Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Milioni di mascherine in tessuto inutilizzate sono in deposito in Giappone

Decine di migliaia di maschere di stoffa impopolari realizzate come misure anti-coronavirus sotto l’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe rimangono inutilizzate e vengono conservate in un magazzino privato al costo di centinaia di milioni di yen (milioni di dollari), ha ammesso un funzionario. Mercoledì.

Circa 83 milioni di maschere in tessuto note come “Abenomask” sono in deposito, ovvero quasi un terzo dei 280 milioni acquistati dal governo durante la grave carenza di maschere chirurgiche dello scorso anno. Il governo aveva pianificato di distribuirne due a ogni famiglia.

Alcune delle persone che hanno effettivamente usato le maschere. Abe era un modello che non si copriva naso e bocca. Le persone si sono lamentate del fatto che quando le mascherine chirurgiche più efficaci e convenienti sono tornate in stock, erano troppo piccole e sono arrivate troppo tardi.

Gli articoli rimanenti in magazzino valgono attualmente 11,5 miliardi di yen (97 milioni di dollari) e i loro risparmi da agosto a marzo di quest’anno sono stati di 600 milioni di yen (5,3 milioni di dollari), ha dichiarato il vice segretario di gabinetto Yoshihiko Isozaki in una conferenza stampa regolare.

Distribuito a circa 130 milioni di famiglie, ma le case di cura e le strutture per l’infanzia sono state fornite in risposta alle richieste, e c’è una grande riserva, ha detto Isozaki.

Quando c’era una carenza di maschere chirurgiche, ha sottolineato che la campagna delle maschere era “appropriata in quel momento”. Ha detto che il governo prenderà in considerazione l’utilizzo delle maschere rimanenti “se necessario”.

Anche la campagna delle mascherine è stata sospesa per problemi di qualità. Alcuni avevano macchie, piccoli bug e altri contaminanti sulla confezione.

READ  Il sindaco del Giappone è in fiamme per aver morso bruscamente la medaglia d'oro dell'olimpionico