Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone ha reclutato i primi nuovi astronauti in 13 anni

Postato su:

Tokyo (AFP) – Questo è un piccolo passo per il Giappone, ma una grande opportunità per essere un cadetto spaziale: il paese sta reclutando nuovi astronauti per la prima volta in un decennio e i candidati non hanno più bisogno di ottenere una laurea in scienze.

Poiché sette degli attuali astronauti del paese sono uomini, le donne sono fortemente incoraggiate a mettersi al lavoro, ha affermato l’Agenzia spaziale giapponese (JAXA).

I candidati prescelti devono essere giapponesi, saranno addestrati e inviati in missione: sulla Luna, sul gateway lunare o sulla Stazione spaziale internazionale.

“Vogliamo stabilire un sistema (di reclutamento) compatibile con l’ora attuale”, ha detto Kazuyoshi Kawasaki di JAXA in una conferenza stampa.

“In precedenza limitavamo i candidati solo ai laureati in scienze naturali, ma molti di noi hanno accettato di farlo senza bisogno”.

Tuttavia, gli esami scritti avranno domande di livello universitario in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica e verificheranno anche la conoscenza della lingua inglese dei candidati.

JAXA ha detto che accetterà le domande tra il 20 dicembre e il 4 marzo, il primo in 13 anni ad offrire posizioni ai nuovi astronauti.

Al momento stanno assumendo “alcuni” astronauti con almeno tre anni di esperienza lavorativa.

Non ci sono requisiti di età o quote di genere e l’agenzia ha ridotto il suo requisito di altezza a 149,5 centimetri (4,9 piedi).

Uno degli attuali membri dell’equipaggio giapponese, Akihiko Hoshide, 52 anni, è tornato sulla Terra a bordo della SpaceX Craft all’inizio di questo mese dalla Stazione Spaziale Internazionale.