Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

La maggior parte dei paesi OCSE completa i crediti all’esportazione per le nuove centrali a carbone


Foto

PARIGI (Reuters) – L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) afferma che la maggior parte dei paesi Ocse ha accettato di sospendere il credito all’esportazione alle centrali elettriche a carbone.

I paesi partecipanti sono Australia, Gran Bretagna, Canada, Unione Europea, Giappone, Corea, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Turchia e Stati Uniti.

L’organizzazione con sede a Parigi fornisce credito all’esportazione con assistenza finanziaria del governo, finanziamenti diretti, garanzie, assicurazione o supporto sui tassi di interesse per aiutare gli acquirenti stranieri a finanziare l’acquisto di beni da esportatori nazionali.

L’OCSE ha affermato che il divieto riguarderà le nuove centrali elettriche a carbone senza cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio attivo (CCUS).

Lo scopo del dispositivo è controllare l’inquinamento e impedire che le centrali elettriche a carbone prolunghino la vita o la capacità dell’impianto o prima di installare CCUS.

L’OCSE ha affermato che il divieto entrerà in vigore entro la fine di ottobre mentre i paesi si preparano per la conferenza sul clima COP26.

(Relazione di Le Thomas; montaggio di Jason Neely e Louis Heavens)

(C) Copyright Thomson Reuters 2021. Fare clic per le restrizioni –
https://agency.reuters.com/en/copyright.html

READ  Il leader giapponese afferma che le Olimpiadi sono un 'simbolo dell'unità mondiale'