Dicembre 9, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

La mecca dei distributori automatici giapponesi: circa 100 rari distributori automatici ti aspettano in questo luogo insolito

Torna indietro nel tempo con i distributori automatici della vecchia scuola che erogano prodotti unici in confezioni retrò.

Ai nostri tempi abbiamo visitato molti siti di distributori automatici, ma di gran lunga uno dei migliori del paese si trova in una posizione piuttosto insolita: un mercato di pneumatici usati chiamato Sagamihara.

▼ Il posto dove andare per le gomme usate e un sacco di nostalgia per i distributori automatici.

Mentre l’azienda qui ha la sua attività principale nell’industria dei pneumatici usati, è diventata ancora più famosa per i suoi distributori automatici, con quasi 100 modelli retrò in funzione. Questo tesoro di macchine della vecchia scuola è così impressionante che potremmo persino chiamarlo la mecca dei distributori automatici retrò in Giappone.

▼ Ci sono così tanti distributori automatici che si sono diffusi anche nell’area dell’officina.

▼ Il posto attira una folla nei fine settimana, con il parcheggio pieno il sabato in cui abbiamo visitato.

La stragrande maggioranza dei visitatori è qui per i distributori automatici, molti dei quali sono difficili se non impossibili da trovare altrove. Entrare sotto l’impalcatura è come fare un salto indietro nel tempo, poiché le macchine della vecchia scuola, con i loro display retrò, sono allineate fianco a fianco.

Come mostrano queste foto, la linea di distributori automatici è lunga e offre ai visitatori una vasta gamma di scoperte entusiasmanti.

▼ Macchine a perdita d’occhio e ciò che è ancora più impressionante è questo sono tutti riforniti e perfettamente funzionanti.

Secondo l’azienda di pneumatici che gestisce il sito, i distributori automatici sono stati inizialmente installati come un modo per aiutare i clienti a passare il tempo in attesa del cambio delle gomme. Si è rivelata un’ottima idea a lungo termine, poiché l’esperienza dell’azienda in pneumatici e riparazione di veicoli si è rivelata utile nella manutenzione delle macchine: la fornitura di parti per queste vecchie macchine potrebbe essere terminata anni fa, ma il personale in loco ha le competenze e gli strumenti per riparare e mantenere gli aggeggi della vecchia scuola.

▼ La nostra giornalista Haruka Takagi ha deciso di provare alcune delle macchine, a cominciare da una che vendeva soba e udon noodles.

Le opzioni erano “Udon di carne” o “La carne Soba“, con ognuno un costo di 400 yen (US $ 2,76). Haruka scelse la prima, e dopo aver infilato lentamente le sue monete nella fessura, fu felicissima di vedere il vecchio timer accendersi, contando alla rovescia i secondi prima che il suo cibo fosse pronto.

Quando il timer finì il conto alla rovescia, Haruka aprì la porta sottostante e recuperò la sua scodella di noodles bollenti.

I noodles erano davvero bollenti: il contenitore era fatto di resina morbida, quindi non faceva molto per evitare che le dita si ustionassero. Sicuramente qualcosa di cui prendere nota se si utilizza la macchina con i bambini, poiché non si desidera che recuperino la ciotola e si brucino le dita.

READ  Duolingo apre il Museo di "Wonky English" per mostrare l'arte delle traduzioni errate giapponesi

▼ I noodles potrebbero essere difficili da tenere in mano, ma sono una bellezza da vedere. Riesci a credere che sia uscito da un distributore automatico?

Haruka stava morendo di fame, quindi ha lavorato con il calore, afferrando la ciotola in un modo che non le bruciasse la punta delle dita, e quando ha bevuto il suo primo sorso, era totalmente soddisfatta del sapore. Esso aveva un gusto rustico e semplice che le ricordava i tempi passatiquando le cose erano più semplici e meno incatenate con equipaggiamenti fantasiosi progettati per il ‘Gram.

▼ Nessuno era qui per il cibo sofisticato, però: tutti erano qui per l’inestimabile esperienza di viaggiare indietro nel tempo per provare cose che le persone mangiavano decenni fa.

Una volta che ebbe bevuto gli ultimi dei suoi noodles, Haruka mise la sua ciotola nel cestello e si mosse per esplorare alcune delle altre macchine.

▼ Il successivo distributore automatico che ha attirato la sua attenzione è stato uno con funzione rotante.

Questo aveva un metodo unico per recuperare il tuo acquisto – la porta di metallo si apre dopo aver inserito le monete e aver effettuato la selezione.

▼ La porta si chiude automaticamente dopo otto secondi, quindi non vorrai indugiare mentre estrai il tuo oggetto.

Ci sono così tanti tipi diversi di distributori automatici nei locali che è come essere in un museo interattivo.

▼ Alcuni dei reperti preferiti di Haruka erano i distributori automatici di Cup Noodle retrò.

Questi vecchi Distributori automatici di gelato Lotte erano anche fantastici. Haruka non aveva mai visto niente di simile prima in vita sua, ma poteva immaginare gli sguardi eccitati che queste vetrine avrebbero portato ai bambini e agli adulti un tempo.

▼ Haruka fu anche stupito di trovare una macchina della fortuna omikuji, a volte vista nei santuari, schiacciata tra due vecchi distributori di bevande.

▼ Un altro tuffo nel passato è stato questo vecchio distributore automatico di Coca-Cola rifornito di bottiglie da un litro di bibite.

▼ E che ne dici di questo distributore automatico di fotocamere istantanee di Kodak? Questo avrebbe salvato molti turisti nell’era pre-smartphone.

▼ I distributori automatici a bobina non sono rari oggi, ma quelli qui sono tutti piuttosto vecchi, con pulsantiere.

▼ Dai un’occhiata a questo vecchio Didone macchina! Ai tempi in cui Dydo, il produttore di noti drink come Caffè del capooperava come “Daido

Nascosto in un angolo c’era persino un vecchio jukebox, il che ci ha fatto capire che anche questo era una specie di distributore automatico… vendere i tuoi brani preferiti in cambio di qualche piccolo cambiamento.

Haruka iniziò a sentire la sua fame aumentare mentre passava davanti agli appetitosi display su molti distributori automatici, quindi si fermò per provare un hamburger in questa macchina che sembrava essere popolare tra i visitatori.

READ  La giapponese Nippon Yusen collabora con la controllata indonesiana Pertamina Tanker

C’erano tre hamburger tra cui scegliere: Pesce, Cotoletta Fritta Di Gamberie Cotoletta Di Pollo Fritta. Ancora una volta, Haruka non riusciva a credere che queste vecchie macchine con i pulsanti logori funzionassero davvero, e questa era particolarmente economica, con tutti gli hamburger al prezzo di 280 yen.

Dopo aver aspettato un po’ – queste macchine non funzionano velocemente come le loro controparti moderne – Haruka ha sentito qualcosa cadere nel vassoio sottostante, e allungando una mano per recuperarlo, è stata entusiasta di vedere Il suo acquisto è arrivato nella confezione originale della vecchia scuola!

Aprire la scatola per mangiare l’hamburger è stata un’esperienza divertente, ma ancora una volta questo era un prodotto caldo al tatto. Chi sapeva che il riscaldamento di queste vecchie macchine era così sopraffatto?

Dopo aver lasciato raffreddare l’hamburger per un po’, Haruka riuscì finalmente ad addentarlo, e quando lo fece, ne fu molto contenta. Era assolutamente delizioso e un affare per 280 yen!

Aveva ancora spazio nella pancia per altro cibo nel distributore automatico, quindi Haruka si fermò per fare un acquisto al Distributore automatico Bon Curry.

All’inizio, Haruka pensava che l’uomo nella foto sulla macchina fosse un giocatore di baseball, ma si è rivelato essere il narratore rakugo di terza generazione Ninikaku Shofukutei. Non si vedeva da nessuna parte sul pacco, però, che sembrava fosse arrivato direttamente dagli anni ’60.

▼ Bon Curry è stato introdotto sul mercato nel 1968 come Il primo curry di storta pronto da mangiare del Giappone.

Il Bon Curry costa 400 yen e comprende roux, riso e un cucchiaio. Ancora una volta, un pasto dall’aspetto semplice che faceva sentire Haruka come se avesse viaggiato nel tempo nel passato.

Come previsto, questo aveva il sapore di un buon curry di storta – nessuna sorpresa qui. Proprio come l’hamburger e le tagliatelle, però, il curry era caldo al tatto.

▼ Bon Curry uscito da un distributore automatico dell’era Showa? È un pasto speciale proprio lì.

Se stai pensando di fare il tuo pellegrinaggio in questa sacra mecca dei distributori automatici giapponesi, ci sono alcuni punti che vorrai tenere a mente per rendere la tua visita più piacevole. In primo luogo, dovresti fare scorta di molte monete in anticipopoiché queste macchine non accettano le bollette.

▼ In effetti, la maggior parte delle macchine non accetta nemmeno monete da 500 yen: solo monete da 10, 50 e 100 yen.

C’è un cambiamonete in loco, ma cambierà solo banconote da 1.000 yen in monete da 100 yen, e non c’è alcuna garanzia che non finirà le monete, quindi è meglio essere preparati.

In secondo luogo, è utile porta con te un asciugamanovisto che ti aiuterà a tenere gli oggetti caldi al tatto.

READ  L'indagine sul genotipo giapponese suggerisce che le persone a Thohoku hanno una maggiore tolleranza all'alcol

I distributori automatici retrò, inclusi i distributori udon e soba, non sono eccezionali per lavori delicati, quindi non è raro che il liquido trabocchi o goccioli dal contenitore prima di recuperarlo. Quindi usare un asciugamano per tenere la tua ciotola di noodles ti aiuterà a tenere le dita al sicuro da qualsiasi liquido bollente che potrebbe trovarsi all’esterno della ciotola quando lo ricevi. Inoltre, è comodo per asciugarti le mani quando usi il bagno, che può essere affollato nei fine settimana.

In terzo luogo, ti consigliamo di acquistare i tuoi prodotti preferiti non appena li vedi, poiché c’è il pericolo che possano essere esauriti prima che tu faccia un giro dell’area e torni di nuovo da loro. Il personale sembra rifornire regolarmente i prodotti, ma c’è sempre la possibilità che i prodotti popolari possano esaurirsi, soprattutto nei giorni di punta. In effetti, quando Haruka ha utilizzato la macchina per la pasta, la Tempura Udon e la Tempura Soba avevano i segni rossi “tutto esaurito” sui pulsanti, quindi non è stata in grado di acquistarli.

L’ultimo consiglio è di utilizzare le macchine lentamente e con cautela.

A differenza dei moderni distributori automatici, molti dei vecchi distributori automatici non sono in grado di elaborare rapidamente. Inserendo lentamente e con attenzione le monete e premendo i pulsanti, è possibile prevenire malfunzionamenti come inceppamenti di monete. Se si verifica un problema, è possibile ricevere assistenza dal personale del mercato dei pneumatici dell’usato durante l’apertura chiamando il numero di telefono affisso in loco.

▼ Questo è ciò che ha fatto Haruka quando i pulsanti erano fuori servizio su una macchina, ed è stata in grado di dare un’occhiata al suo funzionamento interno.

Mentre lo stesso mercato degli pneumatici usati ha stabilito l’orario di lavoro, i distributori automatici sono aperti ogni ora del giorno, sette giorni su sette, per aiutarti a realizzare i sogni retrò ogni volta che è conveniente per te.

Quindi la prossima volta che stai cercando un distributore automatico unico in Giappone, assicurati di fermarti al mercato dei pneumatici, che si trova nella vicina Prefettura di Kanagawa a Tokyo. E se stai cercando un altro distributore automatico raro, non puoi perderlo questi, che sono azionati manualmente da una nonna giapponese in campagna!

Informazioni sul sito
Negozio di pneumatici usati Sagamihara Store
Indirizzo: 神奈川県相模原市南区下溝2661-1
Kanagawa-ken, Minami-ku, Sagamihara, Shimomizo 2661-1
Aperto dalle 10:00 alle 19:00
Chiuso il mercoledì
Distributori automatici aperti 24 ore su 24 tutti i giorni
Sito web

Foto © SoraNews24
● Vuoi conoscere gli ultimi articoli di SoraNews24 non appena vengono pubblicati? Seguici su Facebook e Twitter!