Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Le previsioni di crescita del Giappone per il primo trimestre hanno ridotto drasticamente i consumi di Omicron: sondaggio Reuters

La bandiera nazionale del Giappone sventola davanti a un cantiere di un edificio commerciale a Tokyo, Giappone, 17 febbraio 2022. REUTERS / Kim Kyung-Hoon / Files

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

TOKYO, 28 febbraio (Reuters) – È probabile che la crescita economica del Giappone si arresterà quasi a un arresto in questo trimestre poiché i freni al coronavirus e le interruzioni dell’offerta minacciano di far deragliare la ripresa economica del Paese, ha mostrato lunedì un sondaggio Reuters degli economisti.

La previsione era molto inferiore alla robusta espansione prevista nella proiezione di gennaio, in un segno dei gravi danni che la carenza di chip e parti e la variante contagiosa di Omicron stanno infliggendo alla terza economia più grande del mondo.

Un’altra battuta d’arresto per l’economia potrebbe esercitare pressioni sul governo affinché faccia di più per compensare un aumento dei prezzi globali dell’energia e per sostenere le famiglie in vista delle elezioni della camera alta che dovrebbero tenersi entro l’estate.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

L’economia giapponese lo farà crescere uno 0,4% annualizzato nel primo trimestre, in calo rispetto all’espansione del 4,5% prevista il mese scorso, secondo la previsione mediana di quasi 40 analisti nel sondaggio, che è stato per lo più effettuato prima dell’invasione russa dell’Ucraina.

Grafica Reuters

L’economia è cresciuta del 5,4% annualizzato negli ultimi mesi dello scorso anno, mantenendo il prodotto interno lordo (PIL) destagionalizzato reale, di circa 541 trilioni di yen (4,7 trilioni di dollari), al di sotto del livello pre-pandemia di fine 2019.

READ  La giapponese Nippon TV e la turca Sera Film sciopero co-pro patto - TBI Vision

Le prospettive economiche sono diventate più incerte per il Giappone a causa della crisi Russia-Ucraina e dell’impennata dei prezzi dell’energia e delle materie prime, aggravate da uno yen più debole.

La valuta giapponese ha toccato un minimo di quasi cinque anni rispetto al dollaro USA a gennaio e da allora si è avvicinata a quel livello.

In un febbraio Secondo il sondaggio 15-25, il rischio maggiore per l’economia del paese nel prossimo anno sarebbe dovuto all’emergere di nuove varianti di coronavirus, seguito da un inasprimento della politica monetaria statunitense più rapido del previsto e interruzioni della catena di approvvigionamento.

“I consumi privati ​​devono normalizzarsi affinché l’economia si riprenda”, ha affermato Atsushi Takeda, capo economista dell’Itochu Economic Research Institute.

“Le tendenze del coronavirus continuano a essere il rischio maggiore che ciò non accada”.

Secondo il sondaggio, la crescita economica dovrebbe salire a un 5,6% annualizzato nel secondo trimestre, che era migliore della proiezione del mese scorso del 3,4%.

Il sondaggio ha anche rilevato che l’economia crescerà del 2,9% nell’anno fiscale 2022, a partire da aprile, dopo un’espansione prevista del 2,5% per questo anno fiscale.

Secondo il sondaggio, i prezzi al consumo di base, che escludono la volatilità dei prezzi dei prodotti alimentari freschi, aumenteranno dell’1,2% il prossimo anno fiscale dopo una lettura piatta prevista per quest’anno fiscale.

Tre quarti dei 33 analisti che hanno risposto a una domanda sugli aumenti dei tassi di interesse statunitensi hanno affermato che i multipli aumenti della Federal Reserve statunitense nei prossimi 12 mesi non avrebbero un grave impatto sull’economia giapponese.

Il restante trimestre, ovvero otto intervistati, ha affermato che l’effetto di multipli aumenti dei tassi statunitensi sull’economia sarebbe grave, mentre nessuno si aspetta che sia molto grave.

READ  I giapponesi disabili sono spesso invisibili. Le Paralimpiadi porteranno una luce duratura?

“L’impatto non sarà grave se si presta attenzione al miglioramento dei vincoli di offerta mentre i prezzi sono tenuti sotto controllo da aumenti multipli dei tassi”, ha affermato Harumi Taguchi, economista principale di IHS Markit.

“Se i prezzi aumentano più del previsto e deprimono il potere d’acquisto dei consumatori, c’è il rischio di un circolo vizioso di aumenti dei prezzi e dei salari che potrebbe portare a una recessione negli Stati Uniti”.

(Per altre storie dal sondaggio economico globale Reuters: leggi di più)

($ 1 = 115.2200 yen)

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Kantaro Komiya; Sondaggio di Md Manzer Hussain a Bangalore; Montaggio di Jacqueline Wong

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.