Giugno 27, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’auto volante, costruita in Giappone, è stata allestita per i primi voli di prova sul suolo nazionale

Un’auto volante giapponese Tokyo-Ferrari inizierà i voli di prova nel suo paese d’origine la prossima primavera, segnando le sue prime miglia di volo con il pilota.

La start-up Tetra Aviation, sviluppata dall’Università di Tokyo, prevede di testare il suo velivolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) con un operatore in Giappone entro marzo 2022. Gli Stati Uniti e la nave hanno condotto test senza operatore.

Rilasciato in occasione di un air show americano all’inizio dell’estate, l’Mk-5 è uno dei concorrenti globali nelle auto volanti: ha attirato artisti del calibro di Uber Technologies, Hyundai Motor, Japan Airlines e Toyota Motor. L’aereo ha un’autonomia di 160 km e dovrebbe partire da 40 milioni di yen (360.000 dollari).

I preordini sono iniziati e la società afferma di aver già ricevuto più di 100 richieste da potenziali acquirenti.

L’aereo ha ricevuto l’approvazione della FAA per i voli di prova dopo l’ispezione dei documenti e l’ispezione in loco. Sarà idoneo per voli di prova in Giappone con il permesso del Ministro dei Trasporti.

I miglioramenti saranno apportati all’Mk-5 in Giappone a partire da ottobre, utilizzando i risultati dei test non presi negli Stati Uniti. Entro marzo verrà effettuato un test di volo con un operatore a un’altitudine compresa tra 5 e 7 metri per circa tre minuti nella prefettura di Fukushima, a nord di Tokyo.

SkyDrive, un altro sviluppatore giapponese di auto volanti, ha condotto un volo di prova di gruppo pubblico nella provincia di Aichi un anno fa. SkyDrive è stata fondata da un ex dipendente Toyota e ha testato il suo veicolo nella città natale della casa automobilistica. Entrambe le società mirano a lanciare operazioni di aviazione entro il 2025, quando Osaka ospiterà l’Esposizione Universale.

READ  Il governo giapponese investe nel progresso del pesce sostenibile giapponese insieme agli chef Michelin con sede negli Stati Uniti