Settembre 24, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Le vendite nel settore dell’animazione giapponese sono crollate nel 2020, il primo autunno del decennio

Le vendite nel settore dell’animazione giapponese sono crollate nel 2020, il primo autunno del decennio

Il segno di un film basato sul famoso manga giapponese “Demon Slayer” di Koyoharu Kodoz è visto in un teatro di Tokyo il giorno di apertura del film il 16 ottobre 2020. (foto di Kyoto)

TOKYO: Le vendite nel settore della produzione di animazione in Giappone sono diminuite dell’1,8% nel 2020, il primo calo in un decennio.

Film come il record di successo di successo Assassino di fantasmi Secondo il Credit Research Institute, la serie manga non è riuscita a compensare l’impatto dell’epidemia.

Le vendite del settore sono state di 251,1 miliardi di yen (76 miliardi di baht) l’anno scorso, rispetto ai 255,7 miliardi di yen del 2019, secondo un recente studio di Diego Data Bank.

Nell’industria cinematografica, l’industria è crollata Demon Killer – Film: Face Train, Il film con il maggior incasso nella storia del botteghino giapponese, incassando oltre 40 miliardi di yen.

Uno degli altri film di successo Violet Evergarden: Il filmIl film Kyoto Animation Go parlava di alcune delle vittime di un incendio scoppiato in uno studio aziendale due anni fa.

Tuttavia, l’epidemia di Covid-19 ha ritardato i processi di produzione in molti studi, portando il 48,6% delle 300 società di produzione di animazione a segnalare un calo delle vendite entro il 2020.

Mentre le vendite medie annue per azienda sono scese a 831 milioni di yen per la prima volta in quattro anni nel 2020, il 31,6% ha dichiarato che le vendite sono aumentate lo scorso anno.

READ  Scultura di zucca Yayoi Kusama portata in mare dalla tempesta in Giappone | Giappone

Per quanto riguarda i profitti, il 37,7% ha subito perdite e il 29,5% ha riportato un calo dei propri profitti, registrando una crescita degli utili del 31,1%, secondo il sondaggio.

Le prospettive per l’industria dell’animazione giapponese sembrano essere difficili, con la concorrenza delle società di animazione cinesi che probabilmente si intensificheranno, ha affermato la società di ricerca.

Le aziende cinesi pagano salari più alti per assumere talenti giapponesi e acquisire competenze di produzione giapponesi acquistando quote di studi giapponesi. Diego Databank ha affermato che la qualità dell’animazione è migliorata negli ultimi anni con funzionalità migliorate.