Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’italiano Draghi ringrazia il Giappone per aver reindirizzato i carichi di gas verso l’Europa

ROMA, 4 mag. (Reuters) – Il premier italiano Mario Draghi ha ringraziato mercoledì il Giappone per aver prontamente accettato di reindirizzare verso l’Europa i carichi di gas naturale liquefatto (GNL) destinati ai paesi terzi.

L’Europa, che fornisce circa il 40% delle sue importazioni di gas dalla Russia, si è affrettata a diversificare il proprio mix di approvvigionamento energetico mentre il conflitto in Ucraina si intensifica.

La Commissione europea questo mese dovrebbe svelare i piani per cercare di porre fine alla dipendenza dell’Europa dall’energia russa, espandendo più rapidamente le energie rinnovabili e sostituendo il gas russo con forniture alternative.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Parlando dopo un incontro bilaterale con il primo ministro giapponese Fumio Kishida a Roma, Draghi ha affermato che i due Paesi hanno condannato l’invasione russa dell’Ucraina e si sono impegnati a raggiungere una tregua – anche locale per evacuare i cittadini – ea favorire i negoziati di pace con la Russia.

“Continuiamo ad aiutare l’Ucraina e a fare pressione sulla Russia affinché cessi immediatamente le ostilità”, ha detto Draghi.

Kishida ha affermato di essere d’accordo con Draghi sull’importanza “per la comunità internazionale, compreso il G7, di rispondere con decisione a questa invasione” e che era dovere sia del Giappone che dell’Italia “fare del nostro meglio per sostenere il governo ucraino e il suo popolo” .

I leader hanno anche espresso preoccupazione per i test missilistici della Corea del Nord. leggi di più

“Come mostrato dal lancio di missili di oggi da parte della Corea del Nord, il grado di tensione nell’Asia orientale è in aumento”, ha affermato Kishida.

Reporting di Giulia Segreti a Roma e Kiyoshi Takenaka a Tokyo Montaggio di Keith Weir

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.