Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone è in preda a una “guerra delle patate” mentre la carenza di spud colpisce duramente McDonald’s

Il Giappone è nella morsa di una “guerra delle patate”, con catene di fast food che bombardano gli amanti delle patatine con promozioni nel tentativo di conquistare nuovi clienti dopo che McDonald’s ha annunciato che stava razionando le sue patatine fritte.

La catena americana ha dichiarato all’inizio di questo mese che, a causa della scarsità di patate, avrebbe dovuto servire porzioni più piccole di patatine in tutti i suoi 2.900 negozi in tutto il Giappone fino al prossimo mese “per essere sicuri di avere un sacco di scorte e che i nostri clienti possano godersi le patatine di McDonald’s senza interruzione “.

Secondo quanto riferito, anche gli hash brown sono stati rimossi dal menu in alcune località.

McDonald’s ha affermato che i tagli erano dovuti a interruzioni logistiche globali causate dalla pandemia e dalle inondazioni vicino a un porto di Vancouver.

L’annuncio ha spinto altre catene di fast food in Giappone – il più grande mercato asiatico per i prodotti a base di patate surgelate statunitensi – a cercare di incassare clienti sempre più scontenti in quella che sui social media è stata soprannominata una “guerra delle patate”.

Secondo quanto riferito, la catena di edicole Ministop ha triplicato le dimensioni delle sue porzioni normali di patatine fritte, mentre Picard, una famosa azienda di alimenti surgelati di fascia alta, ha twittato fotografie di patatine presentate ad arte con la didascalia: “Patatine fritte, lascia fare a noi”.

“Profughi di patate”

Un utente dei social media ha commentato: “È una guerra benvenuta per gli amanti delle patatine fritte”.

Ma non tutti sono felici. Un uomo di 30 anni nel centro di Tokyo ha detto a Kyodo News: “Mi sono sentito così triste per il [McDonald’s] razionamento perché mi piacciono le patatine. Spero che risolvano presto il problema”.

READ  Indus ha perso contro il giapponese Takahashi in semifinale

Il “conflitto” aveva persino portato la frase “rifugiati di patate” di tendenza sui social media.

Freshness Burger, una catena di hamburger a livello nazionale, ha affermato che stava aumentando le porzioni di patatine del 25% “per salvare i rifugiati di patate. Vogliamo soddisfare le loro esigenze di patate. ”

Si è anche affrettato a promuovere il fatto che le sue patatine fritte sono fatte con patate coltivate in Giappone piuttosto che con importazioni statunitensi.

Alcuni stanno giurando di restare fedeli a McDonald’s, per ora comunque.

“Non credo che passerò immediatamente ai prodotti di altre aziende”, ha affermato Tatsunori Taniai, 33 anni, un autodefinito amante del cibo spazzatura. “Ma se la carenza di patate continua, non ci sono garanzie”.

I ritardi nelle catene di approvvigionamento globali non hanno colpito solo gli amanti dei chip in Giappone.

McDonald’s Malaysia ha annunciato questa settimana piani simili per tagliare grandi porzioni di patatine fritte in tutto il paese.

All’inizio di questo mese, KFC in Kenya ha dovuto ritirare completamente le sue patatine importate dai suoi menu a causa dei ritardi di spedizione causati dal Covid-19, nonostante le patate siano il secondo raccolto più consumato del paese dopo il mais.

Dopo che una campagna di “boicottaggio KFC” ha preso piede sui social media, la società ha annunciato che avrebbe iniziato a procurarsi patate a livello locale.