Dicembre 9, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone sta perdendo il suo posto come capitale mondiale del gioco a causa dell’ostilità delle criptovalute

Una marcata ostilità verso le nuove ed emergenti tecnologie Web3 come le criptovalute rischia di costare al Giappone il suo posto come capitale mondiale del gioco. Ci stiamo avvicinando pericolosamente al punto di non ritorno, ed ecco perché.

Nessuno può essere sicuro di dove abbia avuto origine l’antagonismo del paese nei confronti delle criptovalute o perché persista ancora anche dopo token non fungibile (NFT) e il “boom” crittografico del 2021, che è decollato in modo globale e ha spinto i funzionari negli Stati Uniti e in Europa a tornare sui propri passi sulla loro iniziale antipatia per lo spazio, aprendosi finalmente alle normative. La Casa Bianca ha appena rilasciato il suo primo quadro normativo crittografico nel settembre 2022 e la commissione del Parlamento europeo è seguita nell’ottobre 2022 da approvando il framework Markets in Crypto-Assets, noto anche come MiCA, con un voto schiacciante. In quanto prima politica crittografica europea, il tanto discusso testo MiCA rappresenta un progresso rivoluzionario nella direzione di quello che molti considerano il futuro del mondo finanziario.

Il Giappone, invece, ha una posizione molto diversa.

Sappiamo tutti che il Giappone è la patria di giganti del gioco come Nintendo e Sega e lo è da decenni, con trionfi come Super Mario, Sonic the Hedgehog, Sega Mega Drive e Game Boy. Ma, per rimanere al top del suo gioco (gioco di parole assolutamente inteso), il settore deve essere in grado di cambiare in modo coerente e rapido con i tempi, non rimanere fermo dov’era quando ha ottenuto il riconoscimento per la prima volta. Il gioco è uno spazio altamente creativo e ha sempre avuto la tecnologia per sostenere il suo straordinario potenziale. Ma, per farlo, deve essere in grado di stare al passo con innovazioni nuove e in evoluzione, altrimenti diventerà stagnante e letargico.

READ  Due corvi hanno deciso di distruggere un giocatore di Pokémon GO in Giappone durante il Pokémon GO Fest

Imparentato: Gli sviluppatori di GameFi potrebbero dover affrontare grandi multe e momenti difficili

GameFi è un’area di interesse emergente nel settore con un potenziale immenso. Ma, se guardi più da vicino, ci sono pochissime aziende giapponesi che sviluppano il settore GameFi in quello che sicuramente diventerà tra pochi anni o un decennio. E se ciò non cambia presto, l’intero settore sarà a rischio.

I mondi delle criptovalute e della tecnologia sono due delle fasi principali di progressi entusiasmanti e in rapida evoluzione che si verificano nell’era moderna e, in Giappone, sono tenuti in ostaggio da elementi cruciali come la tassazione e un complicato processo di screening.

In Giappone non c’è motivo di cui tenere conto risorse crittografiche correttamente e nessuno dei revisori vuole controllare le risorse crittografiche. A causa delle rigide regole di quotazione stabilite dall’Agenzia finanziaria, il processo di quotazione di una moneta in Giappone può essere fonte di confusione e frustrante fino all’errore. Ma, quando il tempo è denaro per qualsiasi imprenditore con un’idea brillante, aspettare sei mesi prima che un token venga proiettato è inutilmente scoraggiante.

Poi c’è la tassazione. In Giappone, gli emittenti di token sono tassati sulle attività non realizzate alla fine dell’anno fiscale, indipendentemente dal fatto che abbiano abbastanza valuta fiat per coprire tasse elevate o meno. E, mentre i profitti delle azioni non crittografiche sono tassati secondo un’aliquota fissa del 20%, i guadagni delle criptovalute sono soggetti a un’aliquota fiscale esorbitante del 55%, una differenza di 35 punti.

Imparentato: I federali stanno arrivando per il metaverso, da Axie Infinity a Bored Apes

Mentre la reputazione del Giappone vacilla, altri paesi aspetteranno a braccia aperte per accettare le sue menti brillanti e gli imprenditori senza paura che proprio non riescono a capire perché il loro paese ha voltato loro le spalle. L’Europa è piena di nazioni favorevoli agli investitori con sistemi di regolamentazione razionali, come i Paesi Bassi. Con le nuove legislazioni MiCA così vicine a essere ampiamente implementate, non è estremo chiedersi se altri paesi sarebbero più adatti a far fronte alla fuga di cervelli dal Giappone.

READ  Gli stipendi del settore privato giapponese sono in calo per il secondo anno consecutivo

Potremmo davvero vedere piccoli miglioramenti nella giusta direzione. Il governo potrebbe essere incline ad allentare presto le attuali onerose regole di quotazione e consentire al mercato di criptovalute da 1 trilione di dollari del paese di prosperare un po’ più facilmente, con scambi in grado di “elencare più di una dozzina di monete in una volta e senza un lungo processo di screening”. E da quando ha assunto l’incarico nel 2021, il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dato la priorità allo sviluppo di Web3 come mezzo di “rivitalizzazione economica”, il che significa che potremmo assistere a un netto cambiamento nel modo in cui il paese regola le criptovalute e supporta la crescita del settore Web3 nel suo insieme.

Ma il tempo stringe e se solo il tempo dirà come il ruolo del Giappone nel settore dei giochi avrà un impatto sull’economia del suo futuro, è difficile essere estremamente ottimisti.

Shinnosuke “Shin” Murata è il fondatore dello sviluppatore di giochi blockchain Murasaki. È entrato a far parte del conglomerato giapponese Mitsui & Co. nel 2014 occupandosi di finanza automobilistica e commercio in Malesia, Venezuela e Bolivia. Ha lasciato Mitsui per entrare a far parte di una start-up del secondo anno chiamata Jiraffe come primo rappresentante di vendita dell’azienda, e in seguito è entrato a far parte di STVV, una squadra di calcio belga, come direttore operativo, e ha assistito il club nella creazione di un token comunitario. Ha fondato Murasaki nei Paesi Bassi nel 2019.

Questo articolo è a scopo informativo generale e non è inteso e non deve essere considerato un consiglio legale o di investimento. I punti di vista, i pensieri e le opinioni qui espressi sono solo dell’autore e non riflettono necessariamente o rappresentano i punti di vista e le opinioni di Cointelegraph.