Dicembre 6, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone potrebbe ripensare alla segnalazione dei casi di Covid poiché la sottovariante colpisce duramente Giappone

Giappone potrebbe presto rivedere la sua battaglia contro il coronavirus per alleviare la pressione sugli ospedali mentre lotta per far fronte al suo più grande focolaio dall’inizio della pandemia.

Il Giappone ha è andato relativamente bene durante la pandemia, con circa 32.000 morti su una popolazione di 126 milioni, ma recentemente ne ha segnalati più di 200.000 Covid-19 casi al giorno – più di qualsiasi altro paese – quando colpisce la sottovariante BA.5.

Gli esperti affermano che la recente ondata è stata guidata da bambini e persone sotto i 20 anni, che a luglio rappresentavano quasi un terzo delle nuove infezioni, con quelle sotto i 30 anni che rappresentano circa la metà di tutti i nuovi casi.

Iscriviti alla First Edition, la nostra newsletter giornaliera gratuita, ogni mattina nei giorni feriali alle 7:00 BST

Secondo quanto riferito, il governo sta valutando la possibilità di modificare il protocollo per la segnalazione di nuovi casi per ridurre l’onere per i servizi sanitari, che raccolgono i dati sui casi. Alcuni funzionari hanno messo in dubbio la necessità di segnalare ogni caso, un approccio che aumenta la pressione sugli ospedali e impedisce alle persone di lavorare se è necessario isolare i contatti stretti delle persone infette.

Alcune aziende e funzionari del governo locale chiedono anche alle autorità di riclassificare il virus – che appartiene alla stessa categoria della tubercolosi – in modo che sia considerato allo stesso modo dell’influenza, tra le prove che la sottovariante BA.5 del Covid-19 produce casi più lievi rispetto ai ceppi precedenti, ha affermato l’agenzia di stampa Kyodo.

Il Giappone ha riportato un record di 233.100 casi giovedì scorso; durante la settimana fino a lunedì ha confermato oltre 1,4 milioni di nuove infezioni – un aumento di 1,3 volte rispetto alla settimana precedente – per portare il suo carico di lavoro totale a quasi 13 milioni.

La maggior parte delle persone sotto i 60 anni non è ancora idonea per un quarto jab, mentre i più giovani sono stati lenti a ricevere il terzo. Inoltre, solo il 17% dei bambini tra i cinque e gli 11 anni ha ricevuto due dosi da quando le vaccinazioni per quella fascia di età sono iniziate a febbraio, secondo il sito web dell’ufficio del primo ministro.

Più del 60% dei giapponesi ha ricevuto tre colpi e L’uso della maschera è ancora diffusoma gli esperti sanitari ritengono che i casi siano in aumento perché sono passati diversi mesi dall’ultima vaccinazione di molte persone.

La stanchezza pandemica ha anche contribuito a guidare l’ultima ondata, secondo Akimasa Hirata, professore al Nagoya Institute of Technology. “A differenza dell’anno scorso, non stiamo assistendo a una diminuzione del numero di persone in giro, nonostante un aumento delle infezioni”, ha detto Hirata all’agenzia di stampa Kyodo. “I casi possono rimanere elevati poiché l’efficacia del vaccino tra la popolazione in età lavorativa sta diminuendo”.

Il Giappone non ha mai ordinato il blocco, ma ha periodicamente invitato le persone a evitare viaggi e uscite non essenziali e ha imposto multe alle imprese nell’economia notturna che ignorano le richieste di chiudere presto e limitare le vendite di alcolici.

Il governo è riluttante a chiedere alle persone di limitare i loro movimenti o di reintrodurre limitazioni agli orari di apertura di bar e ristoranti. Invece, lascerà alle autorità regionali decidere le proprie misure, con particolare attenzione alla protezione delle persone anziane e vulnerabili dal punto di vista medico.

“Invece di una risposta nazionale, vogliamo sostenere le risposte delle autorità regionali che si basano sulle situazioni locali”, ha affermato il vice segretario capo di gabinetto, Seiji Kihara. “È importante aiutare le attività sociali ed economiche di ogni prefettura”.

Sebbene ci siano stati meno decessi rispetto alle precedenti ondate di Covid, il numero di malati critici è in aumento in alcune parti del paese, ha affermato Kyodo.

Il tasso di occupazione dei letti riservati ai pazienti Covid a Tokyo è salito a oltre il 50%, ha affermato, poiché lunedì la capitale ha riportato oltre 20.000 nuovi casi per il 13° giorno consecutivo.

La città di Osaka ha recentemente esortato i residenti più anziani a evitare uscite non essenziali fino a quando l’ultima ondata non si sarà placata, mentre alle persone nella prefettura meridionale di Okinawa è stato chiesto di fare lo stesso fino a metà mese.

L’aumento dei contagi ha anche causato interruzioni ai settori dell’economia. Le compagnie ferroviarie in alcune regioni hanno dovuto ridurre i servizi a causa della mancanza di personale, mentre la Toyota ha sospeso le operazioni di turno di notte in una delle sue linee di produzione.

READ  Il Giappone sta perdendo il suo posto come capitale mondiale del gioco a causa dell'ostilità delle criptovalute