Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Le importazioni dal Giappone hanno raggiunto livelli record con l’impennata dei prezzi dell’energia

Le esportazioni e le importazioni giapponesi hanno raggiunto il picco a dicembre, in gran parte a causa dei prezzi del petrolio e dello yen più debole, ha affermato giovedì il governo.

Le importazioni dal Giappone sono aumentate del 41% il mese scorso. Le esportazioni sono aumentate del 17,5% rispetto all’anno precedente a causa delle forti esportazioni di automobili e chip per computer.

Secondo il ministero delle Finanze, le esportazioni sono aumentate per il decimo mese consecutivo, mentre le importazioni hanno continuato a crescere per 11 mesi consecutivi.

L’impatto dell’epidemia sulla produzione, sui viaggi e su altre attività economiche è un freno importante per la terza economia più grande del mondo.

Le restrizioni imposte dal governo per frenare la diffusione dei contagi da corona virus riprenderanno venerdì a Tokyo e in circa una dozzina di altre regioni, bloccando ulteriormente la ripresa economica.

Il Giappone ha un deficit commerciale di 1,47 trilioni di yen (12,9 miliardi di dollari) nel 2021.

Il prezzo del petrolio e del gas naturale è recentemente salito ai massimi da diversi anni, sollevando preoccupazioni globali sull’inflazione. Il Giappone importa tutto il suo petrolio e gas e paga di più quando i prezzi aumentano.

Lo yen più debole è un vantaggio per le esportazioni giapponesi, rendendo le importazioni più costose. Il dollaro USA è stato recentemente scambiato a circa 114 yen giapponesi, rispetto ai 104 yen di un anno fa.

Koya Miyamae, economista senior presso SMBC Nikko Securities, ha affermato che una rapida ripresa delle esportazioni giapponesi è improbabile perché le case automobilistiche hanno problemi a fornire parti. La produzione di ricambi per auto è stata ostacolata dalle operazioni del governo in altre parti dell’Asia

READ  Wall Street lotta con dati di paga misti

“La ripresa dovrebbe essere graduale”, ha detto.

Il premier Fumio Kishida promette di rimettere il Giappone sulla strada della crescita promuovendo investimenti nel cosiddetto “nuovo capitalismo”, tecnologia digitale ed energia sostenibile.

Alcuni critici affermano che le sue proposte sono vaghe. Poiché ogni giorno i nuovi casi della variante Omigran continuano ad aumentare, Kishida insiste sul fatto che il Pugno Nazionale deve affrontare la malattia di Kovit.

___

Yuri Kagayama è su Twitter all’indirizzo https://twitter.com/yurikageyama