Dicembre 9, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Mondiali 2022: mentre la J-League si evolve, i migliori del Giappone si stanno dirigendo verso l’Europa

Il Giappone ha raggiunto la sua settima Coppa del Mondo consecutiva dalla prima qualificazione nel 1998
Nazione ospitante: Qatar Date: 20 novembre-18 dicembre Copertura: In diretta su BBC TV, BBC iPlayer, BBC Radio 5 Live, BBC Radio Wales, BBC Radio Cymru, BBC Sounds e il sito Web e l’app BBC Sport. Programmi TV giornalieriDettagli di copertura completa

A breve distanza dal frenetico incrocio di Shibuya di Tokyo, attraverso un ingresso più adatto a un bagno pubblico e nascosto su una rampa di scale in un negozio-magazzino, si trova una grotta di magliette da calcio vintage di Aladino.

Una statuina di Thomas Gravesen adornava il bancone, finché il generoso commesso non la regalò a un turista incuriosito. La testa calva e di plastica del danese era comunque in contrasto con l’eclettica miscela di kit colorati della J-League.

Trendy, curiosi e sequestrati ma vibranti, accoglienti e assolutamente accattivanti, quei pochi metri quadrati di negozio sono il microcosmo della scena calcistica giapponese, dove una maglia dei Kashima Antlers o degli Yokohama Marinos può stare fianco a fianco con le iconiche maglie europee di Milan, Madrid o Monaco.

Il calcio giapponese ha attirato stelle come Gary Lineker e Zico quando la J-League è stata costituita nel 1993, ha modellato il suo marketing sugli sport statunitensi e ha importato gran parte della sua cultura dei tifosi: tifo, bandiere, cori, ultra (relativamente amichevoli) e mascotte, tutti abbracciati da Folle che vantano un grande seguito femminile e cosparse di un tocco locale per rendere la partecipazione alle partite un’esperienza unica.

A tre decenni dalla sua esistenza, ed emergendo dalle restrizioni imposte dal Covid sulla folla e sul canto negli stadi, la massima serie della nazione sta prosperando a pieno titolo. Le presenze medie hanno raggiunto il picco di oltre 20.000 prima della pandemia ed è a metà di un contratto di trasmissione domestica di 12 anni da $ 2,1 miliardi (£ 17,63 miliardi) con DAZN.

Ma mentre gli spalti possono essere inondati di tradizioni che hanno avuto origine in tutto il mondo, un flusso dei migliori talenti del paese si sta dirigendo dall’altra parte.

Quando il Giappone ha ospitato la Coppa del Mondo con la Corea del Sud nel 2002, solo quattro della squadra, tra cui Junichi Inamoto dell’Arsenal e Hidetoshi Nakata al Parma, giocavano all’estero.

In Qatar, 19 dei 26 lo faranno, e quel numero avrebbe potuto essere più alto se non fosse stato per l’esclusione a sorpresa dell’attaccante del Celtic Kyogo Furuhashi e un infortunio in ritardo al difensore dell’Huddersfield Yuta Nakayama.

“La J-League e i suoi fan sono molto orgogliosi di aver creato così tanti giocatori che possono andare in Europa”, spiega Dan Orlowitz del Japan Times.

“Ma non è più speciale, è un po’ scontato. [Italian] Alberto Zaccheroni è arrivato come capo allenatore nel 2010 e il suo messaggio era ‘vai a ovest'”.

Il percorso più comune è verso il Belgio o la Germania, dove attualmente giocano otto membri della squadra, tra cui il capitano Maya Yoshida e Daichi Kamada del Francoforte. Ed è proprio contro la Germania di Hans-Dieter Flick che i Samurai Blue danno il via alla Coppa del Mondo.

Il Giappone affronta anche la Spagna, casa del 21enne centrocampista Takefusa Kubo, che si è allenato con il Barcellona, ​​prima di approdare al Real Madrid e che ora gioca nella Real Sociedad.

Aggiungi artisti del calibro del difensore dell’Arsenal Takehiro Tomiyasu, Kaoru Mitoma del Brighton e Takumi Minamino, ex attaccante del Liverpool del Monaco, ed è una squadra irta di talento.

“I giovani giocatori giapponesi hanno capacità”, dice a BBC Sport il centrocampista del Vissel Kobe e vincitore della Coppa del Mondo Andres Iniesta.

“Secondo me sono dinamici, talentuosi e fisicamente forti”.

Creazione di “un ambiente calcistico di livello mondiale”

Lo
Lo “Spirit of Zico” continua a vivere per i fan dei Kashima Antlers

Storicamente, i giocatori giapponesi che si sono trasferiti all’estero tendevano a farlo più avanti nella loro carriera. Alcuni addirittura frequentano l’università prima di dedicarsi al calcio professionistico, incluso Mitoma del Brighton, che ha sospeso i suoi progressi alla Kawasaki Frontale per studiare coaching, sport e nutrizione.

“Se torni indietro di 15-20 anni, dovevi avere 25/26 anni, qualche buona stagione di J-League e migliorare la squadra nazionale”, aggiunge Orlowtiz.

“Ora i club europei capiscono che i giocatori giapponesi hanno davvero talento e non solo un fuoco di paglia, quindi cercano i più giovani”.

La J-League sta compiendo uno sforzo consapevole per produrre giovani talenti e ha una “Visione calcistica 2030” che lavora per fornire “un ambiente calcistico di livello mondiale”. Include il “Progetto DNA”, che mira ad aiutare i club a sviluppare i migliori giocatori e allenatori.

Anche l’ex presidente Mitsuru Murai ha incoraggiato attivamente i giocatori ad andare in Europa, sperando che un giorno tornassero e arricchissero il campionato con la loro esperienza.

“C’è una qualità davvero buona”, afferma Richard Allen, dirigente calcistico senior e consulente tecnico dello Yokohama FC, che ha appena ottenuto la promozione nella massima serie.

“È un’arma a doppio taglio, vuoi che i tuoi migliori giocatori vadano a giocare in Europa, ma questo ha un effetto a catena sul campionato”.

Allen, ex capo dell’identificazione dei talenti della Federcalcio inglese e capo del reclutamento al Tottenham Hotspur, è desideroso di facilitare le opportunità per i giovani giocatori di mettersi alla prova contro avversari di alto livello.

“Hanno bisogno di una varietà”, aggiunge. “Devono giocare contro Arsenal, Tottenham, Chelsea, Barcellona, ​​​​Real Madrid, Juventus – se i giocatori vogliono crescere hanno bisogno di quell’esperienza e di quella visibilità”.

Quella varietà attualmente non esiste nella J-League nonostante, con un certo successo, si sia commercializzata come la “Premier League of Asia” – è estremamente popolare in Tailandia, per esempio – e attiri allenatori stranieri, in particolare l’australiano Kevin Muscat al Marinos, che ha sostituito il connazionale e ora allenatore celtico Ange Postecoglou.

Negli ultimi anni sono passati anche veterani spagnoli come Iniesta, Fernando Torres e David Villa ma, oltre ai giocatori giapponesi, i brasiliani hanno la maggiore influenza, con 56 giocatori nella scorsa stagione.

“La gente dice che il Giappone potrebbe vincere la Coppa del Mondo”

Kaoru Mitoma
Kaoru Mitoma del Brighton è uno degli otto giocatori che hanno giocato a calcio collegiale nella squadra della Coppa del Mondo giapponese

Secondo il libro Japanese Rules di Sebastian Moffett, quando Zico arrivò al Kashima Antlers nei primi anni ’90 rimproverò i compagni di squadra che ridevano dopo le sconfitte, insistendo persino che il suo traduttore urlasse quando lo fece.

Tradizionalmente, il calcio giapponese – che si è evoluto dai campionati aziendali – è stato accusato di mancare di un vantaggio “conflittuale”, anche se questo tratto sembra cambiare.

“Non vediamo il calcio come una battaglia, è uno sport”, afferma il giornalista Masatoshi Mori.

“Siamo tecnicamente molto bravi. Qualsiasi tipo di sport, siamo l’inventore – inventiamo nuove strategie – ma il calcio è un po’ troppo difficile da fare, è già molto sviluppato e globalizzato”.

Mori, che segue le stelle giapponesi che giocano nel Regno Unito, è rimasto impressionato da due giocatori della nazionale che hanno dimostrato di poter ridurre le esigenze fisiche della Premier League: Tomiyasu dell’Arsenal e l’esterno del Brighton Mitoma.

“Tomiyasu è assolutamente importante”, dice. “È il miglior giocatore al momento. Gioca come terzino destro o sinistro per l’Arsenal, ma gioca al centro per il Giappone.

“Fisicamente è molto più forte, è più veloce. Non ho mai visto un giapponese che abbia mostrato quel tipo di presenza fisica in Premier League”.

Alcuni sostengono che questa squadra giapponese sia a corto di un centravanti da gol e Mitoma, che ha seguito un ruolo da protagonista Vittoria per 4-1 del Brighton sul Chelsea con gol contro Wolves e Arsenal, ci si aspetta che faccia il suo ingresso.

“Dopo la partita con il Chelsea è entrato così forte”, dice Mori. “Non ho mai visto un giocatore giapponese giocare a quel livello per tre partite di fila in Inghilterra prima d’ora.

“Il Giappone gioca con il 4-2-3-1. A sinistra abbiamo Kubo ea destra Junya Ito del Reims. Mitoma può anche giocare da sostituto, ma penso che dovrebbe partire titolare”.

Entrambi saranno fondamentali durante la settima Coppa del Mondo consecutiva del Giappone e in Hajime Moriyasu hanno un capo con la migliore percentuale di vittorie del paese, anche se l’allenatore ha anche i suoi critici.

“Ci sono persone che dicono che il Giappone potrebbe vincere tutto con il giusto coaching”, dice il giornalista di Tokyo Orlowitz.

“Sai una cosa? Non hanno torto. Questo è il pool di giocatori più profondo, tranne forse un portiere, che il paese abbia mai avuto.

“C’è una squadra di livello mondiale in tutte le posizioni e il talento lì. La domanda è se l’allenatore è lì? E la risposta è ‘no'”.

Banner dell'app BBC Sport

Ricevi gli ultimi risultati e le notifiche sugli obiettivi per qualsiasi squadra alla Coppa del Mondo Fifa scaricando l’app BBC Sport: Melalink esternoAndroidelink esternoAmazzonialink esterno

Bandiera della BBC SportLogo della BBC Sounds

Ottieni la tua dose giornaliera di reazioni, dibattiti e analisi della Coppa del Mondo Fifa con Mondiale quotidiano su BBC Sounds

Intorno al piè di pagina della BBC - Suoni

READ  Stati Uniti, Giappone, Australia, Nuova Zelanda e Regno Unito formano il gruppo del Pacifico