Agosto 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Nikkei giapponese scatta un rally di 4 giorni dopo il crollo di Wall Street

TOKYO, 29 giugno (Reuters) – L’indice giapponese Nikkei ha registrato un rialzo di quattro sessioni mercoledì, trascinato al ribasso dai titoli tecnologici dei pesi massimi dopo che Wall Street è crollato durante la notte a causa dei timori di un rallentamento economico.

La media del titolo Nikkei ha chiuso in ribasso dello 0,91% a 26.804,60. Il più ampio Topix ha perso lo 0,72% a 1.893,57.

“Il calo del mercato di oggi è dovuto esclusivamente alla perdita di Wall Street, che è stata guidata dalle preoccupazioni sui consumi”, ha affermato Shuji Hosoi, uno stratega senior di Daiwa Securities.

“Anche i guadagni del prezzo del petrolio pesano sul sentiment. A livello globale, la soluzione per questo non è stata identificata”.

I principali indici di Wall Street hanno chiuso in forte ribasso durante un’ampia ondata di vendite durante la notte, poiché i gravi dati sulla fiducia dei consumatori hanno smorzato l’ottimismo degli investitori e alimentato le preoccupazioni per la recessione e l’imminente stagione degli utili.

Il produttore di apparecchiature per la produzione di chip Tokyo Electron è sceso del 5,27% e ha trascinato maggiormente il Nikkei. L’investitore tecnologico SoftBank Group è scivolato dell’1,64% e la compagnia telefonica KDDI ha perso l’1,89%.

Il produttore di display a cristalli liquidi Nippon Electric Glass è sceso del 4,31% ed è stato il primo perdente del Nikkei.

La Tokyo Electric Power Holdings è balzata del 5,27% ed è stata la più quotata al Nikkei, dopo che il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha affermato che la nazione farà il massimo uso possibile dell’energia nucleare e si assicurerà una fornitura di energia sufficiente.

READ  Il Giappone ha più di 313 miliardi di dollari di entrate fiscali da spendere per il budget extra - bozza

La sua osservazione è arrivata quando il caldo di Tokyo ha battuto record di quasi 150 anni per giugno e le autorità hanno avvertito che l’alimentazione elettrica è rimasta abbastanza stretta da sollevare lo spettro dei tagli.

Il settore dei servizi di pubblica utilità è salito dell’1,01% ed è stato il più redditizio tra i 33 sottoindici di settore della Borsa di Tokyo.

Compagnie aeree e ferrovie sono aumentate rispettivamente dello 0,84% e dello 0,51%. (Segnalazione di Junko Fujita; Montaggio di Rashmi Aich e Subhranshu Sahu)