Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Kamikatsu, la città giapponese a rifiuti zero, ha lezioni per un futuro sostenibile

KAMIKATSU, Giappone – Nascosta tra le montagne dell’isola giapponese di Shikoku, una città di circa 1.500 abitanti sta intraprendendo un percorso ambizioso verso una vita senza sprechi.

Nel 2003, Kamikatsu è diventata la prima municipalità del Giappone a fare una dichiarazione di zero rifiuti. Da allora, la città ha trasformato le sue pratiche di combustione all’aperto utilizzate per lo smaltimento dei rifiuti in un sistema di acquisto, consumo e smaltimento con l’obiettivo di raggiungere la neutralità del carbonio. Ora, la città stima che sia più dell’80% della sua strada verso il raggiungimento di tale obiettivo entro il 2030.

Ma anche per una città le sue dimensioni, la neutralità del carbonio e dei rifiuti è un livello elevato. E con più della metà dei suoi residenti di età superiore ai 65 anni, la comunità rurale si sta rapidamente riducendo. La città sta lavorando con i produttori per incoraggiarli a utilizzare materiali più riciclabili, che aiuterebbero a ridurre gli sprechi e le bruciature.

Tuttavia, Kamikatsu e i suoi residenti hanno molto da insegnare su come vivere in modo più sostenibile e molte delle misure che hanno adottato potrebbero essere ampliate nelle città più grandi.

Riciclare in 45 modi diversi

Il Centro Rifiuti Zero è l’impianto di riciclaggio della città, dove i residenti possono smistare i loro rifiuti in 45 categorie – ci sono nove modi per separare i prodotti di carta da soli – prima di gettare il resto in una pila per gli inceneritori. I residenti puliscono e asciugano gli oggetti sporchi in modo che siano adatti al riciclaggio.

Il comune offre un sistema di incentivi in ​​cui le persone possono raccogliere punti di raccolta differenziata in cambio di prodotti ecologici. Ci sono segni che descrivono quali nuovi oggetti saranno ricavati da quegli oggetti riciclati e quanti soldi la città sta risparmiando lavorando con le aziende di riciclaggio invece di bruciare la spazzatura. È un modo per ricordare loro la loro responsabilità sociale.

READ  Ekiden: La prestigiosa gara di lunga distanza del Giappone lancia un messaggio di pace al mondo

“Quando i residenti collaborano, il denaro utilizzato per il riciclaggio si riduce allo stesso tempo, quindi puoi vedere il merito di collaborare”, ha affermato Momona Otsuka, 24enne responsabile ambientale del centro.

Due cose sono fondamentali per creare una cultura del riciclaggio diffuso, ha affermato: le politiche, come la legge giapponese del 1997 che ha conferito a paesi e città l’autorità di riciclare i rifiuti, e la cooperazione dei residenti.

Negozio dell’usato “Kuru kuru”.

Annesso al Centro Rifiuti Zero c’è un negozio dell’usato dove i residenti locali possono lasciare gli oggetti che non vogliono più, in modo che gli altri possano prenderli gratuitamente. Tutto quello che devono fare è pesare l’articolo che prendono dal negozio e registrare il peso nel libro mastro, in modo che il negozio possa tenere traccia del volume degli articoli riutilizzati.

Solo nel mese di gennaio, 447 chilogrammi (985 libbre) di oggetti sono stati trasferiti a casa, da piccoli oggetti come batterie inutilizzate e bicchieri da sakè a mobili, vestiti per la maternità e giocattoli. Il numero viene visualizzato all’interno del negozio.

Lo stesso negozio “kuru kuru” (o “round and round” in giapponese) è fatto di oggetti riciclati. La pavimentazione incorpora scaglie di vetro da lastre donate. Le finestre non corrispondenti sono tutte donate dalle case dei residenti. C’è un enorme lampadario fatto di bottiglie di vetro.

“Cerchiamo di mostrare l’idea di zero rifiuti anche attraverso l’architettura”, ha detto Otsuka.

Il birrificio artigianale e il cerchio della vita

Alzati e vinci Brewing Co. produce due tipi di birra artigianale a scarto zero, fatta di raccolti agricoli che altrimenti verrebbero buttati via perché troppo deformi per essere venduti pubblicamente. Il birrificio collabora con diverse aziende per utilizzare gli ingredienti alimentari avanzati. Anche il birrificio è realizzato con materiali smaltiti.

READ  Quale catena di sushi giapponese con nastro trasportatore ha il miglior chutoro? 【Test del gusto

Per anni, il birrificio ha cercato di trovare un modo efficiente per donare i cereali avanzati dalla produzione della birra. Il compostaggio ha richiesto molto tempo e fornire fertilizzanti agli agricoltori è stato un sacco di lavoro. Così l’anno scorso hanno sviluppato un modo per convertire il grano usato in fertilizzante liquido, che viene poi utilizzato per coltivare l’orzo per la birra.

“Abbiamo finalmente realizzato un sistema di economia circolare”, ha affermato Aki Ikezoe, store manager.

Sonno sostenibile

Hotel Why ha aperto nel 2020 come parte della struttura del Centro Rifiuti Zero, che è costruita a forma di punto interrogativo per rappresentare la domanda: perché creiamo così tanti rifiuti? L’hotel sembra una capanna isolata nel bosco e di notte le stelle assomigliano a un planetario.

Ogni ospite riceve sei bidoni per smistare i rifiuti durante il soggiorno. Le eleganti decorazioni sono tutti materiali riutilizzati, tra cui una trapunta patchwork fatta di ritagli di jeans e un espositore da parete fatto di corde. I mobili sono recuperati da modelli da showroom.

L’hotel sottolinea l’utilizzo di ciò di cui hai bisogno. Al momento del check-in, gli ospiti tagliano le singole saponette in modo da ottenere solo l’importo di cui hanno bisogno per il loro soggiorno. I chicchi di caffè vengono macinati in base al numero di tazze che l’ospite desidera, in modo che nulla vada sprecato.

Ridurre lo spreco alimentare

I residenti e le aziende di Kamikatsu lavorano per ridurre al minimo lo spreco di cibo possibile. Ad esempio, al Cafe Polestar c’era un piatto a disposizione per il pranzo per ridurre gli sprechi: il curry fatto con verdure locali.

Anche la foglia usata per decorare i loro piatti è stata prodotta localmente, da un’azienda chiamata Irodori, che dal 1986 vende prodotti ricavati dalla rigogliosa silvicoltura di Kamikatsu. Ci sono 154 famiglie in città coinvolte nel progetto, principalmente donne dai 70 anni in su che possono scegli le foglie per creare disegni intricati. Le foglie vengono quindi vendute a spa, hotel e ristoranti di fascia alta in Giappone e in altri paesi asiatici, per creare decorazioni sostenibili.

“La nostra attività aiuta le persone a rendersi conto che ci sono oggetti di valore anche nelle cose quotidiane mondane che li circondano”, ha affermato Tomoji Yokoishi, amministratore delegato di Irodori.

Il sistema di condivisione della corsa

Kamikatsu si trova a circa un’ora dalla città più vicina di Tokushima. Per girare la città e raggiungere l’aeroporto per tornare a Tokyo, abbiamo utilizzato il sistema di condivisione della corsa della città. Circa 40 persone condividono una manciata di auto in modo da poter guidare residenti o visitatori. (Anche il sindaco della città è iscritto come autista.)

A proposito di questa storia

Modifica del testo di Paul Schemm. Fotoritocco di Olivier Laurent. Montaggio video di Jason Aldag. Modifica del progetto di Reem Akkad. Progettazione e sviluppo di Andrew Braford.