Settembre 24, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il sindaco del Giappone è in fiamme per aver morso bruscamente la medaglia d’oro dell’olimpionico

La diffusione internazionale del virus corona ha suscitato critiche per l’improvviso morso di una medaglia d’oro olimpica che ha vinto da un membro della squadra di softball femminile giapponese in un evento celebrativo nell’apparente sindaco del Giappone centrale.

L’acrobazia del sindaco di Nakoya Takashi Kawamura ha avuto luogo mercoledì mentre il lanciatore ventenne della città ha visitato il governo municipale di Mikoto dopo la vittoria della squadra statunitense alle Olimpiadi di Tokyo.

Il 4 agosto 2021, il sindaco di Nagoya Takashi Kawamura ha vinto la medaglia d’oro della squadra di softball giapponese dell’Olympian Mu Cotto di Tokyo al municipio di Nagoya, nella provincia di Ichi.

Quando Koto ha messo la medaglia al collo di Kavamura, il sindaco di 72 anni l’ha prima afferrata, ha detto “è pesante”, si è tolta la maschera e l’ha morsa bruscamente senza chiederle il permesso.

Il film mordace di Kawamura è diventato virale sui social media, attirando l’opposizione non solo dei suoi sostenitori e dei fan olimpici, ma anche dei migliori atleti.

Judoka Naohisa Takato, che ha vinto l’oro alle Olimpiadi di Tokyo, ha dichiarato su Twitter: “Fai attenzione a non graffiare la mia medaglia d’oro”. “Kotto ha un grande cuore. Piangerei.”

Yuki Oda, la prima medaglia olimpica di scherma del Giappone, ha detto che il comportamento di Kawamura era discutibile.

“All’inizio non aveva alcun rispetto per gli atleti. Dovevano mettere le loro medaglie al collo o dire ai compagni di farlo come parte delle misure anti-infettive. Ora che ha morso la medaglia? Non me lo immagino”.

Toyota Motor Corp., che possiede il team Cotto Playing Club, ha criticato Kawamura, dicendo che è stato “un atto indegno e irrispettoso”.

READ  Make It Eight Judo Gold: Aaron Wolf e Shori Hamada continuano la serie hot del Giappone al Nippon Pudokan

“Speriamo davvero che (il sindaco) agisca da leader (in modo appropriato)”, ha detto Toyota, una società vicino a Nakoya.

L’ufficio della città di Nagoya è stato riempito con più di 4.000 denunce, costringendo Kawamura a scusarsi.

Kavamura ha detto ai giornalisti: “Ho visto la medaglia d’oro che ammiravo e sono rimasto”. “Ho reso sporco il simbolo di tanti anni e duro lavoro. Chiedo scusa dal profondo del mio cuore”.

Alcuni si sono chiesti se gli atleti dovessero incontrarsi con il sindaco della loro città natale per annunciare i loro successi.

“Perché dovrebbero fare una chiamata rispettosa prima?” Kozuke Kitajima, che ha vinto due medaglie d’oro nei 100 e 200 metri rana maschili sia alle Olimpiadi di Atene del 2004 che a quelle di Pechino del 2008, ha twittato.

Giovedì il sindaco ha parlato al telefono con il presidente del Comitato olimpico giapponese Yasuhiro Yamashita per scusarsi e inviare una lettera di scuse alla Toyota.


Copertura correlata:

Olimpiadi: il Giappone difende la corona olimpica di softball battendo gli Stati Uniti

La controversa mostra d’arte a Nagoya chiude dopo le minacce

La statua delle controverse “Donne di conforto” è stata esposta dalla Nagoya Gallery