Gennaio 22, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone non invierà rappresentanti del governo alle Olimpiadi di Pechino

Il Giappone ha annunciato venerdì che non invierà un gruppo di ministri per rappresentare il governo ai Giochi di Pechino, ma che tre funzionari olimpici parteciperanno, una risposta mista alla mossa guidata dagli Stati Uniti di boicottare i Giochi in segno di protesta contro i diritti umani della Cina. .

Il segretario capo di gabinetto Hirokasu Matsuno ha dichiarato in una conferenza stampa regolare che “non abbiamo intenzione di inviare rappresentanti del governo”.

Saranno presenti Seiko Hashimoto, presidente del Comitato organizzatore olimpico di Tokyo, Yasuhiro Yamashita, presidente del Comitato olimpico giapponese, e Kasuyuki Mori, presidente del Comitato paralimpico giapponese.

Matsuno ha detto che tre funzionari sono presenti per rappresentare la JOC e l’IPC su invito dei Comitati Olimpici e Paralimpici Internazionali.

Alla domanda se si trattasse di un’omissione diplomatica, Matsuno ha risposto: “Non abbiamo usato una parola specifica per descrivere come stavamo partecipando”.

La decisione del Giappone di non inviare un comitato governativo segue le azioni degli Stati Uniti, dell’Australia e di alcune democrazie, tra cui Gran Bretagna e Canada, che citano le violazioni dei diritti umani da parte della Cina.

Il Giappone è in una posizione difficile, considerando la Cina come un alleato degli Stati Uniti e il suo più grande partner commerciale, e ha adottato un approccio più indulgente rispetto alle sue controparti occidentali nella situazione dei diritti umani nella regione cinese dello Xinjiang e ad Hong Kong.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha affermato di sperare di rendere i diritti umani parte integrante della sua diplomazia, creare una posizione consultiva speciale per affrontare la questione e stabilire un rapporto costruttivo con la Cina. Gli è stato chiesto più volte nelle ultime settimane cosa dovrebbe fare per le Olimpiadi di Pechino, ma ha solo detto che avrebbe preso una decisione globale nell’interesse nazionale del Giappone.

READ  Il gigante giapponese degli snack batte un dirigente di origine indiana per conquistare i cracker di riso all'estero

“Il Giappone ritiene che sia importante per la Cina garantire i valori globali della comunità internazionale, come la libertà, il rispetto dei diritti umani fondamentali e lo stato di diritto”, ha affermato Matsuno. Il Giappone ha preso in considerazione questi punti per prendere la propria decisione, ha aggiunto.

La Cina ha criticato gli Stati Uniti e altri Paesi per aver violato la neutralità politica necessaria per lo spirito della Carta Olimpica.

Gli atleti giapponesi prenderanno parte ai Giochi, che inizieranno il 4 febbraio.

“Il Giappone spera che le Olimpiadi di Pechino si svolgano come un festival della pace nello spirito delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi”, ha affermato Matsuno.

___

Altre Olimpiadi invernali AP: https://apnews.com/hub/winter-olympics e https://twitter.com/AP_Sports