Dicembre 9, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Kanoa Igarashi aiuta il Giappone a guadagnare il posto olimpico con la vittoria della squadra maschile

Il Giappone si è assicurato un posto nella competizione di surf maschile delle Olimpiadi di Parigi 2024 dopo aver vinto l’evento a squadre maschile ai World Surfing Games di Huntington Beach, in California, sabato.

Kanoa Igarashi, medaglia d’argento olimpica di Tokyo e locale di Huntington Beach, ha ottenuto la sua prima medaglia d’oro individuale nel WSG, mentre i suoi compagni di squadra Shun Murakami si sono piazzati 11° e Keanu Kamiyama 25°, guadagnando al Giappone il punteggio totale più alto.

Kanoa Igarashi gareggia sulla strada per vincere la finale individuale maschile ai World Surfing Games a Huntington Beach, in California, il 2 settembre. 24, 2022. (Foto per gentile concessione di ISA)(Solo per uso editoriale)(Kyodo)

Igarashi, medaglia d’argento ai World Surfing Games 2018 e 2021, ha vinto la finale con 15,96 punti, raccogliendo punti con arie impressionanti su onde di modeste dimensioni.

“Ovviamente, una vittoria individuale è fantastica, ma sapere che mi sono assicurato il posto per il Giappone alle Olimpiadi in arrivo, wow, è una sensazione così speciale”, ha detto Igarashi.

“Che io vada o che venga uno dei miei compagni di squadra, il solo sapere che ci sarà qualcuno che rappresenterà, significa molto”.

Gli slot olimpici sono stati assegnati ai paesi partecipanti alla competizione, ciascuno dei quali deciderà in seguito chi lo rappresenterà agli eventi che si terranno a Tahiti, nella Polinesia francese, nel 2024.

Per quanto riguarda le donne, gli Stati Uniti hanno vinto l’evento a squadre guadagnandosi un posto olimpico, con Kirra Pinkerton in testa alla classifica individuale. Il Giappone era nono.


Copertura correlata:

Olimpiadi: il giapponese Kanoa Igarashi si aggiudica l’argento all’evento inaugurale di surf


READ  Noma aprirà un pop-up a Kyoto, in Giappone, la prossima primavera