Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina sta schiacciando migliaia di anziani giapponesi

Si soldati ovieti fecero irruzione nella casa di Hirotoshi Kawata il 4 settembre 1945, alla ricerca di soldati giapponesi nascosti e oggetti di valore. Kawata, allora 11enne, ricorda di aver capito solo due parole che hanno detto: tokei, o orologio da polso; e per amore diche hanno continuato a saccheggiare dalla casa.

Fu l’inizio della conquista sovietica di una catena di isole ricca di risorse nel nord del Giappone, con terrore delle famiglie che avevano pensato che il peggio della guerra fosse passato dopo la resa del Giappone. Ai cittadini giapponesi fu presto vietato di lavorare o muoversi liberamente e donne e bambini furono detenuti per lavori forzati.

Molte famiglie sono fuggite su barche nel cuore della notte, dapprima remando fino a quando non sono state abbastanza lontane dalla costa per accendere i motori. La famiglia di Kawata era tra le migliaia di sfollati durante quel periodo.

“Tutti questi anni dopo, non riesco ancora a dimenticare tutto ciò che ho visto davanti ai miei occhi”, dice Kawata, 87 anni. Ora, “vedere gli ucraini … colpisce così vicino a casa. Non sembra che stia succedendo qualcosa in lontananza”.

A migliaia di miglia dall’Ucraina, in questa città nell’estremo nord-est del Giappone, dove molti dei circa 17.200 ex residenti dei Territori del Nord si sono reinsediati, l’invasione russa e la difficile situazione di milioni di rifugiati ucraini risuonano profondamente.

La guerra ha infranto le loro speranze di rivedere la loro patria dopo che la Russia ha interrotto i negoziati sulle isole in risposta alle sanzioni del Giappone contro la Russia per aver invaso l’Ucraina.

Per questi ex residenti, la cui età media è di quasi 87 anni, la speranza di tornare a casa in vita è svanita.

READ  Modifiche per Giappone e USA >> Scuttlebutt Sailing News

A Nemuro, è difficile viaggiare di qualche isolato senza vedere una statua o un cartello imponente che chiede, in un linguaggio giapponese insolitamente forte: “I Territori del Nord, restituiscilo!”

“Gli unici rimasti per raccontare queste storie sono solo i ricordi di alcuni studenti di quinta elementare. Gli altri sono morti tutti, incapaci di condividere le loro storie “, afferma Hiroshi Tokuno, 88 anni, fuggito dall’isola di Shikotan all’età di 13 anni.

Per anni, sotto l’ex primo ministro Shinzo Abe, il Giappone ha cercato di migliorare le relazioni con la Russia e di dare la priorità al trattato di pace e all’accordo territoriale nel tentativo di rendere Mosca un partner strategico e impedirle di avvicinarsi alla Cina. Quando la Russia ha annesso la regione della Crimea all’Ucraina nel 2014, la preoccupazione per i negoziati per le isole ha plasmato la tiepida risposta di Abe.

Ma in una svolta drammatica rispetto ai suoi anni di ricerca del riavvicinamento con la Russia, il Giappone ha imposto sanzioni economiche di ampia portata in risposta all’invasione dell’Ucraina. Sebbene i negoziati fossero in stallo dal 2020, Mosca ha dichiarato la scorsa settimana che non aveva intenzione di tornare ai colloqui e prevedeva di porre fine ai viaggi senza visto dei cittadini giapponesi nelle isole. Ha anche minacciato di ritirarsi da progetti economici congiunti lì.

Quelli che il Giappone chiama i Territori del Nord – le isole di Kunashiri, Etorofu, Habomai e Shikotan – si trovano al largo della costa di Hokkaido e alcune di esse sono visibili da Nemuro nelle giornate limpide. Facevano parte del Giappone prima della seconda guerra mondiale, ma subito dopo la resa del paese nell’agosto 1945, l’Unione Sovietica rivendicò le isole, che chiamò Isole Curili.

Una foto di Hiroshi Tokuno e dei suoi fratelli quando vivevano a Shikotan

(Il Washington Post)

Queste isole vulcaniche a sud-est dell’isola russa di Sakhalin separano il Mare di Okhotsk e l’Oceano Pacifico e sono al centro delle relazioni russo-giapponesi del dopoguerra. I due paesi hanno fatto una dichiarazione congiunta nel 1956 per porre fine allo stato di guerra tra di loro, ma non hanno firmato un trattato di pace. Quello è stato in attesa di una risoluzione della controversia sulle isole.

Dal punto di vista del Giappone, la presa sovietica delle isole fu un tradimento, perché il Giappone si era già arreso e le isole erano state territorio giapponese sin dal primo trattato tra l’impero russo e l’impero del Giappone nel 1855, afferma James Brown, esperto di Relazioni russo-giapponesi nel campus della Temple University di Tokyo.

Per la Russia, le isole sono i suoi legittimi territori, ottenuti in cambio dell’adesione agli Stati Uniti contro il Giappone nella seconda guerra mondiale. Rinunciare alle isole è considerato un tradimento dei soldati e dei cittadini sovietici, nonché dell’eredità russa della seconda guerra mondiale, afferma Brown. Le isole sono anche di interesse strategico per la Russia, perché facilitano a Mosca l’ingresso delle sue navi nell’Oceano Pacifico dal Mare di Okhotsk e dispongono di preziose risorse naturali, tra cui un metallo di terre rare utilizzato nelle costruzioni aerospaziali.

Hiroshi Tokunu, 88 anni, indica la parte dell’isola di Shikotan dove visse fino all’età di 13 anni

(Il Washington Post)

Tokyo e Mosca hanno intrattenuto negoziati di pace a intermittenza dalla dichiarazione del 1956, ma non c’è stato alcun movimento significativo. A differenza delle controversie territoriali del Giappone con la Cina e la Corea del Sud per le isole in gran parte disabitate, la portata della disputa con la Russia è diversa, perché le isole sono più grandi (Etorofu è di quasi 2.000 miglia quadrate) e la vita di migliaia di persone è direttamente influenzata.

A Nemuro, è difficile viaggiare di qualche isolato senza vedere una statua o un cartello imponente che chiede, in un linguaggio giapponese insolitamente forte: “I Territori del Nord, restituiscilo!” I segnali stradali e i nomi delle strade sono scritti in giapponese e russo, a beneficio dei pescatori russi che fanno affari a Nemuro.

Qui, l’annuncio da parte della Russia del suo ritiro dai negoziati ha delle conseguenze. Impedisce agli ex residenti di visitare le tombe dei parenti sulle isole. Termina anche le visite culturali tra i residenti russi delle isole e i cittadini giapponesi, che speravano che le due popolazioni potessero coesistere se la controversia fosse mai risolta.

“È estremamente ingiusto e inaccettabile, minando gli sforzi dei residenti di entrambi i paesi che hanno lavorato duramente per promuovere uno scambio”, ha affermato il governatore di Hokkaido Naomichi Suzuki in risposta all’annuncio della Russia.

Un cartello nella città giapponese di Nemuro, Hokkaido, che recita: “I Territori del Nord, restituitelo!”

(Il Washington Post)

Con la Russia che sta considerando di chiudere il suo accordo economico con il Giappone, anche l’industria della pesca è in pericolo, perché fa affidamento sulle acque tra Giappone e Russia. Questa zona, dove ogni anno vengono catturati 3 milioni di tonnellate di pesce e altri frutti di mare, è considerata uno dei posti migliori del pianeta per la pesca.

Meno di 5.500 ex residenti dei Territori del Nord sono ancora vivi. Hanno gli occhi chiari su cosa significhi la risposta più dura del Giappone all’invasione russa dell’Ucraina per il futuro dei negoziati sulle isole, ma alcuni sostengono ancora la resistenza del Giappone alla Russia. Al museo di Nemuro dedicato alla controversia, residenti e visitatori hanno lasciato messaggi attaccando il presidente russo Vladimir Putin ed esprimendo solidarietà all’Ucraina.

Alcuni residenti affermano di sperare di vedere il primo ministro Fumio Kishida adottare un approccio più duro con la Russia per risolvere la controversia sui Territori del Nord.

“Quello che la Russia sta facendo in Ucraina, cercando di cambiare lo status quo con la forza, non può mai essere giustificato”, dice Yasuji Tsunoka, 84 anni, che aveva 8 anni quando le forze sovietiche presero il controllo della minuscola isola di Yuri, una parte del gruppo di Habomai isolotti su cui c’erano 70 case.

Una veduta delle isole da un belvedere di Nemuro

(Il Washington Post)

“Kishida ha imposto forti sanzioni e lo capiamo. Ma ora più che mai vogliamo che i negoziati siano diretti e forti, senza cercare di essere costantemente sensibili alla Russia “, afferma. “La situazione in Ucraina è ancora una volta una questione di territorio, proprio come le isole settentrionali con il Giappone”.

Dopo che i sovietici presero le isole, alcune famiglie giapponesi rimasero per alcuni anni, vivendo accanto alle famiglie sovietiche che vi si erano trasferite. Tokuno ricorda di aver frequentato la scuola con bambini sovietici e la sua esperienza è stata successivamente trasformata in un film d’animazione per bambini chiamato L’isola di Giovanni.

Ma alla fine, per fare spazio ai cittadini sovietici, i residenti giapponesi furono sfollati dalle loro case e spinti in capannoni e scuderie. Nell’ottobre 1947, tutti i giapponesi rimasti nei Territori del Nord furono portati al largo delle isole su navi sovietiche. Quel gruppo includeva Tokuno, che ricorda di aver resistito per la prima volta a condizioni estenuanti a Sakhalin prima di arrivare a Nemuro. Alcuni sono morti durante il viaggio.

Fu solo nel 1964 che Russia e Giappone accettarono di consentire un numero limitato di viaggi umanitari nelle isole in modo che gli ex residenti potessero visitare i luoghi di sepoltura dei loro parenti.

Gli ex residenti affermano di sperare che le future generazioni giapponesi, così come i leader statunitensi, assumano la battaglia.

“Continueremo a condividere il movimento con la prossima generazione per farlo andare avanti per tutto il tempo necessario”, afferma Tsunoka. “Il Giappone non deve mai fermarsi”.

© Il Washington Post