Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Le azioni asiatiche sono scese poiché i rendimenti obbligazionari hanno superato la banca centrale


Immagine del file: A Tokyo, in Giappone, il 1° novembre 2021, nel mezzo dell’epidemia di Corona virus (COVID-19), i passanti indossano maschere elettroniche su un cartellone elettronico che mostra i codici azionari globali. REUTERS/Issei Kato

Di Scott Murdoch

MELBOURNE (Reuters) – I mercati azionari asiatici sono diventati negativi martedì, con i rendimenti dei Treasury USA in aumento dell’1% per la prima volta in quasi due anni, con gli investitori che valutano i rischi di un rialzo dei tassi ufficiali della banca centrale a marzo.

Martedì anche i primi mercati europei sono stati leggermente più deboli.

Tuttavia, i prezzi del petrolio sono aumentati per più di sette anni a causa delle preoccupazioni per gli shock dell’offerta dopo che il gruppo Houthi dello Yemen ha attaccato gli Emirati Arabi Uniti.

L’indice MSCI ad ampio spettro dei titoli azionari dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è salito dello 0,4% all’inizio della sessione ed è sceso dello 0,45% nel pomeriggio.

Ad eccezione di alcuni indici cinesi, ciascuno dei principali mercati della regione ha abbandonato i suoi precedenti guadagni.

Le azioni australiane sono scese dello 0,11%, mentre l’indice blue-chip CSI300 in Cina è salito dello 0,7%.

L’indice Hong Cheng di Hong Kong è sceso dello 0,42% da un guadagno dello 0,6%.

Il Nikkei giapponese è sceso dello 0,23%.

I rendimenti dei Treasury statunitensi a due anni sono aumentati di oltre l’1% per la prima volta da febbraio 2020, dopo le aspettative sui tassi. I rendimenti nel pomeriggio asiatico sono stati dell’1,0364%.

Il rendimento del benchmark a 10 anni è aumentato di quasi 6 punti base (PPS) all’1,855%.

All’inizio del trading azionario europeo, i futures Euro Stokes 50 sono scesi dello 0,38% a 4.276,5, i futures tedeschi DAX sono scesi dello 0,22% a 15.893 e i futures FTSE sono scesi dello 0,17% a 7.538,5.

READ  Classifiche Power della Coppa d'Asia femminile AFC: il Giappone è ancora il primo della classe; L'Australia si schianta; Le Filippine fanno la storia

I futures su azioni statunitensi, l’S&P 500 e-minis, sono scesi dello 0,47% al 4.633%.

La Federal Reserve statunitense non dovrebbe modificare i tassi nella riunione del 25-26 gennaio, ma gli investitori emergenti prevedono che marzo sarà l’inizio di un ciclo ristretto.

“L’attenzione degli investitori è sulla banca centrale e sul ritmo con cui stanno aumentando i tassi”, ha detto a Reuters John Milroy, consulente dell’agenzia di intermediazione Art Minnett con sede a Sydney.

“Pensiamo che sia più veloce di quanto i mercati si aspettano attualmente. Le condizioni in aumento sono negli Stati Uniti con un mercato del lavoro ristretto. Buono per la crescita globale ma crescenti pressioni inflazionistiche”.

Elizabeth Diane, direttore dei derivati ​​azionari di Citigroup, ha affermato che i mercati azionari stanno reagendo alle mosse del mercato obbligazionario.

“Si teme che ci saranno aumenti dei tassi più bruschi e rapidi quando arriverà il governo federale”, ha affermato.

“La banca centrale sta peggiorando e si sta concentrando maggiormente su questo, ma pensiamo che dovrebbe esserci più supporto nel mercato azionario a breve termine a causa del valore della liquidità della banca centrale che esiste ora”, ha affermato.

“Diciamo che è troppo presto perché il flusso di cassa è così difficile e deve essere venduto di più durante il rally”.

L’indice del dollaro, che replica il biglietto verde rispetto al paniere di valute dei principali partner commerciali, era 95,33.

Il greggio Brent è salito di 87,33 dollari al barile, in rialzo dell’1% a 87,55 dollari, il livello più alto da ottobre 2014. Il greggio statunitense è salito dell’1,32% a 84,93 dollari al barile.

I residenti hanno detto martedì che un attacco aereo su un edificio nella capitale yemenita, Sanaa, aveva ucciso almeno 14 persone durante gli attacchi in tutta la città da parte di una coalizione guidata dai sauditi che combatteva il gruppo Houthi.

READ  Dollaro in rialzo, sulla buona strada per il terzo giorno consecutivo di guadagni

Gli attacchi della coalizione al Sanaa controllato dagli Houthi sono stati effettuati ad Abu Dhabi dopo l’attacco di lunedì degli Houthi alleati con l’Iran contro gli alleati alleati degli Emirati Arabi Uniti, in cui sono state uccise tre persone.

“Nuove tensioni geopolitiche si sono aggiunte ai segnali di irrigidimento del mercato”, hanno affermato i ricercatori di ANZ in una nota.

L’oro è leggermente inferiore. L’oro spot è stato scambiato a $ 1.817,1642 l’oncia. [GOL/]

(Report di Scott Murdoch a Melbourne; Montaggio di Neil Fullick)

(C) Brevetto Thomson Reuters 2022. Fare clic per le restrizioni –
https://agency.migration.com/en/copyright.html