Settembre 24, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Niente più cookie: il Giappone prospera sugli annunci di monitoraggio online

TOKYO – Le grandi aziende giapponesi, tra cui Sapporo Breweries e Panasonic, hanno iniziato a rifuggire dalla pubblicità basata sulle abitudini degli utenti online mentre i governi e le aziende tecnologiche adottano nuove misure per alleviare i crescenti problemi di privacy.

Sapporo, che spende circa 19 miliardi di yen (172,75 milioni di dollari) in pubblicità e pubblicità, ha ridotto di circa il 70% il budget per la pubblicità mirata. Ora rappresentano meno del 10% della pubblicità online di Sapporo, in calo rispetto al 30%.

L’azienda della birra non è sola. Askul, un distributore per ufficio, ha tagliato il budget per la pubblicità mirata per il suo negozio online di Lohago di oltre il 90% negli ultimi tre anni.

Queste mosse riflettono sia le tendenze politiche che quelle del settore, che hanno fatto eco alla pratica di lunga data di estrarre dati per le preferenze dei consumatori.

“Non possiamo fidarci degli annunci mirati in futuro”, ha affermato un dirigente di Sapporo.

Gli annunci mirati funzionano analizzando i dati personali come una persona che acquista o effettua ricerche online. Queste informazioni vengono utilizzate per utilizzare annunci che sono considerati di interesse per lo spettatore. Gli osservatori del settore affermano che le percentuali di clic per gli annunci mirati possono essere il doppio rispetto agli annunci non mirati.

Le scorte di pubblicità sono alte. Il valore del mercato globale della pubblicità digitale supera i 350 miliardi di dollari. In Giappone, la pubblicità digitale vale 2,2 trilioni di yen, ovvero circa 20 miliardi di dollari, che rappresentano oltre il 30% di tutta la pubblicità, secondo Tentzu. Gli annunci mirati contano annunci online del valore di 1 trilione di yen.

READ  Il gusto del Giappone bocciato: la "Piccola Kyoto" cinese cessa l'attività

Ma gli annunci hanno anche attirato critiche sul fatto che violano la privacy dei consumatori, spingendo le aziende di tutto il mondo a gestire i dati personali con maggiore attenzione. In Giappone, il Data Protection Act aggiornato entrerà in vigore nell’aprile 2022, richiedendo alle aziende di ottenere il consenso dell’utente prima di condividere informazioni sui “nickname” — con terze parti di dati che possono aiutare a identificare un individuo insieme ad altre informazioni.

Anche le aziende tecnologiche statunitensi che raccolgono grandi quantità di informazioni sugli utenti stanno realizzando il cambiamento nella loro strategia. Google ha annunciato che rilascerà cookie di terze parti dal suo browser Chrome nel 2023.

Apple ad aprile ha smesso di monitorare i processori iPhone e di raccogliere dati senza il permesso dell’utente. Meno della metà degli utenti globali ha optato per il monitoraggio dei dati a metà luglio, secondo la società di analisi di marketing AppsFlyer. La spesa pubblicitaria per le app iOS è diminuita del 15% in tre mesi, con gli inserzionisti che affermano che stanno tagliando i loro budget, preoccupati che questi annunci non saranno più efficaci.

“Ci sono domande sull’etica e la convenienza della pubblicità mirata”, ha affermato Panasonic.

Al contrario, alcune aziende stanno spostando gli ingranaggi verso un’altra pubblicità digitale più efficace. Una lamentela comune relativa agli annunci mirati è che un utente può ancora ricevere annunci sullo stesso prodotto dell’auto, anche dopo l’acquisto.

Panasonic utilizza ora l’intelligenza artificiale per analizzare testi e immagini su Internet e cimentarsi con la pubblicità contestuale per mostrare istantaneamente annunci pertinenti. Ad esempio, un articolo su una rock band potrebbe contenere un annuncio per auricolari wireless di fascia alta.

READ  Olimpiadi di Tokyo: il giapponese Superfon vieta gli spettatori e spende $ 30.000 in biglietti 'rotti' | Notizie dal mondo

Il vantaggio principale della pubblicità contestuale è che risponde agli interessi dell’utente in tempo reale, piuttosto che fare affidamento su cronologie di ricerca come la navigazione e gli annunci mirati.

“Hanno percentuali di clic più elevate rispetto ai normali annunci mirati”, ha affermato Nok Kasu Wakuri, amministratore delegato di Kum Kum Japan, un fornitore di pubblicità ambientale con sede negli Stati Uniti.

Ma nonostante la crescente popolarità delle alternative, gli annunci mirati non dovrebbero scomparire in qualsiasi momento. Google ha sviluppato una tecnologia che conserva migliaia di annunci anziché singolarmente per gli utenti. La pubblicità digitale complessiva dovrebbe solo crescere, il che significa che le preoccupazioni sulla privacy continuano a diffondersi nel campo.