Gennaio 22, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Le azioni globali ottengono la loro nota dal forte Wall Street


Immagine del file: una donna che indossa una maschera di sicurezza passa davanti a una scheda elettronica che mostra i codici di borsa del Giappone e di altri paesi al di fuori di una società di brokeraggio a Tokyo, in Giappone, il 21 settembre 2021, in mezzo alla diffusione del governo 19. REUTERS / Kim Kyung-Hoon

di Danilo Masoni

MILANO (Reuters) – Le borse europee e asiatiche sono salite martedì, aiutando un’altra giornata da record a Wall Street e impedendo a Gran Bretagna e Francia di imporre sanzioni COVID più elevate prima della fine dell’anno.

Le classi immobiliari che vanno dal petrolio alle azioni sono vicine o superiori ai recenti massimi, con la variante Omigron del Covid-19 che ha recuperato le perdite da fine novembre, cosa che ha sollecitato gli investitori a mettersi in sicurezza.

Quando i timori sull’impatto della nuova variante si sono placati, gli investitori si sono rivolti ad attività rischiose.

L’Asian Equity Index è salito dello 0,2% alle 1142 GMT sull’MSCI, toccando un massimo record il mese scorso, mentre l’Asia e l’Europa sono aumentate per l’S&P 500, il 69° massimo di tutti i tempi quest’anno.

I futures degli indici statunitensi sono aumentati dello 0,2-0,4% in anticipo rispetto al mercato monetario.

Il benchmark azionario europeo STOXX 600 ha guadagnato lo 0,5% dal 19 novembre, mentre il Nikkei giapponese è aumentato dell’1,4% a un massimo di un mese e l’indice più ampio delle azioni Asia-Pacifico di MSCI è aumentato dello 0,5% al ​​di fuori del Giappone.

“L’ultimo rapporto conferma la scorsa settimana che la variante del virus Omigron Corona, sebbene altamente contagiosa … porta a un minor numero di ricoveri ospedalieri e decessi, è stata implementata la scorsa settimana”, ha affermato Saralambos Pizoros, capo della ricerca presso il JFD Group con sede a Cipro.

READ  Edmund Io 'Moonlight Shadow' e la sua proiezione in Giappone senza di lui | spettacolo

La Borsa di Londra è stata chiusa per le vacanze, riducendo l’attività di borsa in tutta la regione.

In Cina, il 27 dicembre sono stati segnalati 209 nuovi casi confermati di virus corona, in aumento rispetto ai 200 del giorno prima, principalmente nella provincia nordoccidentale dello Shanxi, con la capitale provinciale, Xi’an, rinchiusa.

In Europa, il governo britannico ha affermato che il Regno Unito non riceverà le nuove restrizioni COVID-19 entro la fine del 2021, mentre il governo francese ha affermato che avrebbe rafforzato le misure, anche se non ci sarebbe stato il coprifuoco per il nuovo anno e le scuole avrebbero riaperto come previsto . All’inizio di gennaio.

L’MSCI Global Stock Exchange è aumentato di oltre il 17% finora quest’anno e gli investitori sono cauti nei confronti dei rischi posti dalle crescenti pressioni sui prezzi nel 2022, dal rallentamento della crescita degli utili aziendali e dal potenziale ciclo di rialzo dei tassi negli Stati Uniti.

“La crescita della moneta rallenterà nel 2022, ma il mercato sospetta fortemente che la Bce e la banca centrale siano davvero pronte a rafforzare la propria posizione finanziaria”, ha affermato Arne Petimezas, analista di AFS Group ad Amsterdam. “Ora devono affrontare un compromesso tra il controllo dell’inflazione o il continuare a gestire questo partito”.

Lunedì l’S&P ha chiuso l’1,4%, sovraperformando la forte forza economica al dettaglio, con il Dow Jones in rialzo dell’1% e il Nasdaq 100 in rialzo dell’1,6%.

Nonostante la rapida diffusione di Omigran, il petrolio è stato esteso a causa delle restrizioni sull’offerta e delle aspettative che le scorte statunitensi sarebbero diminuite la scorsa settimana.

READ  Food Locker prende di mira il Giappone e tende imboscate con acquisti bancomat - Quartz

Il greggio Brent è cresciuto dell’1,5% a 79,75 dollari al barile e il greggio statunitense dell’1,6% a 76,77 dollari al barile.

Nel frattempo, lo yen rifugio sicuro è sceso al minimo di un mese di 114,94 contro il dollaro ed è stata l’ultima piccola variazione della giornata.

Il dollaro è stato anche un rifugio sicuro, nonostante una brutta svolta questo mese alla Federal Reserve, che ha visto i politici segnalare aumenti dei tassi di tre quarti nel 2022.

L’indice del dollaro, che misura la valuta rispetto a sei principali valute, era al di sotto dell’equilibrio a 96,02. La sterlina è salita dello 0,1% a un nuovo massimo di cinque settimane. L’euro è leggermente cambiato e il dollaro australiano sensibile al rischio è aumentato dello 0,2%.

Bitcoin è sceso sotto i $ 50.000 e ha perso il 3%.

Nei mercati del credito, giovedì i rendimenti dei Treasury statunitensi sono stati inferiori al massimo da 10 anni dell’1,5%. Il rendimento a 10 anni della Germania, il benchmark per la zona euro, ha aggiunto 2 punti base a -0,226%.

L’oro spot è salito dello 0,3% a un massimo di un mese di $ 1.816,60 mentre il dollaro USA si è deprezzato. [GOL/]

(Segnalato da Danilo Masoni a Milano e Alun John a Hong Kong; montaggio di Bernadette Palm e Alexander Smith)

(C) Brevetto Thomson Reuters 2021. Fare clic per le restrizioni –
https://agency.reuters.com/en/copyright.html