Agosto 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Giappone cammina sul filo del rasoio tra nessuna restrizione COVID, tensione ospedaliera

Il governo giapponese al momento non ha in programma di imporre restrizioni durante la settima ondata di infezioni da coronavirus, ma resta da vedere se il sistema medico sarà in grado di sopportare il costo di questa decisione.

Domenica sono state segnalate oltre 105.500 nuove infezioni a livello nazionale, quasi il doppio rispetto a una settimana prima e superando le 100.000 per il terzo giorno consecutivo. Tra i picchi, in parte guidati dalla sottovariante BA.5 Omicron altamente trasmissibile, il numero di casi gravi è aumentato di 15 da un giorno prima a 129.

L’Okinawa Medical Association tiene una conferenza stampa di emergenza il 15 luglio 2022 a Haebaru, nella prefettura di Okinawa, per affrontare l’aumento dei pazienti COVID. (Kyodo)

“Se il numero di casi gravi continua ad aumentare, i posti vacanti in ospedale potrebbero non essere in grado di tenere il passo”, ha affermato Hironori Sagara, direttore dello Showa University Hospital di Tokyo.

L’ospedale, che ha accolto pazienti con sintomi COVID-19 relativamente gravi, ne aveva ricoverati meno di 10 nella prima metà di giugno, ma il numero è salito a circa 20 a luglio.

Le infezioni giornaliere in Giappone sono diminuite costantemente da quando ha raggiunto un picco di circa 104.000 infezioni il 12 febbraio. 3, ma da fine giugno è stata osservata una rinascita.

Mentre il sistema di trasferimento dei pazienti in hotel o strutture una volta che i loro sintomi si sono attenuati ha funzionato senza intoppi, ha funzionato solo perché la maggior parte dei pazienti aveva sintomi da lievi a moderati, secondo Sagara.

“La situazione cambierà in futuro quando le persone con malattie di base saranno ricoverate in ospedale per periodi più lunghi. Per gestirlo, dobbiamo fare un uso efficiente dei letti”, ha affermato.

READ  TSMC Eyes sta costruendo un impianto in Giappone nel 2022, con operazioni che inizieranno nel 2024

I tassi di occupazione dei letti d’ospedale a Tokyo, che domenica hanno riportato 17.790 nuove infezioni, hanno superato il 30%, con oltre 2.000 persone ricoverate in ospedale il 12 luglio.

governo di Tokyo Yuriko Koike ha ordinato misure per ridurre il numero di decessi e casi gravi, compreso l’aumento del numero di stanze disponibili presso le strutture di cura da 9.000 a 12.000, pur mantenendo le attività socioeconomiche.

La situazione è ancora più grave ad Okinawa, con la prefettura dell’isola che ha riportato un record di 4.165 nuove infezioni domenica e un tasso di occupazione dei letti d’ospedale di circa il 60%.

Con i pazienti che si lamentavano di febbre alta che inondava i reparti di emergenza, l’associazione medica della prefettura di Okinawa, in una conferenza stampa venerdì, ha chiesto alle persone di non effettuare visite di emergenza solo per “sintomi di raffreddore”, sottolineando che il sistema è “sull’orlo del collasso”.

Persone che indossano maschere per la protezione contro il coronavirus camminano nell’area Minami di Osaka il 17 luglio 2022. (Kyodo)