Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il dollaro scende nel commercio instabile mentre gli investitori valutano gli scenari dell’Ucraina


FILE PHOTO: Un’illustrazione dell’immagine del dollaro USA, del franco svizzero, della sterlina britannica e delle banconote in euro, scattata a Varsavia il 26 gennaio 2011. REUTERS / Kacper Pempel

Di Chuck Mikolajczak

NEW YORK (Reuters) – Martedì il dollaro USA è leggermente sceso rispetto a un paniere di valute principali a causa del commercio instabile stimolato dagli sviluppi in Ucraina dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto due regioni separatiste nel Paese e ordinato truppe nell’area.

Il Cremlino ha affermato di essere rimasto aperto alla diplomazia con gli Stati Uniti e altri paesi mentre ha dovuto affrontare le azioni di una sfilza di paesi. La Gran Bretagna ha pubblicato un elenco di sanzioni e la Germania ha congelato il progetto del gasdotto Nord Stream 2 nel Mar Baltico, che avrebbe aumentato significativamente il flusso di gas russo.

Il dollaro si è leggermente indebolito quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato la prima ondata di sanzioni contro la Russia, dicendo che sperava che la diplomazia fosse ancora disponibile.

L’euro è salito rispetto al biglietto verde dopo aver toccato in precedenza il livello più basso da febbraio. 14, sostenuta in parte dalla speranza di colloqui e dati economici che hanno mostrato che il morale delle imprese in Germania è migliorato a febbraio in tutti i settori ai massimi da agosto.

L’indice del dollaro è sceso dello 0,1%, con l’euro in rialzo dello 0,2% a $ 1,1333. Il biglietto verde è oscillato tra guadagni fino allo 0,1% e un calo dello 0,35% nel corso della giornata.

“Putin sta conducendo lo spettacolo qui, ma i mercati non rispondono come se avessero davvero paura che quello che è successo sia un’escalation irredimibile che finirà con il tipo di sanzioni che distruggono le economie, o almeno distruggeranno la ripresa globale , “ha affermato Joseph Trevisani, analista senior di FXStreet.com a New York.

READ  I gestori di telefonia mobile in Giappone lanceranno la portabilità degli indirizzi e-mail

“Il gioco è ancora nell’aria e i mercati lo sanno, non lo vedono come un grande cambiamento della situazione”.

Il rublo russo si è rafforzato del 2,07% rispetto al dollaro a 78,76 dopo essere sceso a 80,9275 per biglietto verde, un livello visto l’ultima volta a novembre 2020. La sterlina è stata scambiata l’ultima volta a $ 1,359, in calo dello 0,06% nella giornata.

Il dollaro ha guadagnato terreno in precedenza dopo che i dati di IHS Markit hanno mostrato che l’attività commerciale negli Stati Uniti a febbraio ha ripreso velocità mentre il rallentamento dell’aumento dei casi di COVID-19 durante l’inverno è diminuito.

Altri dati, tuttavia, hanno mostrato che la fiducia dei consumatori statunitensi è scesa per il secondo mese consecutivo a febbraio.

Dopo essersi inizialmente rafforzati nei confronti del dollaro, i beni rifugio come il franco svizzero e lo yen giapponese hanno restituito guadagni rispetto al biglietto verde. Il dollaro è salito dello 0,6% rispetto al franco svizzero, mentre lo yen si è indebolito dello 0,29%.

Nelle criptovalute, il Bitcoin è aumentato per l’ultima volta del 2,76% a $ 38.089,06. Ethereum l’ultima volta è salito dell’1,94% a $ 2.632,62.

(Segnalazione di Chuck Mikolajczak; montaggio di Chizu Nomiyama, Jonathan Oatis e Mark Heinrich)

(c) Copyright Thomson Reuters 2022. Fare clic per le restrizioni –
https://agency.migration.com/en/copyright.html