Ottobre 19, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’alta tassa sul tabacco in Giappone non è sufficiente per smettere di fumare molti fumatori

Dati Giappone

Stile di vita Socio-economia


Una maggiore consapevolezza della salute, normative più severe sul fumo e l’aumento dei prezzi stanno portando a un calo del numero di fumatori in Giappone. Tuttavia, l’aumento delle tasse non è sufficiente per convincere molti fumatori a smettere.

Net Asia Research, una società di ricerche di marketing mobile, ha chiesto a 500 fumatori e 500 non fumatori cosa ne pensano dell’aumento delle tasse del 1 ottobre sui prodotti del tabacco in Giappone. Al contrario, con l’87,4%, la maggioranza si è fortemente o parzialmente contraria. Con l’aumentare dell’età, aumenta la percentuale di fumatori contrari all’aumento delle tasse, che raggiunge il 98% per i sessantenni.

I non fumatori che hanno sostenuto l’aumento delle tasse sono stati l’88%, contro l’11%, e completamente contro i fumatori. È interessante notare che il 92% dei non fumatori ha sostenuto i quarant’anni e il 94% i cinquantenni.

Alla domanda su come cambierebbero le loro abitudini al fumo con l’aumento delle tasse, solo il 12% ha detto che avrebbe smesso. Il 38% ha risposto che avrebbe “fumato” e il 40,4% “ridotto”, il che ha mostrato la difficoltà di influenzare le abitudini abituali.

Il gettito fiscale totale dalla vendita dei prodotti del tabacco, comprese le tasse regionali e nazionali, è di tremila miliardi. Quando è stato chiesto se pensano che la tassa sui prodotti del tabacco contribuisca alla comunità, il 40% dei fumatori ha pensato che fosse il doppio rispetto ai non fumatori.

(Tradotto dal giapponese. Foto banner: i Pixa.)

Tabacco
Fumare
Imposta

READ  Le azioni stanno sanguinando pesantemente dopo il peggior sell-off da gennaio