Luglio 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

JudoInside – Notizie – Come Hitoshi Saito salvò la situazione per il Giappone nel 1988

Sulla carta, il Giappone aveva una delle squadre olimpiche più forti per Seoul 1988. A U60kg c’era il campione mondiale e olimpico Shinji Hosokawa; a U65kg c’era il Campione del Mondo in carica Yosuke Yamamoto; a U71kg c’era il brillante Toshihiko Koga; a U78kg c’era il campione del mondo in carica Hirotaka Okada; a U95kg è stato il doppio campione del mondo Hitoshi Sugai; e a + 95kg c’era il campione del mondo e olimpico Hitoshi Saito.

L’unica falla nell’armatura giapponese era Akinobu Osako, che era il miglior giocatore di U86kg in Giappone ma non aveva un track record internazionale.

Con una formazione del genere, il Giappone avrebbe dovuto portare a casa molte medaglie d’oro. Ma ogni giorno che passava, sembrava sempre più che il Giappone potesse per la prima volta, nella storia dei Giochi, finire senza medaglie d’oro.

A U60kg, Hosokawa era il campione in carica. È arrivato facilmente alla semifinale, ma è stato sconvolto in modo scioccante da Kevin Asano (USA) da un hantei. Questo è stato il primo grande sconvolgimento dei Giochi per il Giappone.

Tutti erano entusiasti di vedere Yamamoto, il rappresentante del Giappone U65kg, mentre aveva messo in mostra una brillante esibizione di judo ai Campionati del Mondo di Essen del 1987, solo un anno prima. È stato ancora in semifinale che le speranze di medaglia d’oro del Giappone sono state deluse.

La semifinale tra Yamamoto e lo specialista polacco di seoi-nage Janusz Pawlowski doveva essere solo una conclusione scontata, tranne per il fatto che non lo era. Inizialmente sembrava che Yamamoto fosse sulla strada per la finale, segnando un koka, yuko e waza-ari contro Pawlowski. Poi, a soli 36 secondi dalla fine del match, il polacco è caduto sotto Yamamoto e lo ha lanciato con un drop seoi-nage per ippon.

READ  Spiegatore: perché i russi non hanno gareggiato sotto la loro bandiera a Pechino?

Sicuramente, l’uomo che consegnerà al Giappone la sua prima medaglia d’oro nel judo sarebbe il giocatore più eccitante della competizione, la macchina da lancio giapponese: Toshihiko Koga a U71kg. Ha avuto un momento sorprendentemente difficile con un Park Chung-Hee (KOR) relativamente sconosciuto che aveva ovviamente studiato lo schema di presa di Koga e sventato i suoi tentativi di assicurarsi una presa sul bavero per il suo lancio seoi-nage. Alla fine, Koga ha fatto affidamento su un footsweep per ottenere una vittoria di coca.

Le cose sono peggiorate molto nel round successivo, quando Koga ha affrontato il giocatore sovietico Gennady Tenadze, che ha impiegato una presa in stile georgiano per costringere Koga in una posizione piegata per la maggior parte della partita. Non solo ha reso impossibile a Koga fare i suoi seoi-nages, ma ha anche lanciato Koga. Non una ma due volte, entrambe le volte con un colpo di piedi per uno yuko e un koka. Il tempo è scaduto su Koga e con quello, è sparito un altro dei speranzosi d’oro del Giappone.

Il campione del mondo giapponese U78kg Hirotaka Okada è stato fermato sulle sue tracce nella sua seconda partita, quando è stato superato dal francese Pascal Tayot, che lo ha portato a terra e lo ha bloccato per ippon.

Osako a U86kg era il giocatore giapponese meno propenso ad andare molto lontano, ma in realtà è arrivato fino alle semifinali. Superare il campione in carica Peter Seisenbacher (AUT), tuttavia, è stato un ponte troppo lontano. Entro il giorno 5, il Giappone era ancora senza una medaglia d’oro per il judo.

READ  Dancing Prince regala al Giappone, Lemaire un Four-Bagger saudita

Il viaggio olimpico di judo del Giappone si è ufficialmente trasformato in un incubo il Day 6 quando il favorito, il doppio campione del mondo Hitoshi Sugai a U95kg, è stato sconfitto nella sua prima partita, dove è stato lanciato con ura-nage per yuko dall’allora sconosciuto Stephane Traineau della Francia .

Con un solo giorno rimasto nell’evento olimpico di judo, c’era un reale pericolo che il Giappone lasciasse le Olimpiadi senza una medaglia d’oro. Sarebbe stato un disastro certificato per il paese che ha dato il judo mondiale.

La situazione era così disperata che iniziò a diffondersi la voce che il leggendario campione Yasuhiro Yamashita, che stava fornendo commenti alla TV giapponese, sarebbe uscito dalla pensione per salvare l’orgoglio giapponese. Naturalmente, le voci erano proprio questo, e Yamashita ha dovuto respingere educatamente qualsiasi idea di un suo ritorno al tappeto dai suoi colleghi dei media.

Per la salvezza, il Giappone ha dovuto rivolgersi al campione del mondo e olimpico Hitoshi Saito. Ma Saito si era rotto un braccio ai Mondiali del 1985, quando il suo avversario sudcoreano ha applicato un waki-gatame in finale. E ha dovuto saltare i Mondiali del 1987 a causa di un infortunio al ginocchio. Era ancora un giocatore temibile, certo, ma era lontano dal suo apice.

Nel suo periodo migliore, Saito aveva una magnifica uchimata. Saito era solito lanciare grandi pesi massimi in aria con esso. A Seoul era ovvio che non poteva più fare la sua tecnica preferita. Invece, Saito ha fatto affidamento sul bloccare i suoi avversari. Lansana Coly (SEN), Roger Vachon (FRA) e Mohammed Rashwan (EGY) sono stati tutti bloccati dal suo yoko-shiho-gatame preferito.

READ  Perché il Celtic non deve preoccuparsi del fitto programma di luglio del Giappone in vista della nuova stagione del club

La semifinale di Saito è stata degna della finale, perché è stata contro Cho Jong-chul (KOR), l’uomo che si è rotto un braccio nella finale mondiale del 1985, usando un waki-gatame vizioso (e in realtà illegale). Se questa era una partita di rancore, di certo non sembrava. Saito ha giocato un gioco attento e tattico. Dolorosamente consapevole di essere l’ultima speranza del Giappone per l’oro, Saito non voleva correre rischi. Alla fine ha vinto ai calci di rigore.

La finale è stata una partita altrettanto strategica. Né Henry Stoehr della Germania dell’Est né Saito hanno fatto molti attacchi e presto è diventato ovvio che il vincitore sarebbe stato quello con meno penalità. Alla fine, Stoehr è stato penalizzato fino a Keikoku, regalando a Saito (e al Giappone) una medaglia d’oro salva faccia.