Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Kavi è una teen star che ha conquistato nuovi fan per il “Generals Game” giapponese

Shoki, la variante degli scacchi giapponese conosciuta come il “gioco dei generali”, sta godendo di ondate di popolarità nella sua patria

Il cosiddetto “gioco dei generali” variazione giapponese degli scacchi Shoki, grazie a un adolescente prodigio teso con un seguito di rockstar.

L’immenso successo e il fascino umoristico di Soda Fuji lo hanno reso un nome familiare in Giappone, rispolverando l’immagine mastodontica del tradizionale gioco da tavolo e portandolo a un nuovo pubblico.

Fuji ha iniziato la sua ricerca per arrivare quarto nelle prime sette serie del campionato “Rio” all’inizio di questo mese, e i suoi colleghi professionisti hanno affermato di aver dato nuova vita a uno sport come gli scacchi.

“Non ci sono mai state molte fan vistose. Ma dall’arrivo di Soda Fuji, molte donne hanno mostrato interesse”.

Ma la sua faccia emerge da riviste, cartelloni pubblicitari e schermi televisivi di tutto il Giappone, e le sue torte preferite vengono vendute nei negozi poche ore dopo averle mangiate durante le partite.

“Non mi concentro troppo sugli argomenti”, ha detto Fuji dopo il suo recente successo.

– Antichi Mercenari –

Le regole sono simili agli scacchi, la differenza principale è che i pezzi catturati possono girare le pagine e tornare alla scacchiera – una pratica che proveniva dai mercenari giapponesi del XV secolo.

“Perché è un gioco con infiniti generi. Non ottieni mai lo stesso gioco due volte.”

I professionisti ricevono uno stipendio dall’associazione e possono guadagnare denaro extra commentando premi in denaro e concorsi.

“C’è un aumento significativo del numero di persone che non giocano a Shogie ma guardano le partite dei professionisti”, ha detto.

READ  Porti del Giappone sommersi dalla pomice emessa dai fondali vulcanici | Giappone

– ‘Tutti lo conoscono’ –

Yoshiharu Hapu era l’originale Shogi Prodigy, che vinse il suo primo titolo importante all’età di 19 anni nel 1989, mentre allo stesso tempo lo deteneva tutto in una volta, un’impresa da non ripetere.

L’atleta in pensione Ishita afferma che Habu crede che Fuji sia molto più forte di quanto non fosse al suo apice, ma resta da vedere se riuscirà a recuperare il suo continuo successo.

“Penso che molte persone probabilmente giocassero nell’era di Habu, ma ora ci sono molti fan che guardano le partite”, ha detto.

L’influenza di Fuji è certamente evidente nella classe per bambini della domenica mattina che Ishita insegna a Kashiwa, vicino a Tokyo.

“Soda Fuji è così impressionante”, ha detto Sochi Ishikawa, di sette anni, che ha faticato ad ascoltare se stesso pezzo per pezzo.

amk / sah / pst