Settembre 24, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’ex nuotatore olimpico ha bollato i media giapponesi come sessista

TOKYO – Il nuovo osservatore giapponese sull’uguaglianza di genere alle Olimpiadi ha detto lunedì che stava guardando gli sport del suo paese e non gli piaceva quello che stava ascoltando.

“È davvero di parte quando si tratta di sport, è di genere”, ha detto l’ex nuotatrice olimpica Naoko Imoto.

I media giapponesi non hanno discriminato le atlete e non l’hanno presa sul serio quanto gli uomini.

“Molti canali vedono le atlete come ‘donne’ o ‘donne’ o ‘mogli’ o ‘madri’, non proprio atleti puri”, ha detto Imoto a una conferenza quotidiana ospitata dal Comitato Olimpico Internazionale e dagli organizzatori dei Giochi di Tokyo.

La squadra giapponese ha vinto cinque delle otto medaglie finora vinte, di cui tre d’oro Conteggio recente delle medaglie olimpiche.

Imoto Naoko ha dichiarato di tenere in mano la torcia olimpica durante la cerimonia di consegna delle fiamme il 19 marzo 2020. Aris Machines / Pool tramite Reuters

Imoto, che ha gareggiato per il Giappone alle Olimpiadi di Atlanta del 1996, non ha specificato quali stazioni televisive giapponesi usassero la lingua. Ma ancora Nelle interviste precedentiImoto ha notato che i media giapponesi hanno trattato la golfista Hinako Shiboon e una donna Hidegi Matsuyama in modo diverso.

“Nessuno ha parlato della vita personale e delle origini del signor Matsuyama”, ha detto Imoto. “Ma secondo la signora Shibuno, ci sono informazioni sul suo consumo di dolci e snack e sul suo sorriso”.

Emoto ha anche affermato che è molto comune che le atlete vengano descritte come “molto belle” nei titoli delle notizie giapponesi.

“Devi vedere le atlete come atleti”, ha detto Emoto. “Negli ultimi anni, il numero di medaglie d’oro alle Olimpiadi è aumentato per le donne. Voglio che siano trattati allo stesso modo. Vorrei sostenere che è strano concentrarsi su cose legate alla competizione come l’aspetto e la vita personale. “

READ  L'ossigeno è basso nel sud americano; Morti degli studi in Giappone: aggiornamento virale

Emoto è tornato sulla questione del sesso dei piccioni lunedì poiché le donne giapponesi hanno già avuto un successo significativo nello sport.

Scarica App di notizie della NBC Per notizie importanti e politica

Un rapido sondaggio sulle reazioni dei social media ai commenti di Imoto ha suggerito che il supporto per i media che trattano allo stesso modo atleti di sesso femminile e maschile non era universale in Giappone.

“Sono stato sorpreso di sentire le donne gridare che c’è disuguaglianza di genere nella copertura degli sport professionistici”. Un poster di Twitter Ha scritto. “Da dove pensi che vengano i soldi?”

Imoto è stata scelta come un cane da guardia per l’uguaglianza di genere dagli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo 2020 e il leader del gruppo Yoshiro Mori ha affermato che le funzionarie sportive hanno parlato troppo durante le riunioni da quando è stata estromessa a febbraio.

Un mese dopo, Hiroshi Sasaki, il direttore creativo originale dei giochi, è stato licenziato per aver paragonato la celebrità giapponese Naomi Vatanabe a un maiale.

In un’intervista Asahi Shimpan, Imoto, uno dei più grandi giornali nazionali del Giappone, si è detto scioccato dai commenti di Mori.

“I miei giorni di gara sono leggermente cambiati”, ha detto Emoto. “Le cose sono così indietro.”

Imoto, che lavora all’UNICEF come educatore, ha affermato di ritenere che “diventerà un ponte” per l’industria sportiva prevalentemente dominata dagli uomini.

La partenza di Mori ha suscitato un esame di coscienza da parte dei media giapponesi e ha rinnovato le richieste di uguaglianza di genere nel mondo delle notizie.

Il team Kasumi Ishikawa del Giappone durante la partita del turno 3 del singolare femminile. A partire da lunedì, la squadra giapponese aveva vinto otto delle otto medaglie vinte dalle donne, comprese le medaglie d’oro.Stanze di passaggio / immagini della cartuccia

È stato intitolato A durante un simposio a marzo, organizzato principalmente dalla Conferenza del sindacato dei lavoratori dell’informazione culturale dei mass media giapponesi. Rapporti di notizie di Kyoto.

READ  Il Giappone dichiara lo stato di emergenza COVID-19 per altre sette province

Mamie Yoshinaka, presidente del Japan Newspaper Workers’ Union, ha dichiarato: “Anche se hanno travisato Yoshiro Mori, è un peccato trovare organizzazioni in una situazione del genere (mass media).

NBC News ha contattato il sindacato per ulteriori commenti.

Kori Hayashi, professore di giornalismo presso la scuola di specializzazione dell’Università di Tokyo, ha affermato che il motivo per cui i media giapponesi hanno continuato a promuovere gli stereotipi sessuali durante la conferenza era che era “un mondo di uomini”.

A partire dallo scorso dicembre, Kyoto News ha citato un sondaggio sindacale secondo cui nessuna delle sei emittenti televisive commerciali con sede a Tokyo aveva donne in posizioni di vertice nella produzione di notizie.

Tre delle 159 persone che siedono nei consigli di amministrazione di quattro sindacati che rappresentano giornali, emittenti commerciali o editori sono donne.

“Quando le posizioni decisionali sono occupate da uomini, l’ordine in cui sono allineati articoli di notizie, contenuti trasmessi e notizie riflette anche una prospettiva maschile”, ha detto Hayashi.

Il Giappone è uno dei paesi più avanzati al mondo, ma è costantemente nella posizione più bassa Classifiche sul divario di genere del Forum economico mondiale. Si colloca al 120esimo posto su 156 paesi nel censimento del 2021, dietro al 30esimo posto degli Stati Uniti. L’Islanda ha preso il primo posto.

Karki Seemasko e Arata Yamamoto di Tokyo e Christina Singh di San Hong Kong.