Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Primo Ministro del Giappone ha interrotto la campagna mentre la mia Corea conduceva un test missilistico

Martedì il nuovo primo ministro giapponese ha interrotto la sua campagna elettorale del primo giorno mentre tornava nella capitale, Tokyo, per affrontare le crescenti tensioni regionali a seguito di un test missilistico nordcoreano.

La campagna di Fumio Kishida era già iniziata nel migliore dei modi, con i sondaggi dei media che mostravano un calo del punteggio di sostegno. Martedì 31 ottobre è il primo giorno ufficiale della campagna per le elezioni legislative nazionali.

“Rafforzerò fortemente le nostre capacità di difesa. L’amministrazione di Kishida è impegnata a proteggere la nostra terra, il nostro spazio marittimo e aereo e le vite e le proprietà del nostro popolo.

Kishida è stata informata dopo il discorso di apertura della sua campagna a Fukushima nel 2011 che la sua città è stata colpita da tre terremoti nel 2011 con un terremoto e uno tsunami. Ha annullato il resto del viaggio dopo un altro discorso nella vicina città di Sendai. Nella regione.

Kishida è diventato primo ministro all’inizio di ottobre dopo aver vinto la guida del suo partito conservatore. Venerdì scorso ha sciolto il consiglio in base alla lista da pranzo giapponese di due stanze e ha indetto le elezioni nazionali.

Kishida ha detto che mira a vincere una maggioranza di 465 seggi tra il suo Partito Liberal Democratico e il suo alleato più giovane, Komito. Concorrono in totale 1.051 candidati, di cui solo 186 donne, ovvero il 17,7% del totale.

Le questioni diplomatiche e di sicurezza sono tra i crescenti rischi per la sicurezza, comprese le operazioni COVID-19 e il rilancio dell’economia afflitta, nonché l’aumento delle minacce missilistiche e nucleari della Cina e della Corea del Nord.

READ  Goditi per un po' l'esclusivo Starbucks Butterscotch Lodge di Tokyo in Giappone

In circa due settimane di governo, il governo di Kishida ha abbassato il suo rating di supporto al 46%, in calo di 3 punti rispetto alla settimana precedente. Secondo il sondaggio telefonico della NHK Public Television del 15-17 ottobre su 2.943 intervistati.

Il sondaggio, che non ha fornito un margine di errore, ha ridotto il sostegno al partito di governo di Kishita dal 41,2% al 38,8%.

Kishita ha affermato che il suo governo intende concentrarsi sulla gestione dell’epidemia e sulle politiche di sostegno per colmare il divario tra ricchi e poveri nell’economia.

“Queste elezioni riguardano la scelta del futuro del Giappone”, ha detto martedì nel suo discorso a Fukushima.

Rispondendo ai lanci di missili nordcoreani, Kishita ha affermato di aver incaricato il suo governo di considerare tutte le opzioni, inclusa l’acquisizione della capacità di colpire prima delle forze giapponesi. I critici affermano che la politica viola la costituzione giapponese di rifiuto della guerra, che limita rigorosamente l’uso della forza per l’autodifesa.

I partiti di opposizione hanno criticato i due ex leader dei liberaldemocratici al potere, gli ex primi ministri Shinzo Abe e Yoshihit Suka, per il peggioramento della disuguaglianza sociale ed economica in Giappone e per aver chiesto un cambio di leadership.

Yukio Edano, leader del più grande partito di opposizione giapponese, il Partito Democratico, ha criticato il governo per aver trattato l’epidemia del virus corona in modo lento e inefficace, affermando che solo le aziende chiave hanno prosperato sotto il regime LDF.

Il suo partito ha fatto peggio del previsto dai sondaggi d’opinione, che li hanno visti guadagnare circa i due terzi dei consensi.

READ  Inondazioni e frane colpiscono il Giappone, costringendo milioni di persone a cercare riparo Giappone

L’LDF di Kishida ha governato il Giappone del dopoguerra quasi senza ostacoli, mentre le forze di opposizione hanno lottato per mobilitare il sostegno degli elettori, soprattutto negli ultimi dieci anni.

Le stime di supporto per il partito di Edano sono inferiori del 6,6% rispetto all’LDP, mentre il 36,2% degli intervistati ha dichiarato di essere indeciso.