Luglio 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone si rivolge alla Gran Bretagna nella battaglia per i cieli

Un rapporto più recente ha suggerito che il suo ultimo aggiornamento significherà che potrebbe aver bisogno di nuovi motori per essere progettati per fornire abbastanza energia elettrica, a spese sconosciute.

E lo stesso governo degli Stati Uniti non è stato immune dall’essere tagliato fuori dalla tecnologia del programma, poiché ha affermato che una licenza per il codice sorgente del suo software logistico sarebbe stata troppo costosa per essere acquistata dal Dipartimento della Difesa dal designer Lockeed Martin, cosa che mostra “la portata a cui questo è un programma chiuso”, secondo Francis Tusa, analista indipendente della difesa.

Il Giappone, in particolare, ha buone ragioni per essere più freddo nei confronti della cooperazione con gli Stati Uniti poiché gli è stata negata la possibilità di acquistare il caccia da superiorità aerea F-22 top secret degli Stati Uniti.

I controlli sulle esportazioni statunitensi richiedono che “le vendite siano per scopi militari autorizzati specifici e soggette a monitoraggio dell’uso finale”, portando alcuni a chiedersi se gli Stati Uniti mantengano un controllo eccessivo sulle apparecchiature che vendono.

Ad esempio, l’anno scorso gli Emirati Arabi Uniti hanno sospeso l’acquisto di armi statunitensi per 23 miliardi di dollari, in parte a causa delle preoccupazioni per le “restrizioni operative sovrane” imposte agli F-35 che stava cercando di acquistare.

Ma una mosca nell’unguento all’idea che il Regno Unito sostituisca gli Stati Uniti come principale alleato tecnologico del Giappone è la più ampia partnership di sicurezza che il Giappone ha con l’America, afferma Cunningham.

Il Trattato di mutua cooperazione e sicurezza tra Stati Uniti e Giappone, vecchio di 62 anni, impegna le due nazioni a difendersi a vicenda e crea un’alleanza militare tra i due paesi.

READ  Japan Group Maggio 2020 segna l'ultimo ciclo economico

La vicinanza del Giappone alla Corea del Nord e alla Russia, con le quali ha una disputa sulle Isole Curili, che sono russe ma quattro delle quali il Giappone esercita una pretesa, significa che ha una ragione per mantenere relazioni amichevoli con gli Stati Uniti.

Allo stesso tempo, il Giappone ha bisogno di accedere alla migliore tecnologia stealth poiché la sua vicina Cina riversa denaro nelle ultime ricerche radar. Sebbene le due nazioni abbiano buone relazioni, l’attività militare cinese nel Mar Cinese Meridionale e un aumento del suo budget per la difesa significano che è improbabile che il Giappone voglia essere lasciato indietro.

Alla fine dello scorso anno, il produttore britannico di motori a reazione Rolls-Royce ha firmato un accordo con il gigante industriale giapponese IHI per investire in un motore all’avanguardia. Il progetto, che prevede 230 milioni di finanziamenti nel Regno Unito, dovrebbe iniziare sul serio nelle prossime settimane e le aziende sperano di avere un prototipo entro il 2026.

È probabile che il suo programma di motori Tempest rimanga separato, ma poiché i due modelli di motore alimenteranno entrambi jet da combattimento bimotore affamati di elettricità, Rolls può utilizzare ciò che apprende con IHI sul motore Tempest.

Il Giappone probabilmente manterrà il proprio programma, l’FX, dice Cunningham, se la storia è una guida. “Non riesco a pensare che siano stati partner di un programma non statunitense”.

Ma ciò non fermerebbe necessariamente un accordo per coinvolgere il Giappone con alcuni aspetti di Tempest. Con motori, controlli di volo, radar, integrazione di armi, sensori e altri sistemi di rilevamento da sviluppare, oltre al corpo dell’aereo stesso, ci sono molte opportunità per raccogliere parti per il tuo aereo, afferma Tusa, l’analista della difesa.

READ  Motor Racing-Formula One estende l'accordo per il Gran Premio di Cina fino al 2025

“Quello che sembra essere il caso di Tempest è che non devi unirti a Tempest. Ma puoi unirti al radar. Quindi sembra che sia un po’ più pick and mix “, dice.

La decisione di coinvolgere BAE si baserebbe su una “richiesta di informazioni” del 2020 da parte del Ministero della Difesa giapponese a cui BAE ha risposto su come potrebbe fornire assistenza tecnica sul nuovo jet.

BAE ha affermato che la sua risposta “delinea le capacità tecniche in una serie di aree chiave, che Sistemi BAE può offrire nel supportare lo sviluppo del FX”.

Andy Latham di BAE ha detto all’epoca: “Crediamo fermamente di poter aggiungere un valore significativo al FX. Abbiamo decenni di esperienza nella collaborazione con nazioni di tutto il mondo per fornire capacità sovrane. ”

BAE ha rifiutato di commentare le notizie di una collaborazione ripresa.

Se il Regno Unito vuole mantenere la capacità di costruire un jet da combattimento – o almeno la maggior parte di esso – avrà bisogno di partner che portino ordini e finanziamenti più che aiutare con la tecnologia.

Per finanziare un programma di caccia a reazione sono necessari miliardi di sterline di ricerca, test e software, che non è fattibile dividere alcune centinaia di aerei, afferma Cunningham.

Per paesi come il Regno Unito e la Francia, che hanno la capacità tecnologica, ma non finanziaria, di creare un combattente all’avanguardia, “o esporta o muori”. Fortunatamente, i partner del Regno Unito Italia e Svezia sono bravi a vendere a nazioni con cui il Regno Unito potrebbe avere difficoltà.

“La Svezia vende molto bene ai paesi non allineati come il Brasile e il Sud Africa. L’Italia vende molto bene nell’Europa meridionale e nel Nord Africa “, afferma Cunningham.

READ  Il Giappone e gli Stati Uniti tengono le esercitazioni della marina al largo della Corea tra le preoccupazioni per i test nucleari

L’aggiunta del Giappone e delle sue profonde tasche per la ricerca potrebbe essere l’ultimo pezzo del puzzle.

“Hanno molti soldi da spendere e un bisogno percepito davvero serio e davvero serio. Sentono che la Cina è terribilmente vicina, così come la Corea del Nord, e il loro rapporto con la Russia si è deteriorato molto”.