Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone prevede di liberare riserve di petrolio per controllare i prezzi – Kyoto

Una filiale della Cosmo Oil Service Station di Cosmo Energy Holdings è stata trovata il 17 dicembre 2015 a Tokyo, in Giappone. La foto è stata scattata il 17 dicembre 2015. REUTERS / Yuya Shino

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

TOKYO, 20 nov. (Reuters) – Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha detto sabato che il suo governo sta valutando di rilasciare petrolio dalle scorte in risposta all’aumento dei prezzi del greggio, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa di Kyoto.

Kyoto ha affermato che questa è stata la prima volta che il Giappone ha rilasciato riserve di petrolio per ridurre i prezzi, sebbene il Giappone avesse precedentemente sfruttato le sue riserve per affrontare disastri naturali e rischi geopolitici.

Il governo del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta affrontando un calo dei voti di approvazione e un aumento dei prezzi della benzina premuto Alcune delle più grandi economie del mondo devono prendere in considerazione il rilascio di petrolio dalle loro riserve strategiche per mitigare l’aumento dei prezzi dell’energia.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

Le richieste includono anche chiedere alla Cina per la prima volta di considerare il rilascio di riserve di petrolio greggio.

“Stiamo valutando cosa possiamo fare in termini di coordinamento del Giappone con gli Stati Uniti e gli altri paesi coinvolti”, ha detto Kishida ai giornalisti, secondo Kyoto.

Tokyo sta monitorando da vicino l’impatto dell’aumento dei prezzi del petrolio sulla terza economia mondiale, ha dichiarato giovedì il segretario capo Hirokasu Matsuno.

READ  Niente più cookie: il Giappone prospera sugli annunci di monitoraggio online

“Mentre sollecitiamo i paesi produttori di petrolio ad aumentare la produzione di petrolio, cercheremo di stabilizzare i mercati energetici coordinandoci con i principali paesi consumatori e le organizzazioni internazionali”, ha affermato Matsuno, dell’Agenzia internazionale per l’energia.

Il Giappone improduttivo riceve la maggior parte del suo petrolio dal Medio Oriente. Il recente aumento dei prezzi del petrolio e l’indebolimento dello yen hanno spinto il costo delle importazioni a raddoppiare, un doppio colpo per la nazione commerciale.

Venerdì il governo di Kishida ha presentato un pacchetto di incentivi da 490 miliardi di dollari, che include misure per combattere l’aumento dei prezzi del petrolio. Prevede di sovvenzionare le raffinerie di petrolio, sperando di ridurre i prezzi all’ingrosso della benzina e del carburante e di ridurre il dolore per le case e le aziende a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio.

“È importante sollecitare i paesi produttori di petrolio ad aumentare la produzione di petrolio”, ha detto Kishida dopo un incontro con i ministri del governo il mese scorso. “Adotteremo misure decisive dopo aver accertato quali industrie sono interessate”.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

Relazione di Tetsushi Kazimoto; Montaggio: William Mallard

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.