Luglio 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone ha fissato una scadenza del 2026 per pareggiare il suo bilancio

Il Fuji, la vetta più alta del Giappone, è visibile al tramonto del 4 novembre 2001 sul grattacielo del distretto commerciale di Shinjuki a Tokyo.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • Il primo ministro Kishida ha mantenuto l’obiettivo della riserva primaria per l’anno finanziario 2025
  • Previsioni proprie del governo per mostrare il saldo di bilancio nell’anno fiscale 2026
  • Gli analisti vedono l’obiettivo finanziario in alto dopo un forte stimolo

TOKYO, 13 gen. (Reuters) – Il governo giapponese stima che il suo budget primario sarà in pareggio nell’anno fiscale 2026, circa sei mesi prima della precedente previsione, hanno riferito due fonti a Reuters.

La previsione rivista terrà conto di una forte ripresa economica dalla crisi del COVID-19 e di un aumento delle entrate fiscali, hanno affermato fonti anonime poiché la nuova valutazione dovrebbe essere finalizzata venerdì.

Separatamente da questa previsione, il governo ha fissato l’obiettivo di raggiungere un saldo di bilancio primario entro il 2025 come misura chiave della salute finanziaria di un paese, escludendo le nuove emissioni di obbligazioni e i costi del servizio del debito. Ma i ritardi nella riforma fiscale hanno respinto più volte l’obiettivo.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Il suo impegno più recente a raggiungere tale obiettivo nell’anno fiscale 2025 include un avviso che verrà riesaminato quando verranno pubblicate le previsioni finanziarie riviste per calcolare le ricadute dell’epidemia.

Poiché il primo ministro Fumio Kishida deve far fronte alle pressioni di entrambe le parti all’interno del suo Partito Liberal Democratico (LDP) al governo, l’obiettivo è se il governo punterà o abbandonerà il sostegno a una maggiore spesa per incentivi.

READ  Le partite correnti del Giappone di febbraio tornano in avanzo rispetto al grande disavanzo

Il Giappone è bloccato nel debito pubblico il doppio della sua economia da 5 trilioni di dollari, la terza più grande al mondo, rendendo il mondo industriale il più grande onere del debito mondiale a causa di decenni di enormi costi di adescamento delle pompe.

“Le entrate fiscali reali sono esagerate dalle entrate derivanti da massicce spese di stimolo, ma considerando l’incertezza come l’esplosione di Omicron, è pericoloso presumere che le entrate fiscali saranno elevate”, ha affermato Hiroshi Shirashi, economista senior del BNP. Titoli Paripas.

“Il Giappone deve portare la bandiera della riforma fiscale per ottenere la fiducia del mercato nella sua gestione del debito, ma sarà difficile raggiungere l’obiettivo di bilancio primario dato il rischio di un ‘precipizio finanziario’ che potrebbe essere innescato dalla presa”.

Poiché Kishida deve affrontare pressioni per mantenere o aumentare la spesa in vista delle elezioni della Camera alta di quest’anno, c’è incertezza sul fatto che il Giappone sarà in grado di accelerare gli sforzi per mantenere in ordine i suoi fondi.

Un sondaggio Reuters mostra che la maggior parte delle società giapponesi dovrebbe continuare a fornire assistenza finanziaria almeno per il resto dell’anno, poiché le principali economie dall’Europa agli Stati Uniti si ritirano dai programmi di stimolo economico soggetti a crisi. Per saperne di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Kaori Kaneko, Leika Kihara e Daniel Leussink; Montaggio di Jacqueline Wong e Kim Gokil

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.