Dicembre 9, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Nissan sopraffatta dalla domanda di nuovi veicoli elettrici in Giappone

Nissan è stata costretta a sospendere gli ordini in Giappone per il suo nuovo veicolo elettrico, la Nissan Sakura, dopo che il periodo di attesa per il veicolo è durato più di un anno.

Mentre quelli nei mercati occidentali possono essere familiari con la prossima Nissan Ariya EV, sono probabilmente meno informati sulla cugina più piccola che sarà venduta in Giappone, la Nissan Sakura. La mini EV, spesso chiamata “Kei car” in Giappone, ha preso d’assalto il paese dopo essere stata introdotta nel maggio di quest’anno. Ma ora la domanda ha superato di gran lunga l’offerta e Nissan è stata costretta a sospendere le prenotazioni per il prossimo veicolo.

Secondo Reuters, Nissan è stata costretta a interrompere la ricezione di ordini dopo che il periodo di attesa per un modello di serie è cresciuto fino a oltre un anno e il numero totale di prenotazioni non è stato reso pubblico. Per contesto, nel luglio di quest’anno (due mesi dopo il lancio), la casa automobilistica giapponese ha dichiarato di aver ricevuto oltre 23.000 ordini per il veicolo. Se l’azienda avesse ricevuto la stessa quantità di ordini al mese fino ad ora, ne avrebbe accumulati oltre 80.000.

Molti sono piuttosto sorpresi dal successo della nuova Nissan EV. I veicoli elettrici non hanno preso piede in Giappone come in altri mercati asiatici o occidentali. Eppure, qualcosa sulla carina Nissan Sakura l’ha resa attraente per gli acquirenti di auto giapponesi abbastanza da effettuare un ordine che non sarebbe apparso nemmeno per mesi.

Forse l’attributo più attraente dell’adorabile Sakura è la sua convenienza. L’auto parte da 2.333.100 yen ($ 15.743,76) ed è aiutata da numerosi vantaggi fiscali del governo giapponese perché è un veicolo elettrico e di piccole dimensioni. Altrimenti, la Nissan Sakura non ha fronzoli, per dirla alla leggera. Il veicolo ha una piccola batteria da 20 kWh che gli offre un’autonomia di 180 chilometri (112 miglia) e quella batteria alimenta un singolo motore da 64 cavalli.

READ  Il Giappone rischia un downgrade?

Ciò su cui Nissan potrebbe essersi imbattuto è il domanda di veicoli elettrici a prezzi accessibili. Qualcosa come la Nissan Sakura può facilmente soddisfare le esigenze quotidiane del guidatore medio, specialmente in Giappone, dove i problemi di autonomia e capacità sono meno un problema. Si spera che questo nuovo veicolo elettrico possa servire da esempio per altri produttori e forse possa finalmente dare il via all’ondata di domanda di veicoli elettrici in un paese che ha stato finora resistente alla tecnologia.

Cosa ne pensi dell’articolo? Hai commenti, domande o dubbi? Sparami un’e-mail a [email protected]. Puoi raggiungermi anche su Twitter @William Scritto. Se hai suggerimenti sulle novità, inviaci un’e-mail a [email protected]!

Nissan sopraffatta dalla domanda di nuovi veicoli elettrici in Giappone