Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il parlamento giapponese approva la risoluzione sui diritti degli uiguri in vista delle Olimpiadi di Pechino

Il parlamento giapponese esprimerà le sue preoccupazioni per le presunte atrocità della Cina contro i musulmani uiguri, unendosi all’elenco dei paesi che hanno sollevato la questione pochi giorni prima dell’inizio delle Olimpiadi invernali di Pechino.

La risoluzione probabilmente passerà al parlamento giapponese martedì, anche se è stata attenuata da una precedente bozza riferendosi alle violazioni dei diritti umani come alla “situazione” degli uiguri. Ha anche cancellato la parola “condanna” dal titolo e si è astenuto dal menzionare direttamente la Cina, ha riferito Bloomberg.

Arriva in un momento in cui il Giappone sta giocando con attenzione l’atto di equilibrio di essere un alleato chiave degli Stati Uniti ma anche di non irritare la Cina, il suo più grande partner commerciale nella regione.

I legislatori giapponesi hanno accolto favorevolmente la mossa, affermando che apre la strada a future azioni sui diritti umani.

Definendolo un primo passo importante, il legislatore dell’opposizione Yasue Funayama – che è anche co-presidente di uno dei gruppi parlamentari per i diritti umani che spingono per la risoluzione – ha dichiarato: “Se l’intero parlamento concorda sul fatto che ci sono preoccupazioni per la situazione dei diritti umani, dovremo vedere cosa fare al riguardo. ”

A dicembre, il Giappone si è unito al boicottaggio diplomatico guidato dagli Stati Uniti dei Giochi Olimpici e ha affermato che non invierà una delegazione governativa per l’evento di febbraio.

L’amministrazione del primo ministro Fumio Kishida aveva detto che non invierà alcun ministro di gabinetto all’evento, ma parteciperanno funzionari olimpici e paralimpici del Giappone, in modo simile al boicottaggio degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali.

READ  Il colosso statunitense della tecnologia di streaming Conviva lancia in Giappone l'analisi di misurazione continua su vasta scala

Tra i primi a chiedere un boicottaggio diplomatico, gli Stati Uniti hanno citato quella che hanno definito la continua persecuzione delle minoranze da parte della Cina.

Tuttavia, il Giappone ha evitato di descrivere la sua mossa in termini così stridenti. Di conseguenza, la Cina non ha risposto al boicottaggio diplomatico del Giappone, in contrasto con il suo avvertimento ad altri paesi – Regno Unito, Canada e Australia – dove aveva affermato che avrebbero “pagato un prezzo per le loro mosse sbagliate”.

A pochi giorni dall’inizio dei giochi, la comunità internazionale ha intensificato la pressione per un’azione contro la Cina sui diritti umani.

Più di due dozzine di legislatori di 20 paesi hanno scritto all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani chiedendo la pubblicazione di un rapporto tanto atteso sulle violazioni dei diritti umani nella regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR) prima dell’inizio della cerimonia di apertura di Pechino.

“Poiché l’attenzione del mondo si rivolge a Pechino per i giochi, non possiamo permettere al governo cinese di ‘lavare lo sport’ per le atrocità che si verificano nella regione dello Xinjiang. Nessun paese, non importa quanto grande o importante, è al di fuori del controllo o al di sopra del diritto internazionale “, ha affermato Reinhard Bütikofer, membro del Parlamento europeo dalla Germania e copresidente dell’Alleanza interparlamentare sulla Cina.

È giunto il momento che il Commissario pubblichi la sua relazione e inizi a stabilire cosa sta realmente accadendo nella regione dello Xinjiang, ha affermato Bütikofer.