Luglio 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Japan Research Institute e Mitsubishi sono pronti a collaborare al reattore rapido degli Stati Uniti

Fonti vicine alla questione hanno affermato sabato che la Japan Atomic Energy Agency e la Mitsubishi Heavy Industries Ltd. firmeranno presto un memorandum d’intesa con la società di venture capital statunitense per fornire supporto tecnico al suo programma di sviluppo nucleare rapido.

L’azienda, che ha una storia di funzionamento di reattori veloci raffreddati al sodio come il Monju Prototype Reactor nella prefettura di Fukui e lo Zyo Test Quick Reactor nella prefettura di Ibaraki, sta considerando di fornire dati operativi e progetti a Terrapower. Fondata da Bill Gates di Microsoft Corporation.

Terrapower prevede di costruire un reattore nucleare ad alta velocità nel Wyoming a partire dal 2024 utilizzando il sodio come refrigerante, producendo 345.000 kilowatt. Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti sta finanziando il progetto, che dovrebbe essere completato nel 2028.

Mentre le specifiche della collaborazione sono ancora in discussione, fonti affermano che la società sta anche valutando l’utilizzo della struttura per i test del sodio di Athena nella prefettura di Ibaraki per sviluppare una tecnologia di sicurezza.

Il Giappone segue una politica di riciclaggio del combustibile nucleare, in cui il plutonio estratto dal combustibile nucleare speso per le centrali elettriche viene riutilizzato e i reattori di velocità svolgono un ruolo chiave nel progetto.

Tuttavia, lo sviluppo interno è stato interrotto a seguito del fallimento del reattore Monchu, considerato il reattore più veloce in grado di produrre più plutonio di quanto ne consuma.

Il reattore rapido per test Zyo, sviluppato come prima fase del progetto di sviluppo del reattore Fast Predator, è attualmente sospeso.

Galleria fotografica (clicca per ingrandire)