Luglio 6, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Le azioni asiatiche scendono mentre Omicron si diffonde, incombe la decisione della banca centrale


TOKYO, 5 ottobre 2021 – Le persone che indossano maschere protettive riflettono su un cartellone elettronico che mostra i prezzi delle azioni giapponesi al di fuori di una società di brokeraggio a Tokyo, in Giappone, durante lo scoppio della malattia da virus corona (COVID-19). REUTERS / Kim Kyung-Hoon

di Paulina Duran

SYDNEY (Reuters) – Le azioni asiatiche e i prezzi del petrolio sono crollati martedì, con la diffusione della variante del virus Omigron Corona che ha scioccato gli investitori che questa settimana erano sull’orlo di una grave battuta d’arresto, incluso un importante incontro della Federal Reserve.

Le azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori dell’indice più ampio del Giappone, l’MSCI, sono scese dello 0,46%.

L’indice CSI300 cinese è sceso dello 0,41%, dopo che i funzionari sanitari a Tianjin hanno scoperto il primo caso Omicron del paese.

Zhejiang, un’importante provincia manifatturiera cinese, quest’anno sta combattendo il suo primo cluster COVID-19, con decine di migliaia di cittadini che chiudono le attività commerciali in aree isolate e colpite dal virus.

I rischi economici della variante Omigron e il tono di falco alto della banca centrale mercoledì hanno ridotto la propensione al rischio.

John Milroy, consulente di Art Minnet a Sydney, ha dichiarato: “Ci aspettiamo che la Federal Reserve riduca i tassi di interesse.

“Penso che ci siano ragioni per aspettarsi che i soldi tornino in contanti per un po’, in previsione che l’inizio del 2022 sia un periodo volatile”.

L’indice Hong Cheng di Hong Kong è sceso dell’1%, il KOSPI della Corea del Sud dello 0,4%, il Nikkei giapponese dello 0,13% e quello australiano dello 0,31%.

Nel tentativo di combattere l’elevata inflazione, il governo federale dovrebbe tagliare mercoledì il suo piano di acquisto di obbligazioni da 120 miliardi di dollari per il mese, il che potrebbe fare un ulteriore passo avanti per aumentare i tassi di interesse.

READ  Reo Hatate non è coinvolto poiché il Giappone si assicura il posto per la settima Coppa del Mondo consecutiva

Il dollaro è aumentato in vista dei prossimi incontri, con gli investitori che guardano alla possibilità che la banca centrale inizi ad aumentare i tassi entro il 2022.

Edward Moya, analista senior di OANDA, ha dichiarato: “Tutti (questi) risultati della Fed, della BCE e della BOE sono volatili.

La Banca centrale europea, la Banca d’Inghilterra e la Banca del Giappone si incontrano questa settimana e ciascuna si sta muovendo verso la normalizzazione della propria politica monetaria.

Dopo che il primo ministro britannico Boris Johnson ha avvertito di un'”ondata di marea” di nuovi casi, i timori sulla variante Omigron di Covit-19 sono aumentati e l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che rappresenta un rischio globale “molto elevato”, con alcune prove che lo evitano. Protezione dai vaccini.

Il futuro del petrolio si è attenuato poiché sono sorti nuovi dubbi sull’efficacia dei vaccini contro la variante del virus corona Omicron, sebbene l’OPEC nel suo rapporto mensile preveda che l’impatto della variazione sulla domanda di carburante sarà lieve.

I futures sul Brent sono scesi di 83 centesimi o dell’1,10% a 74,32 dollari al barile, mentre il greggio US West Texas Intermediate (WTI) è sceso di 8 centesimi o dello 0,11% a 71,21 dollari.

L’indice FTSE è sceso dello 0,83%, mentre l’indice paneuropeo STOXX 600 ha perso lo 0,43% e il titolo globale di MSCI è sceso dello 0,80%.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,89% e il mix Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico, è sceso dell’1,39%.

L’indice del dollaro è salito dello 0,27% e l’euro è sceso dello 0,01% a $ 1,1282.

I principali rendimenti dei titoli del Tesoro statunitensi a 10 anni sono scesi lunedì e le curve dei rendimenti sono piatte, con i trader che si preparano per il pedale del falco.

READ  BOJ Kuroda evidenzia l'inflazione come un rischio per l'economia giapponese

I rendimenti dei Treasury a 10 anni sono scesi di 6,5 punti base all’1,424% e i rendimenti dei Treasury a 30 anni sono scesi di 6,7 punti base all’1,817%. [US/]

(Paulina Duran Report a Sydney, Tara Ranasinghe e Elizabeth Tilts Marshall a New York; Montaggio di Sam Holmes)

(C) Brevetto Thomson Reuters 2021. Fare clic per le restrizioni –
https://agency.reuters.com/en/copyright.html