% in più rispetto allo scorso anno. Negli Stati Uniti, quel numero era del 6,6%.

Le ragioni della bassa cifra giapponese sono diverse e non ben comprese. Gli esperti hanno trovato spiegazioni in salari stagnanti e gli effetti deleteri sulla domanda di an Invecchiamento, diminuzione della popolazione.

Forse il contributo maggiore, tuttavia, è un pubblico cresciuto abituato a prezzi stabili. I prezzi alla produzione, una misura dell’inflazione per beni e servizi delle aziende, sono aumentati di quasi il 10% nell’ultimo anno. Ma le aziende giapponesi, a differenza delle loro controparti americane, sono state riluttanti a trasferire quei costi aggiuntivi sui consumatori.

Ciò significa che gran parte dell’attuale pressione inflazionistica proviene dal dollaro forte e dai problemi di offerta che incidono sulle importazioni, fattori al di fuori del Giappone e quindi al di fuori del controllo della Banca del Giappone. In queste circostanze, i funzionari della banca “sanno perfettamente che l’aumento dei tassi di interesse non attenuerà quelle pressioni sui prezzi, ma farà solo aumentare i costi aziendali”, ha affermato Bill Mitchell, professore di economia all’Università di Newcastle in Australia.

READ  IIHF - Il Giappone invita gli dei dell'Olimpo

La Banca del Giappone ha introdotto la sua attuale politica di allentamento monetario nel 2013, quando il primo ministro dell’epoca, Shinzo Abe, ha promesso misure forti per stimolare la crescita economica che era rimasta stagnante per decenni.