Dicembre 9, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Parco a tema Studio Ghibli in Giappone: foto e guida

Il personaggio senza volto di Spirited Away dello Studio Ghibli, una delle mostre al nuovo Ghibli Park in Giappone.  (Shiho Fukada per il Washington Post)
Il personaggio senza volto di Spirited Away dello Studio Ghibli, una delle mostre al nuovo Ghibli Park in Giappone. (Shiho Fukada per il Washington Post)

NAGAKUTE, Giappone — Finalmente è arrivato: il parco a tema straordinariamente visivo della leggendaria casa di animazione giapponese dello Studio Ghibli.

Lo studio ha annunciato i piani per l’attrazione cinque anni fa e legioni di fan di Ghibli in tutto il mondo hanno atteso con impazienza la sua apertura. Questo accadrà nov. 1, proprio come è di nuovo il Giappone accogliere i turisti internazionali.

Abbiamo dato una sbirciatina al Ghibli Park, che si trova diverse ore a sud-ovest di Tokyo. Ecco cosa devi sapere.

Non il tipico parco a tema

Non aspettarti giostre o personaggi a misura d’uomo che posano per le foto. La visione del parco di 494 acri è unica per la visione di Hayao Miyazaki, il co-fondatore 81enne dello studio, ed è un omaggio alla sua eredità di animatore e creatore rivoluzionario. (L’idea è nata nel 2017 dopo che Miyazaki ha fatto quello che sembrava essere il suo ultimo annuncio di ritiro, anche se ora sta lavorando di nuovo.)

Si ritiene che il risultato sia il primo “parco ibrido” del Giappone, costruito attorno a uno spazio pubblico esistente per ridurre al minimo i danni all’ambiente. Consapevoli della sostenibilità, i suoi creatori si sono procurati quanti più materiali possibile a livello locale. L’attrazione principale, il Ghibli’s Grand Warehouse, è stata trasformata da una piscina coperta collegata a una pista di pattinaggio al coperto.

Come per i film Ghibli, non puoi fare a meno di apprezzare la natura che ti circonda. È progettato in modo da farti sentire come se stessi vivendo in un vero mondo Ghibli, piuttosto che visitare una fantasia. Il risultato: un sovraccarico sensoriale che è allo stesso tempo pacifico.

READ  Le costose ciliegie giapponesi da 10.000 yen hanno un sapore migliore di quelle economiche del supermercato?

Il parco sarà infine composto da cinque aree, di cui tre pronte il prossimo mese. Il Gran Magazzino di Ghibli è una vetrina al coperto che ricrea i set di 14 classici Ghibli. Nella foresta di Dondoko, i visitatori troveranno la casa di Satsuki e Mei di “Il mio vicino Totoro”. The Hill of Youth presenta il negozio di antiquariato di Nishi da “Whisper of the Heart” e il Cat Bureau da “The Cat Returns”.

Il prossimo autunno aggiungerà Mononoke Village, basato su “Princess Mononoke”. E la primavera del 2024 introdurrà la Valle delle streghe, basata su “Il castello errante di Howl” e “Il servizio di consegna di Kiki”.

Sta tutto nei dettagli

La meticolosa attenzione ai dettagli è notevole. Quasi ad ogni turno, rimarrai sorpreso dalle piccole gemme, in particolare nel Gran Magazzino di Ghibli.

Grappoli di sprite di fuliggine, o Makkuro kurosuke, nascosti negli angoli. Contratti individuali firmati da coloro i cui nomi sono stati rubati da Yubaba, o Granny, prima che Chihiro entrasse nel mondo degli spiriti in “Spirited Away”. Un Totoro addormentato nascosto in un angolo dell’area giochi per bambini. Le espressioni realistiche dei cani procione di “Pom Poko”. Ghiande accatastate lungo il sentiero nella foresta di Dondoko. La stufa a gas perfettamente funzionante nel negozio di antiquariato di Nishi. Gocce d’acqua delle dimensioni della tua mano mentre guardi il mondo attraverso gli occhi di Arrietty.

Ancora e ancora, ti lasciano a chiederti: Veramenteci hanno persino pensato Quello?

I fan sanno che la cucina nei film Ghibli funziona quasi come un personaggio a sé stante.

Una mostra nel Grand Warehouse di Ghibli celebra gli iconici pasti Ghibli: la torta di pesce di Kiki, la colazione con bacon e uova di “Il castello errante di Howl”, la bancarella di cibo “Spirited Away” dove i genitori di Chihiro fanno il maiale, gli spaghetti alla bolognese di “Porco Rosso” e tanti di più.

READ  L'intermediazione di SMFG per avviare un'indagine dopo l'arresto dei dirigenti

Ti porta anche all’interno del meticoloso processo di animazione necessario per creare le scene di mangiare e cucinare, insieme a repliche a grandezza naturale di alcune di quelle scene. (Questa è una mostra temporanea, anche se speriamo che gli organizzatori del parco considerino di farne un’installazione permanente.)

C’è un’estetica distinta di semplicità e nostalgia nel parco che sembra così Ghibli-esque. Un negozio di caramelle vintage vende dolci ormai difficili da trovare a Tokyo. I distributori automatici “gacha-gacha” della vecchia scuola contengono giocattoli in capsule. Uno stand di dessert offre latte in bottiglia con un pasticcino.

Va tutto bene, data l’avversione di Miyazaki per l’uso di computer, smartphone o animazioni generate al computer.

Anche se senza dubbio vorrai catturarlo sul tuo telefono, prenditi un momento per goderti la vita come la immagina Miyazaki.

Il Ghibli Park si trova all’interno del Parco Commemorativo Aichi Expo 2005 nella prefettura di Aichi. È accessibile con i mezzi pubblici da Tokyo ed è possibile una visita come gita di un giorno dalla città.

Il parco, adatto a tutte le età, consentirà circa 5.000 visitatori al giorno. I biglietti sono venduti su di esso sito web attraverso una lotteria il 10 di ogni mese per ciascuna delle tre aree. I prezzi vanno da $ 3,50 a $ 9 per i bambini e da $ 7 a $ 17 per gli adulti.

Indossa scarpe comode e preparati a coprire molto terreno. Un autobus può portarti alla foresta di Dondoko, ma la passeggiata è panoramica e rilassante. Portare snack e acqua; Attualmente c’è solo un piccolo caffè, con distributori automatici pochi e lontani tra loro.

I segni, le descrizioni della mostra e le indicazioni sono quasi interamente in giapponese, il che sarà difficile per chi non parla giapponese.

READ  Il giapponese Maezawa venderà Basquiat stimato in 70 milioni di dollari