Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il pioniere giapponese della “Womenomics” afferma che la mentalità deve cambiare

Tokyo (AFP) – Tre milioni di donne sono entrate a far parte della forza lavoro giapponese negli ultimi dieci anni, ed è almeno in parte grazie all’alto dirigente Kathy Matsui, che ha coniato lo slogan “womenomics” che ha ispirato la politica del governo.

Ma con molte donne che svolgono lavori part-time precari, spesso in settori duramente colpiti dal Covid-19, afferma che la terza economia più grande del mondo deve impegnarsi di più per sfruttare i talenti sottoutilizzati.

Ciò significa eliminare gli atteggiamenti sessisti dei manager e sfidare la cultura del lavoro lungo del Giappone, nonché incoraggiare le start-up con “fondatori più diversificati”.

“Abbiamo una percentuale molto bassa di imprenditrici in questo paese”, ha detto all’AFP Matsui, l’ex vicepresidente della banca di investimento statunitense Goldman Sachs in Giappone.

“Ma se vuoi guidare il tuo destino, diventare un imprenditore è uno dei modi migliori per farlo”.

Matsui, 57 anni, è una delle poche donne ai vertici del mondo degli affari dominato dagli uomini del Giappone, come co-direttore di un’azienda fondata lo scorso anno che investe in giovani aziende eticamente orientate.

La giapponese-americana era alla Goldman Sachs nel 1999 quando iniziò a pubblicare studi sui vantaggi economici derivanti dall’aumento della partecipazione femminile alla forza lavoro giapponese, che ha soprannominato “Womenomics”.

Con sua sorpresa, le idee sono state adottate dall’ex primo ministro Shinzo Abe nel 2012 come parte del suo piano per rilanciare l’economia giapponese in difficoltà.

Da allora, la percentuale di donne che lavorano in Giappone è aumentata dal 60% a oltre il 70%, equivalente a circa tre milioni di persone, secondo i dati dell’OCSE.

READ  Adiator (Svezia), Fujikoki (Giappone), Kawabe (Giappone), Nippon Lock (Giappone), NSK (Giappone), Saginomiya Seisakusho (Giappone), Sensata Technologies (USA), Shanghai INESA Auto Electronics System (Cina), TGK (Giappone) ) ), Wako Denshi (Giappone) - Manzo politico

Ma anche adesso, solo il 15% dei manager delle aziende giapponesi sono donne, rispetto a circa il 40% negli Stati Uniti.

Problemi pandemici

“Cercare di cambiare la mentalità e il comportamento di organizzazioni molto affermate… non è impossibile, ma ci vuole solo molto tempo”, a differenza delle start-up che possono essere più flessibili, ha affermato Matsui.

I recenti progressi sono stati così lenti che il governo giapponese è stato costretto a posticipare di un intero decennio nel 2020 il suo obiettivo del 30% per le donne in posizioni dirigenziali.

E come in altri paesi, la crisi del Covid non ha aiutato.

In tutto il mondo, le donne avevano più probabilità degli uomini di segnalare una perdita di lavoro nei primi 18 mesi della pandemia, secondo uno studio dell’Università di Washington pubblicato quest’anno su Lancet che ha analizzato i dati di 193 paesi.

In Giappone, molte donne si destreggiano nella cura di bambini o parenti anziani mentre lavorano part-time, spesso nelle industrie dei servizi colpite dal Covid, ha detto Matsui.

Pensa che aiutare le donne in ruoli a tempo pieno in cui è più probabile che vengano promosse non sia solo responsabilità del governo, ma anche dei manager.

Le valutazioni dovrebbero essere “molto più focalizzate su output e prestazioni, in opposizione al fattore tempo” e i manager dovrebbero seguire una formazione per affrontare i pregiudizi.

“Molte volte mi imbatto in donne che vengono ignorate per la promozione, perché si sono appena sposate” e il loro capo non vuole “rischiare” che prendano il congedo di maternità, ha detto.

Ed è urgente: poiché il rapido invecchiamento della popolazione giapponese fa diminuire la sua forza lavoro, “la cosa più veloce che puoi fare è cercare di attingere al talento che ti sta fissando in faccia”.

READ  Il governo giapponese ha registrato un budget aggiuntivo di 317 miliardi di dollari per l'economia

Nuove prospettive

Matsui è cresciuta in California come figlia di immigrati giapponesi che gestivano un’attività di floricoltura, che le ha insegnato il “valore del lavoro”.

Ha studiato ad Harvard, dove si è laureata in scienze sociali. Dopo la laurea, ha vinto una borsa di studio per studiare in Giappone – la prima volta nel paese d’origine dei suoi genitori – ed è rimasta per costruirsi una carriera nel settore finanziario.

La sua argomentazione sulla “fenomenomica” ha colpito i ministri perché ha offerto una nuova prospettiva sui vantaggi dell’uguaglianza, crede.

Oltre agli obiettivi e ai requisiti per le grandi aziende di divulgare dati sull’equilibrio di genere, Matsui ha anche visto un cambiamento nel modo in cui la questione viene vista in Giappone, da una questione di nicchia a un “argomento di conversazione quotidiano”.

Ma rimane fedele ai suoi principi originali di elaborare dati e trovare soluzioni, piuttosto che limitarsi a parlare dei problemi affrontati dalle donne nel mondo del lavoro.

“Non puoi gestire ciò che non misuri”, ha detto.

Ora, in qualità di co-direttore della società di capitali di rischio MPower Partners, che investe in aziende che danno priorità alla governance ambientale, sociale e aziendale (ESG), Matsui vuole far crescere la scena di start-up relativamente piccola del Giappone.

“Parte del motivo per cui è così piccolo è perché non c’è abbastanza diversità, o perché (le aziende) non pensano abbastanza a livello globale. Questi sono due punti di vista in cui noi di MPower vogliamo davvero aiutare a cambiare”, ha affermato.

Ma le aziende che cercano investimenti dovrebbero stare attenti a ricorrere a tattiche superficiali come il cosiddetto greenwashing: “Non siamo così interessati alle aziende che cercano solo di spuntare la casella”.

READ  Kyoto tassa le case vuote mentre la popolazione giapponese si riduce