Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Perché il Giappone è diventato così a buon mercato? – Notizia

Negli ultimi 30 anni, l’economia giapponese ha subito diversi shock negativi, tra cui la crisi bancaria del 1997-98 e il terremoto del Grande Giappone orientale del 2011 e l’incidente alla centrale nucleare di Fukushima. Ma il più grande cambiamento strutturale in Giappone negli ultimi tre decenni è stato lo svuotamento dei settori manifatturieri commerciabili.



Di Takatoshi Ito

Pubblicato: dom 6 mar 2022, 22:50

Ogni mese, la Banca dei regolamenti internazionali calcola e pubblica i tassi di cambio effettivi reali e nominali per le principali valute. I dati più recenti, diffusi a metà febbraio, contenevano uno shock per il Giappone. Essi mostrano che il tasso di cambio effettivo reale dello yen (REER, che rappresenta all’incirca il potere d’acquisto della valuta) è ora così basso come nei primi anni ’70, quando lo yen fu fluttuato per la prima volta in seguito al crollo dei sistemi di Bretton Woods e Smithsonian di tassi di cambio fissi.

Poiché il potere d’acquisto dello yen si è indebolito, i giapponesi hanno notato che i beni importati ora sono più costosi e i media sono pieni di storie sui visitatori giapponesi a New York, Londra e Singapore che sono rimasti sorpresi dai prezzi elevati di beni e servizi lì. A Tokyo, ad esempio, una ciotola di ramen in genere costa meno di ¥ 1.000 ($ 8,66), ma a New York, in base alle mie osservazioni, costa più di $ 20. Un Big Mac di McDonald’s costa l’equivalente di $ 3,38 a Tokyo, contro i $ 5,81 negli Stati Uniti, secondo The Economist.

Simili confronti possono essere fatti per le tariffe della metropolitana, magliette Uniqlo Heattech, camere d’albergo a cinque stelle e molti altri beni e servizi. La proprietà di prim’ordine a Tokyo, che 30 anni fa era la più costosa al mondo, ora è molto più economica che in qualsiasi altro grande centro finanziario.

READ  Caffè, tè e lamentele al caffè anti-procrastinazione del Giappone

Allora, quando e perché il Giappone è diventato così a buon mercato? Il REER dello yen è più che raddoppiato dal 1973 al picco dell’aprile 1995, ma da allora ha perso tutto quel guadagno. Alcuni incolpano il calo dei 15 anni di deflazione del Giappone, mentre altri indicano il forte deprezzamento nominale dello yen dal 2013 sotto la cosiddetta Abenomics, alimentato dal quantitative easing e dai tassi di interesse ultra bassi della Banca del Giappone.

Per definizione, la deflazione in Giappone, unita al deprezzamento nominale dello yen rispetto alle principali valute (mentre i suoi principali partner commerciali avevano una sana inflazione), ha contribuito al calo del REER. Ma sia la deflazione che il deprezzamento nominale dello yen derivano dalla causa ultima della debolezza dello yen: la lenta produttività giapponese.

Questo ci porta all’ipotesi Balassa-Samuelson, generalmente considerata la cornice più appropriata per spiegare i movimenti nel REER. La teoria sostiene che, in determinate ipotesi, quando la produttività aumenta molto più rapidamente nei settori negoziabili di un paese rispetto ai suoi settori non negoziabili e la differenza nel tasso di aumento è maggiore rispetto ai suoi partner commerciali, il REER si apprezzerà, indipendentemente da se il tasso di cambio è fisso o variabile. Questo spiega il drammatico apprezzamento dello yen REER che iniziò negli anni ’60 e raggiunse il picco nell’aprile 1995.

In effetti, l’apprezzamento del REER dello yen in regime di cambio fisso e variabile è stato considerato un esempio da manuale dell’effetto Balassa-Samuelson. Quindi, l’ipotesi potrebbe anche spiegare il successivo calo del potere d’acquisto dello yen al livello dei primi anni ’70?

READ  I gestori di telefonia mobile in Giappone lanceranno la portabilità degli indirizzi e-mail

Negli ultimi 30 anni, l’economia giapponese ha subito diversi shock negativi, tra cui la crisi bancaria del 1997-98 e il terremoto del Grande Giappone orientale del 2011 e l’incidente alla centrale nucleare di Fukushima. Ma il più grande cambiamento strutturale in Giappone negli ultimi tre decenni è stato lo svuotamento dei settori manifatturieri commerciabili.

Negli anni ’90, le aziende manifatturiere giapponesi, comprese le case automobilistiche, hanno iniziato a costruire fabbriche negli Stati Uniti e in Europa per evitare conflitti commerciali. Parallelamente, molte aziende giapponesi hanno investito in altri paesi asiatici per beneficiare di manodopera a basso costo. Più recentemente, i produttori sono stati riluttanti a investire in Giappone, perché il numero crescente di pensionati e la diminuzione della popolazione in età lavorativa del paese lo hanno reso meno attraente come mercato per prodotti ad alto volume o come sede per fabbriche ad alta intensità di manodopera.

Non sorprende che la produttività delle fabbriche in Giappone sia stagnante. I salari reali sono quindi leggermente diminuiti negli ultimi 20 anni, poiché l’indice dei salari reali (2015 = 100) è aumentato da circa 60 nel 1970 a 113 nel 1997 e poi è sceso a 100 nel 2021, con conseguente perdita di potere d’acquisto.

È vero, il settore dei servizi tradizionalmente non negoziabili del Giappone, inclusi vendita al dettaglio, hotel, intrattenimento e istruzione, è un miscuglio di industrie avanzate e arretrate. Ma il graduale calo della produttività manifatturiera ha ridotto il divario di produttività precedentemente ampio tra i settori negoziabili e non negoziabili. Questo effetto inverso Balassa-Samuelson spiega il declino del REER dello yen.

Gli effetti di questo cambiamento stanno diventando sempre più evidenti. Fino alla metà degli anni ’90, la forte crescita della produttività ha consentito alle industrie di esportazione giapponesi di resistere al continuo apprezzamento nominale dello yen. Ma dopo la crisi finanziaria globale del 2008 e con il calo della produttività, gli esportatori non hanno più potuto far fronte all’aumento dello yen, che ha accelerato il trasferimento delle operazioni all’estero.

READ  I cuccioli firmano la star giapponese Seiya Suzuki per un accordo quinquennale - NBC Chicago

Inoltre, il rapido aumento della spesa per la sicurezza sociale del Giappone ha limitato i budget pubblici per l’istruzione, la scienza, le infrastrutture e la difesa. Ciò ha ulteriormente eroso la capacità di ricerca di base che può aiutare ad aumentare la produttività.

In breve, non incolpare le politiche monetarie della BOJ per il deprezzamento del REER dello yen. È l’appiattimento della produttività nei settori negoziabili e la stagnazione dei salari reali che spiegano l’arrivo del Giappone a buon mercato.

Takatoshi Ito, ex viceministro delle finanze giapponese, è professore alla School of International and Public Affairs della Columbia University e professore senior al National Graduate Institute for Policy Studies di Tokyo.